3 ripieni alternativi per i ravioli

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I ravioli sono una preparazione gastronomica tipica italiana, che ogni regione o località realizza secondo le proprie personalissime varianti, mettendole in atto nell'elaborazione dei ripieni. Trattandosi di una pietanza versatile, la farcitura si presta anche a delle soluzioni di carattere esotico e dunque, oltre ai classici ravioli alla carne o alla ricotta e spinaci, potremo trovare quelli alla polpa di granchio, per esempio. Questa pietanza nutriente, semplice e gustosa non deluderà alcun palato, nemmeno quello più esigente. E con fantasia ed inventiva, la guida di oggi si appresta a descriverci 3 ricette di ravioli con altrettanti ripieni alternativi: uno alla carne, uno al pesce e l'ultimo alle verdure e formaggio. Vediamoli insieme.

27

Occorrente

  • Primo ripieno: 300 g di polpa di agnello tritata, una cipolla rossa, 250 g di pomodoro pelato, sedano, carota, olio evo, sale e pepe q.b
  • Secondo ripieno: 200 g di scampi, aglio, cipolla, due zucchine medie, prezzemolo, peperoncino, olio evo, sale e pepe q.b.
  • Terzo ripieno; un radicchio di Chioggia, scalogno, 200 g di ricotta, 150 g di speck, due uova, parmigiano grattugiato, sale e pepe q.b. olio evo.
37

Cominciamo con la farcitura di carne di agnello, tritando in modo piuttosto fine la cipolla, la carota ed il sedano e facendoli rosolare alcuni minuti in una padella dai bordi alti, insieme a tre cucchiai di olio extravergine d'oliva. Non appena le verdure risulteranno ben dorate, aggiungiamo la carne di agnello macinata finemente e continuiamo a cuocere, avendo cura di mescolare bene servendoci di un cucchiaio di legno, per far si che tutti gli ingredienti risultino ben amalgamati fra di loro. Quando la carne giungerà circa a metà cottura, uniamo anche il vino lasciandolo sfumare e cuocendo ancora per dieci minuti; quindi versiamo i pomodori pelati e facciamo andare avanti la cottura per altri 40 minuti a fiamma bassa, aggiustando di sale e pepe e facendo asciugare il composto, in modo che non resti troppo brodo di fondo. Una volta cotto spegniamo la fiamma e facciamo riposare.

47

La seconda ricetta prevede un ripieno di pesce: un composto di scampi e zucchine. Come prima cosa laviamo e sgusciamo gli scampi eliminando il carapace con l'aiuto di un coltello (nel caso in cui si tratti di scampi freschi, ma per comodità possiamo ricorrere anche agli scampi surgelati o già sgusciati). Una volta ripuliti gli scampi tritiamo l’aglio, la cipolla, il prezzemolo e il peperoncino, quindi li facciamo soffriggere in una padella antiaderente per qualche momento, assieme a un filo d’olio evo. A questo punto possiamo incorporare gli scampi tritati finemente e le zucchine, grattugiate con una grattugia a sezione larga, aggiustando di sale e pepe. Una volta ultimata la cottura spegniamo la fiamma, aggiungiamo qualche cucchiaio di parmigiano mescolando per bene e lasciamo riposare.

Continua la lettura
57

L'ultima opzione prevedere un ripieno a base di radicchio, speck e ricotta: un composto sostanzioso e genuino. Iniziamo lavando il radicchio e tagliandolo a striscioline molto sottili, quindi in una padella a parte facciamo rosolare lo scalogno affettato finemente insieme a due cucchiai d'olio evo. Ora aggiungiamo il radicchio e lo speck, anch'esso tagliato a strisce sottili, per cui portiamo avanti la cottura sino a che i liquidi non saranno sfumati, aggiustando di sale ed evitando di esagerare perché lo speck è già piuttosto salato. Una volta ultimata la cottura, mettiamo il composto in una terrina aggiungendo anche la ricotta, il parmigiano grattugiato e le uova, quindi amalgamiamo con cura il tutto con un cucchiaio di legno e lasciamo riposare qualche minuto perché insaporisca.

67

Per concludere le nostre preparazioni, una volta che i ripieni sono pronti, dovremo semplicemente stendere la pasta creando una larga sfoglia non eccessivamente spessa, disponendovi le palline di ripieno con un cucchiaio o con le mani soltanto sulla metà inferiore di essa e richiudendo il foglio di pasta su se stesso, schiacciando bene nello spazio tra le palline di ripieno e ritagliando i ravioli con l'aiuto di una rotellina per sfoglia. Riponiamo i ravioli così ottenuti in un vassoio infarinato di semola prima di cuocerli, per evitare che si attacchino fra di loro.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I composti devono risultare piuttosto compatti e pertanto dovranno asciugare abbastanza durante la cottura.
  • Se dovessimo usare degli scampi congelati, decongeliamoli prima di cuocerli e lasciamoli sgocciolare bene, per evitare che rilasciano troppa acqua durante la cottura.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: ravioli ripieni al formaggio con sugo di salsiccia

I ravioli al sugo appartengono alla tradizione culinaria italiana. Vengono preparati in tutto lo stivale, soprattutto al sud. Sono un must dei pranzi domenicali e si possono realizzare con differenti ripieni. Lungo i passi di questa guida vi mostreremo...
Primi Piatti

Come fare i ravioli ripieni di pecorino mele e noci

I ravioli fatti in casa sono una portata eccezionale. In questa guida, ve li presentiamo ripieni di pecorino, mele e noci. Si tratta di un primo piatto che richiama i sapori tipici dell'autunno. Sono perfetti da proporre al pranzo della domenica o ad...
Primi Piatti

Ricetta: ravioli ripieni di gamberi e capesante

I ravioli, come i tortellini, sono una tipologia di pasta molto versatile. Il ripieno può spaziare dalla verdura alla carne, per essere facilmente sostituito anche con varianti di pesce. Inoltre la cucina mediterranea offre molti spunti per realizzare...
Primi Piatti

Ricetta: ravioli ripieni di ricotta e nocciole

Le nocciole, come la maggior parte della frutta secca, si possono abbinare sia alle pietanze dolci che a quelle salate. Ricche di vitamina E, prevengono le malattie cardiovascolari e controllano il livello dei trigliceridi e del colesterolo. La ricetta...
Primi Piatti

Ravioli ripieni di bufala con salsa al pistacchio

Per una cena speciale in famiglia e con gli amici, prova questi ravioli caserecci ripieni di mozzarella di bufala, esaltati da una deliziosa salsa al pistacchio. Il gusto ricco della sfoglia grezza all'uovo, il sapore intenso della farcia e del condimento,...
Primi Piatti

5 ripieni vegan per ravioli

La cucina vegana, in questi ultimi tempi ha subito un rapida diffusione e sono sempre di più le persone che decidono di avvicinarsi a questo regime alimentare a tutto vantaggio della salute. Sono molte le ricette vegane che possono essere servite in...
Primi Piatti

10 modi per cucinare i ravioli

I ravioli sono un primo piatto italiano molto semplice da preparare. Solitamente sono ripieni con ingredienti diversi, dalla carne, alla verdura e al formaggio. In questa guida non ci occuperemo di creare ravioli dalla pasta, ma vi saranno illustrati...
Primi Piatti

Come preparare i ravioli alle nocciole

Se amate cucinare e vorreste preparare qualcosa di diverso e sfizioso per i vostri ospiti dovete assolutamente provare a riprodurre la ricetta dei ravioli alle nocciole. Sicuramente un'alternativa davvero particolare ai solito ravioli con i classici ripieni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.