Ziti alla pugliese al forno: ricetta tradizionale

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La ricetta tradizionale degli Ziti alla pugliese al forno è una vera e propria delizia. Gusterete una pasta a dir poco fantastica, che si scioglie in bocca. Le due tipologie di carne andranno a creare un sugo corposo ma delicato nello stesso tempo. Gli Ziti alla pugliese al forno sono ideali come pasto unico. La preparazione è semplice e richiede un'ora e mezza circa.

25

Occorrente

  • 1 mozzarella di bufala
  • 300 grammi pasta di semola
  • 200 grammi manzo macinato
  • 200 gr di salsiccia
  • 700 grammi pomodoro polpa
  • 30 grammi pane grattugiato
  • 100 grammi pecorino da grattugiare
  • 4 uova
35

La preparazione del sugo

La ricetta tradizionale degli Ziti alla pugliese al forno richiede un sugo ad hoc. Prendete uno spicchio di aglio e sbucciatelo. Schiacciatelo con una forchetta e rosolatelo in padella con un filo di olio extravergine. Intanto, riducete in poltiglia la salsiccia. Aggiustate di sale e buttatela in padella. Abbassate la fiamma e cuocete per un paio di minuti. Ora andrete a sfumare la carne con mezzo bicchiere di vino. Tenendo sempre la fiamma bassa, incorporate la polpa di pomodoro finissima. Insaporite a piacere. Cuocete quindi il sugo per la ricetta tradizionale degli Ziti alla pugliese al forno per una mezz'ora abbondante. Mescolate di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.

45

La preparazione delle polpettine

A questo punto, andrete ad aggiungere il pecorino. Amalgamate anche gli altri ingredienti, tra cui le uova intere e il pan grattato. Condite con sale, pepe e una manciata di prezzemolo fresco. Mescolate per bene il tutto. Infarinate il piano di lavoro. Impastate il composto di carne e formate delle piccole polpette. Scaldate in una pentola anti aderente tre cucchiai di olio di oliva. Quando sarà bollente, adagiatevi le polpettine di carne. Rosolatele per un paio di minuti, fino a quando diventeranno dorate.

Continua la lettura
55

La preparazione degli ziti

Assorbite l'eccesso di olio delle polpette di carne con la carta da cucina. Successivamente, buttate nell'acqua bollente gli ziti. Quando saranno pronti, scolateli. Insaporite la salsa di pomodoro con origano, basilico e rosmarino. Cospargete con il sugo una teglia da forno. Sopra esso adagiate le polpette di carne. Lessate le uova, tagliatele e distribuite le fettine sulle polpette. Il prossimo strato sarà costituito dagli ziti. Aggiungete quindi la mozzarella e, se volete, un altro strato di pasta. Infine, spolverizzate gli ziti con una manciata abbondante di pecorino. Preriscaldate il forno e cuocete la pietanza per 15-20 minuti a 220 gradi. Trascorso il tempo necessario, estraete la teglia e servite la pasta in tavola ancora ben calda. Per la ricetta tradizionale degli Ziti alla pugliese al forno è ottimo un vino rosso molto corposo, fermo e servito a temperatura ambiente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: ziti pomodori e acciughe

In estate la cucina torna ad essere minimal e leggera, con preparazioni poco elaborate che premiano la freschezza. Per portare in tavola un delizioso pranzo last minute, lasciamoci conquistare dal profumo estivo degli ziti con pomodoro e acciughe! Una...
Primi Piatti

Ricetta: ziti spezzati con finferli al bacon

Comporre dei primi piatti è molto semplice perché solitamente, sono più facili da condire con diverse tipologie di sughi succulenti e sfiziosi. Trai i vari tipi di pasta che possono essere utilizzati per creare una ricetta davvero particolare, è possibile...
Pesce

Ricetta: ziti alla norma di mare

La ricetta degli ziti (in dialetto 'nziti) alla Norma di mare sono un primo piatto quanto mai gustoso e gradevole, che si presta a essere preparato nel periodo estivo.Un gusto fresco, speziato quanto basta e aromatizzato dal profumo del pesce ne fa una...
Primi Piatti

Ricetta: ziti ai calamari

Se al mercato abbiamo acquistato dei calamari freschi, ed intendiamo cucinarli in un modo diverso dalla classica frittura, possiamo pulirli e poi preparare un gustoso sugo, ideale per condire della pasta possibilmente rigata come ad esempio gli ziti....
Primi Piatti

Le 10 migliori ricette di pasta al forno

La pasta al forno è un primo piatto estremamente gustoso e saporito. Particolarmente amato, è una pietanza tipica della tradizione culinaria italiana. Si può realizzare in diversi modi, utilizzando la giusta dose di ingredienti ed un pizzico di fantasia....
Primi Piatti

3 primi a base di piselli

I piselli sono un buon ingrediente con cui è possibile preparare svariati piatti: dai primi, ai secondi, ai contorni. In questa breve guida voglio proporvi tre primi piatti a base di questo squisito legume con cui conquistare grandi e piccini. La prima...
Antipasti

10 stuzzichini finger food

Aperitivi e rinfreschi di vario genere, stanno prendendo largamente piede anche nel nostro paese, tradizionalmente legato di solito a pietanze più formali e da tavola. Grazie al loro gusto, alla loro varietà e anche alla possibilità di essere realizzati...
Consigli di Cucina

5 varietà di pesto

Non c'è nulla di più indicato di un pesto per un pranzo estivo. Fresco e aromatizzato, accompagna e arricchisce piatti di pasta, donando ad essi un sapore unico e deciso. Generalmente ogni regione italiana ha la sua varietà di pesto. C'è chi predilige...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.