Tartufi di cioccolato e rum

tramite: O2O
Difficoltà: media
Tartufi di cioccolato e rum
18

Introduzione

Oggi vi mostrerò passo dopo passo come preparare degli squisiti tartufi di cioccolato e rum. Per la preparazione utilizzerò, per i tartufi: panna fresca, cioccolato fondente, tagliato a scaglie, miele e rum. A seconda dei propri gusti il cioccolato fondente può essere sostituito con quello a latte, bianco o gianduia.

28

Occorrente

  • 400g - cioccolato fondente a scaglie
  • 250g - panna fresca
  • 25g - glucosio o miele
  • 20-25g - Rum
  • 300g - cioccolato fondente fuso
  • 150g - cacao amaro in polvere
38

Se si vogliono preparare dei tartufi analcolici si può benissimo eliminare il rum oppure sostituirlo ad un altro liquore in base ai propri gusti. Per la copertura utilizzerò lo stesso cioccolato che ho utilizzato per i tartufi, quindi quello fondente. Cacao amaro in polvere e dei pirottini di carta per servirli.

48

Come prima cosa in una casseruola piccola unisco la panna con il miele. Lascio scaldare il tutto a fuoco basso. Preso il bollore tolgo dal fuoco. Verso tutto nel cioccolato e mescolo con una spatola fino a sciogliere il cioccolato completamente. Sciolto bene il cioccolato il composto è pronto.

Continua la lettura
58

Se voglio preparare i tartufi classici aspetterò che si raffreddi il composto e poi aggiungo il Rum. Mentre, invece, se voglio preparare dei tartufi meno alcolici, aggiungo il rum in questo momento quando ancora il composto è caldo, in questo modo parte dell'alcol evaporerà. Quando è freddo aggiungo il rum, un bicchiere, mescolo per bene e successivamente controllo la temperatura. Se è di circa 28° può bastare.

68

Infine, con la frusta o con le fruste elettriche lavoro all'impasto per circa 5 minuti. Come si potrà notare il composto ha cambiato colore, diventando più chiaro, liscio e cremoso. A questo punto posso formare con una sacca-poche i vari tartufi oppure lascio riposare il composto in frigorifero fino a quando non avrà la giusta consistenza da poterlo lavorare con le mani.

78

Trascorsa un'ora il composto si è solidificato. Quindi preparo i tartufi in questo modo. Con un cucchiaino prendo un po' di ganache e con le mani modello una pallina, e volendo posso aiutarmi con del cacao. Terminata la preparazione dei tartufi, ne sono usciti circa 40, li lascerò riposare 10 minuti in frigo, nel frattempo sciolgo il cioccolato che mi servirà per ricoprire la parte esterna.

88

Trascorsi 10 minuti prendo il tartufo lo immergo nel cioccolato e lo passo nelle mani, poi nel cacao. Ripasso bene tutti i tartufi nel cacao e li posiziono in un setaccio. Infine, scuoto il setaccio per togliere il cacao in eccesso. A questo punto sono pronto per posizionare i tartufi nei pirottini e a questo punto i tartufi al rum sono pronti. Buon appetito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare i tartufi al caffè col Bimby

Il bimby è il robot da cucina più famoso e completo, semplicissimo da utilizzare. Con questo grande alleato possiamo creare piatti da cuoche provette. La varietà delle ricette è sconfinata: possiamo preparare primi, creme, gelati, sorbetti, emulsioni,...
Dolci

Come fare i tartufi di castagne

Volendo preparare un dolce innovativo e dal gusto particolare, possiamo cimentarci nell'elaborazione di tartufi di castagne. La ricetta è tipica del Piemonte, e se ben eseguita ci regala un raffinato dessert da servire ad ospiti di riguardo dopo una...
Antipasti

Frittata coi tartufi: la ricetta classica

Il tartufo, si sa, è uno degli alimenti più pregiati. Che sia bianco o nero, il profumo e il sapore sono assolutamente inconfondibili. Si sposa alla perfezione con qualsiasi pietanza, anche la più semplice. Qui vedremo infatti come realizzare la ricetta...
Antipasti

Ricetta: involtini di melanzane con crema di tartufi

Le melanzane rappresentano da sempre un ingrediente molto interessante della cucina italiana e non solo. Tonde o allungate, nere o viola, si prestano benissimo a tante preparazioni originali e gustose. Possiamo utilizzare le melanzane per un primo piatto,...
Consigli di Cucina

Come conservare i tartufi

L'Italia è uno dei paesi più importanti per la produzione ed esportazione delle varie specie di tartufo. La crescita dei tartufi avviene in modo spontaneo ed è legata a fattori ambientali e stagionali; per questo, essendo piuttosto raro, è molto costoso....
Dolci

Come preparare i tartufi al riso soffiato

Questa ricetta che mi appresto ad illustrarvi, molto spesso viene preparata con la collaborazione dei bimbi, perché risulta essere molto semplicistica nella sua preparazione ma, allo stesso tempo, ugualmente golosa. Quando ci avviciniamo allo svariato...
Primi Piatti

Come preparare gli spaghetti ai tartufi di mare

Il tartufo di mare o Arsella è un mollusco che vive nel Mar Mediterraneo e cresce tra le foglie di una pianta sottomarina che prende il nome di Posidonia Oceanica. Vive in zone caratterizzate dai fondali sabbiosi. Esternamente è molto simile ad una...
Carne

10 secondi a base di tartufo

I tartufi sono una specie di funghi ipogei molto rari, perché la loro crescita è condizionata molto dal clima. Il maggior produttore mondiale ed esportatore di tartufi è l'Italia, che possiede tutte le specie di tartufo utilizzate in gastronomia. Il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.