3 segreti per cuocere la selvaggina

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Chi si reca a fare battute di caccia per procurarsi selvaggina, si troverà poi a dover cucinare le prede con fatica conquistate, pratica che si rivela un po' diversa dalla cucina comune, soprattutto a riguardo della cottura, ma anche in base all'esemplare cacciato. Il coniglio, la lepre, il capriolo, il cinghiale, il daino e il cervo, oppure fagiani, pernici, anatre, quaglie, tordi o altri volatili vari, necessitano di trattamenti diversi. Scopriamo insieme 3 provvidenziali segreti per cuocere nella maniera più impeccabile e senza errori ogni tipo di selvaggina. Diamo dunque inizio a questa guida sui 3 segreti per cuocere la selvaggina.

24

Il primo segreto per effettuare una cottura ottimale della selvaggina, è quello della frollatura, un trattamento atto a rendere la carne maggiormente tenera e a infonderle un particolare e gustoso aroma. Con la frollatura il sapore diverrà molto marcato. Per frollare si dovrà iniziare togliendo le viscere all'animale quindi appenderlo in un luogo fresco, avvolto in un telo sottile per una tempistica compresa tra due e quattro giorni variabili in base alla specie cacciata.

34

Il secondo segreto consiste nella marinatura, operazione particolarmente fondamentale per la selvaggina da penna. Un'ottima marinatura permetterà alla carne di acquisire perfettamente molte sfumature aromatiche speziate oltre a renderla davvero tenera. La cottura ideale si compone di un trito composto da una carota, uno scalogno, una cipolla, qualche foglia di alloro, uno spicchio di aglio, un gambo di sedano, alcune bacche di ginepro, del timo, un pizzico di pepe, un rametto di rosmarino, 20 grammi di olio extravergine di oliva, 100 grammi di aceto e mezzo bicchiere di vino, che può essere a piacere rosso, se si vuole ottenere una salsa densa, o bianco, se non la si desidera. Il sale invece, deve essere assolutamente evitato. Per le cotolette, le carni dovranno essere ben rigirate per un paio d'ore, per i pezzi grossi ci vorranno invece cinque giorni.

Continua la lettura
44

Il terzo dei segreti è la tenuta in considerazione dei tagli: per cosce e selle saranno prettamente indicate cotture in forno, sullo spiedo o in arrosto. Per petto e addome sarà meglio avvalersi di preparazioni in umido e salmì, mentre per cotolette e costine saranno ottimali griglie e padelle. Infine, per l'esaltazione perfetta del gusto delle carni scure, queste si potranno accompagnare con salse prevalentemente dolci e fatte con frutti di stagione come uva, prugne, mirtilli, castagne o mele.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come fare il fumet di selvaggina

In questa guida vedremo come fare il fumet di selvaggina, una base di fondo della cucina italiana che viene utilizzata per la realizzazione di piatti di carne, zuppe di terra per piatti gustosissimi e degni di uno chef stellato. Inoltre, esso può essere...
Vino e Alcolici

Guida ai migliori vini italiani

Uno dei settori nei quali l'Italia può vantare una posizione di primato è indubbiamente quello della produzione vinicola. Molti vini godono, infatti, di una fama indescrivibile dovuta all'eccellenza del prodotto. La particolare posizione geografica,...
Carne

Come marinare la carne per il barbecue

La cottura di carni alla griglia o allo spiedo è una delle basi della nostra cucina. E’ uno dei metodi di cottura più ‘naturali’. Ben si presta anche alla cucina all’aperto e a occasioni conviviali come i pic nic fuori porta, ormai tradizionali...
Carne

Come marinare la carne di cinghiale

In tale tutorial potrete scoprire come marinare la carne di cinghiale nel giusto modo, e direttamente a casa vostra in tre passaggi facili e veloci. Il cinghiale è sicuramente una delle carni maggiormente pregiate del mediterraneo. Esso vive nelle boscaglie...
Antipasti

Come preparare la salsa salmì

Ecco una bella ed interessante guida culinaria, tramite il cui aiuto poter essere in grado d'imparare come poter preparare nella maniera più semplice e veloce possibile, la salsa salmì, un tipo particolare di salsa, da poter utilizzare al meglio nella...
Carne

Cucinare la faraona: alcuni consigli

Quando si decide di fare una cena piuttosto particolare per stupire gli ospiti, anzichè preparare come secondo piatto il classico pollo, si può invece optare per la faraona; infatti, la carne è molto saporita, leggera ed adatta anche per chi fa una...
Primi Piatti

Ricetta: risotto con cinghiale e mirtilli

Per la preparazione di una speciale ricetta ed anche diversa dal solito, la selvaggina è un ingrediente ottimo e fondamentale. Tale tipo di carne ha un gusto forte, deciso e viene apprezzata da tantissime persone. Per tal motivo, vi vorrei insegnare...
Antipasti

Come aromatizzare il sale

I segreti presenti in cucina sono tanti e dei più svariati e spesso non si considera come semplici ingredienti possono divenire elemento fondamentale del piatto. Un consiglio che permette di attualizzare i piatti e renderli più raffinati è quello di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.