10 frutti e ortaggi da scegliere sempre bio

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Mai come negli ultimi anni è stata posta una particolare attenzione alla qualità dei cibi che portiamo sulla nostra tavola. Come risposta a questa crescente domanda il settore del biologico è nettamente aumentato e si è molto espanso rispetto al passato.
Di pari passo con questo sviluppo si sono susseguiti svariati studi sulle coltivazioni non biologiche, evidenziando che frutti e ortaggi coltivati utilizzando fertilizzanti chimici e pesticidi sono molto aggressivi, non solo a livello ambientale ma anche per la nostra salute.
Ecco dunque una lista di 10 tipi di frutta e verdura da scegliere sempre bio, per scongiurare l'assunzione di sostanze che posso rivelarsi dannose per il nostro corpo ma anche per l'ambiente!

211

Mela

In questa classifica svettano tristemente le mele. Sono uno dei frutti più consumati perché sono facilmente reperibili tutto l'anno, ma sono anche altamente soggette a funghi e insetti vari. Ecco perché i pesticidi che vengono usati sulle mele sono numerosi e anche aggressivi.
Il 98% delle mele esaminate nei test dell'EWG (ente di ricerca ambientale americano), presenta almeno un pesticida residuo al lavaggio di questo frutto.

311

Fragola

Purtroppo troviamo presenti molti pesticidi aggressivi in questo frutto amatissimo e largamente consumato in tutto il mondo, le fragole. Anche in questo caso più del 98% delle fragole analizzate dall'EWG risulta avere almeno un pesticida resistente al lavaggio del frutto stesso, rendendone poco sana l'assunzione se provenienti da agricolture non biologiche.

Continua la lettura
411

Pesca

Le pesche (anche quelle nettarine) seguono a ruota nella lista degli frutti più inquinati da pesticidi. Esse sono un alimento prettamente estivo e fanno la comparsa sulle nostre tavole con l'arrivo del caldo. Anche sulla loro buccia si depositano tantissimi pesticidi ed è quindi consigliabile acquistare pesche prodotte con agricoltura biologica.

511

Uva

Non trovano scampo nemmeno i buonissimi grappoli d'uva. Rinfrescante e dissetante in estate, questo frutto molto zuccherino è però tristemente inquinato da troppe sostanze chimiche.
Al suo esterno di depositano ben 15 tipi di pesticidi diversi che non vengono eliminati nemmeno lavando bene i grappoli, a meno che non siano coltivati biologicamente.

611

Mirtillo

Ultimi per quanto riguarda i frutti troviamo i mirtilli. Questo alimento dal caratteristico colore viola non viene risparmiato dall'aggressività dei pesticidi che vanno a depositarsi sulla sua buccia e di conseguenza che rischiamo poi di mangiarne. Va detto che la presenza di sostanze chimiche nei mirtilli surgelati è inferiore, ma è comunque meglio mangiare un prodotto fresco e di provenienza biologica piuttosto che uno congelato.

711

Patata dolce

Passando agli ortaggi, il primo da segnalare è senza dubbio la patata dolce. Sempre secondo gli studi dell'EWG questi tuberi posseggono, per peso, il maggior quantitativo di pesticidi di ogni altro prodotto! Ponete dunque attenzione al momento dell'acquisto, scegliendo con cura ciò comprate onde evitare di servire in tavola alimenti coltivati senza tenere conto della salute del consumatore.

811

Peperone

I peperoni dolci esistono di svariati colori ma purtroppo nessuno di essi è al sicuro dalle grandi quantità di pesticidi che gli vengono propinati nei campi. Questo ortaggio infatti viene coltivato utilizzando ben 15 tipi di sostanze chimiche diverse.

911

Peperoncino

Sfortunatamente nemmeno il peperoncino può essere dichiarato un alimento "pulito". Infatti porta su di sé concimi tossici per la salute di chi li mangia, a meno che essi non provengano da agricolture biologiche. Come dimostrano i test condotti dal Dipartimento dell'Agricoltura Americano, i residui dei pesticidi sul peperoncino risultano essere particolarmente nocivi, con evidenti conseguenze sulla nostra salute.

1011

Cavolo

Trattandosi di una verdura a foglia verde, il viene considerato rientrante nella categoria a "rischio".
Infatti gli ortaggi a foglia verde sono troppo spesso contaminati da pesticidi nocivi e tossici per il nostro sistema nervoso. Il cavolo dunque corre il grosso rischio di essere coltivato in modo errato e per non sbagliare è importante acquistalo quando si è sicuri della sua provenienza "pulita".

1111

Sedano

Il sedano può essere paragonato, purtroppo negativamente, al caso della mela. Esso non rientra tra le principali categorie a rischio (come le verdure a foglia verde) ma è uno degli ortaggi che contiene maggiori sostanze pericolose per la salute, se coltivato in modo sbagliato.
Nel sedano sono infatti presente pesticidi che purtroppo resistono al lavaggio e quindi è ancora più importante accertarsi del tipo di agricoltura utilizzata per produrlo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

10 usi alternative delle bucce dei frutti

La buccia è un rifiuto o una risorsa? Si sa, la buccia della frutta è da molti considerata un semplice scarto, diventando nel migliore dei casi compost e nel peggiore aumenterà il volume della pattumiera. Ma non potremmo fare nulla di più sbagliato....
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a maggio

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di voler assaporare un ortaggio o un frutto durante la stagione invernale, periodo nel quale questi alimenti non vengo prodotti. In questi casi potremo provare a realizzare delle conserve degli ortaggi...
Consigli di Cucina

Come insaporire il mais in scatola

Il mais in scatola è un alimento molto usato per condire pasta, riso ed insalate. In estate è un grande aiuto per chi vuole arricchire un piatto freddo in modo veloce ed economico. Per usarlo, infatti, basta semplicemente sciacquarlo sotto acqua corrente...
Consigli di Cucina

Come conservare i fichi d'India sbucciati

I fichi d'India sono un particolare frutto dalle straordinarie proprietà. Questi frutti nascono da piante altre anche 3 metri, che somigliano a cactus, foglie verdi e larghe, con spine. Nella fioritura è possibile notare fiori dai colori vivacissimi...
Consigli di Cucina

10 consigli per preparare le conserve

Tradizione antica quelle delle conserve, che ci riporta alla mente i ricordi di qualche decennio fa, quando, soprattutto se si abitava in zone contadine e a scarsa industrializzazione, avere a disposizioni degli alimenti per tutto l'anno non era facile...
Consigli di Cucina

Ricette senza lievito: 5 ricette dolci

I dolci, una tentazione continua per i golosi. Molti di essi contengono, tuttavia, il lievito e non sono proprio adatti a tutti. Di seguito conoscerete ben 5 ricette dolci senza lievito, selezionate con cura tra una vasta scelta e sviluppate per chi è...
Consigli di Cucina

Carciofi ripieni: 10 ricette per tutti i gusti

Se si è amanti dei carciofi e si vogliono utilizzare non solo come contorno, ma come secondo piatto da portar in tavola o, ancor meglio come pietanza unica, si devono assolutamente seguire le dieci ricette qui delineate, utili per preparare gli stessi...
Consigli di Cucina

Come fare la conserva di melanzane sott'olio

Qualora vi piacciono le melanzane, vi consiglio assolutamente di procedere nell'attenta lettura dei passaggi successivi della seguente pratica e deliziosa guida, nella quale vi spiegherò bene come bisogna fare correttamente la conserva di melanzane sott'olio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.