5 cocktail che non possono mancare ad una festa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Esistono cocktail di ogni tipo e per ogni occasione, cocktail dolci o amari, cocktail ghiacciati o flambé, delicati o esplosivi. Non tutti sanno preparare un cocktail con maestria, ma tutti ci possono provare e, con la pratica, raggiungere buoni livelli. Ma quali sono i 5 cocktail che non possono mancare ad una festa? Seguite i nostri consigli per un party riuscitissimo che stupirà i vostri ospiti, tra cocktail immancabili e sempreverdi e tocchi di modernità e originalità.

26

Mojito

Il cocktail per eccellenza, il più conosciuto e amato da tutte le generazioni. Una bevanda solleticante tutta cubana. Menta aromatizzante, lime, zucchero, ghiaccio, Rhum bianco e bollicine per una sensazione delicata e rinfrescante. Ma non crediate che sia troppo semplice prepararlo: ci vuole polso, un buon lavoro di mortaio e la giusta scelta dei dosaggi.

36

Sex on the beach

Altro intramontabile dalle nostre parti e di più semplice preparazione è il Sex on the beach. Vodka liscia e vodka alla pesca colorate e ammorbidite da succo di mirtillo e succo di ananas in giuste parti e una buona shakerata. A voi il tocco finale per una impressionante guarnizione del bicchiere. Questo è un long drink molto amato che si presta ad alcune varianti degli ingredienti. Nato negli Stati Uniti negli anni '80 per un'idea commerciale, ha riscosso da subito un grande successo.

Continua la lettura
46

Cuba Libre

Cocktail piuttosto veloce, di solito sa soddisfare tutti i palati. Una miscela di Rhum (40%) e Coca (60%) ben dosati e ghiacciati, non può mancare ad una festa. Proponetelo ai vostri ospiti e il successo è assicurato. Molti abitudinari non sanno farne a meno. Servitelo in un bicchiere tubler alto colmo di ghiaccio.

56

Negroni sbagliato

Una proposta tutta italiana ideata nella Firenze del primo '900 dal Conte Camillo Negroni. In un bicchiere oldfashioned, o tumbler basso, e su una montagna di ghiaccio, miscelate compostamente dello Spumante Brut, del Campari e del Vermouth rosso. L'aggiunta di una fettina d'arancia sarà il tocco finale per il Negroni sbagliato, questo cocktail purpureo molto amato e diffuso.

66

Alexander

Per una chiccheria cremosa, un coctail bianco e liscio, l'Alexander. Shakerate con abbondante ghiaccio del Brandy insieme a della crema di cacao scura e della crema di latte o panna liquida, tutto in parti uguali, e servitelo in una coppetta da cocktail ghiacciata guarnito con un bordino di polvere di cacao amaro. Cocktail inglese di origine regale, è solitamente servito dopo i pasti. Ma vedrete che molti lo apprezzeranno durante la vostra festa grazie al suo freddo brio e alla consistenza vellutata,
.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

10 cocktail alcolici

Nell'organizzazione di una festa tra amici sarebbe utile, qualora non si volesse ingaggiare un barman, conoscere la preparazione di vari cocktail. Cosi da poter anche reperire ed eventualmente comprare tutti gli ingredienti giusti. Vediamo, quindi, 10...
Vino e Alcolici

Ricette Bimby: cocktail tropicale

Fa molto caldo e hai voglia di rinfrescarti con qualcosa di particolare ma gustoso? Puoi provare la ricetta del Bimby per realizzare un fantastico cocktail tropicale. Il cocktail tropicale è composto da frutti tropicali come il cocco, la pesca, la papaya,...
Vino e Alcolici

Come trasformare un'anguria in un cocktail

L'anguria costituisce una pianta della famiglia delle Cucurbitaceae e proviene dall'Africa tropicale. Il suo frutto (ovale o rotondo) è voluminoso e potrebbe raggiungere anche i "20 kg". Inoltre, esso ha un interno rosso o raramente giallo ed è pieno...
Vino e Alcolici

Come fare il bamboo cocktail

Quando organizziamo una festa, ovviamente, non manca mai l'angolo bar e ad affiancare i soft drink ci pensano i cocktail. Ne esistono un'infinità e grazie al web possiamo reperire le ricette facilmente. Nelle lista delle varie tipologie, troviamo il...
Vino e Alcolici

Come preparare un cocktail in una noce di cocco

Molte persone sognano di stare sdraiati al sole su un'amaca in una spiaggia caraibica. La sabbia bianca sotto i piedi ed un mare cristallino davanti mentre si sorseggia uno di quei gustosissimi cocktail offerti su una noce di cocco con tanto di cannuccia...
Vino e Alcolici

Cocktail: Moscow mule

Il Moscow Mule è uno dei cocktail storici più famosi al mondo. Preparato nel 1941 nel mitico bar Cok 'n' Bull del Sunset Strip a Hollywood, il Moscow Bull era il drink più richiesto negli anni '50, tanto che allora si iniziò a produrre un bicchiere...
Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail Margarita

Il cocktail è una bevanda che si ottiene tramite la miscela di diversi ingredienti alcolici, non alcolici e aromi. Tuttavia se eseguito senza l'uso di componenti alcoliche viene detto cocktail analcolico. Il cocktail può presentare all'interno del bicchiere...
Vino e Alcolici

5 cocktail con il mango

Molti di noi dopo una stressante settimana di lavoro, amano uscire nel fine settimana. Se siamo giovani, sicuramente i luoghi più frequentati sono le discoteche, pub e luoghi all'aperto. Luoghi in cui possiamo ballare ma anche bere un buon cocktail....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.