5 metodi veloci per cucinare le barbabietole

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Le barbabietole rappresentano indubbiamente una delle verdure più leggere e dietetiche che ci siano. Per questo esse sono molto consigliate a chi segue un regime alimentare dietetico. Nella seguente guida pertanto verranno elencati, in pochi e semplici passaggi, cinque metodi veloci per cucinare le barbababietole.

28

Occorrente

  • barbabietole rosse della stessa dimensione
  • olio d'oliva
  • una presa di sale
  • una spolverata di pepe nero
  • un cucchiaio di zucchero
  • un bicchiere di acqua
38

Barbabietole lesse

Le barbabietole lesse rappresentano una preparazione base, semplice e veloce. Tagliare quindi gli steli con le foglie ed eventuali radici, lavare le barbabietole accuratamente sotto l'acqua e asciugarle con un panno in cotone. In un tegame, riporre le barbabietole e ricoprirle completamente con acqua fredda. Cuocere poi le barbabietole per circa 45 minuti.

48

Barbabietole al forno

Le barbabietole al forno sono un ulteriore metodo di cottura. Pertanto, preriscaldare l'elettrodomestico a 200 gradi. Passare le barbabietole sotto l'acqua fredda corrente. Dividerle poi in quattro parti uguali o solo a metà. Disporre le barbabietole su una teglia precedentemente unta o con della carta forno. Infornare e cucinare per circa 45 minuti.

Continua la lettura
58

Barbabietole al vapore

Per cucinare le barbabietole al vapore lavare e pulire gli ortaggi. Tagliarli poi a piccoli spicchi e versarli in una pentola con due dita d'acqua. Portare a bollore a fuoco vivace. Utilizzare, a questo punto, un cestello apposito per la cottura a vapore. Far cuocere fino a quando le barbabietole non saranno perfettamente tenere. A cottura ultimata passare rapidamente il cestello sotto l'acqua fredda.

68

Barbabietole al cartoccio

Per cucinare le barbabietole al cartoccio mondare gli ortaggi, privarli di foglie e radici. Passarli sotto l'acqua per eliminare eventuali residui di terra. Sbucciarli quindi accuratamente. Preriscaldare il forno a 200 gradi. In un foglio di carta stagnola, adagiare le barbabietole a spicchi. Aggiungere un filo d'olio, una presa di sale e una spolverata di pepe. Chiudere accuratamente la stagnola e ricavarne un cartoccio. Infornare e far cuocere per trenta minuti. Trascorso il tempo indicato assicurarsi con una forchetta della completa cottura delle barbabietole.

78

Barbabietole al microonde

È possibile in ultimo cucinare le barbabietole al microonde. Pertanto posizionare le barbabietole a spicchi in un contenitore apposito. Versare in seguito un bicchiere di acqua, coprire il tegame e cuocere per 3 minuti alla massima potenza. Aprire il coperchio e con un cucchiaio di legno rimescolare. Richiudere e rinfornare per altri 180 secondi. Servire le barbabietole togliendo chiaramente l'acqua in eccesso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

5 metodi facili e veloci per cucinare i finocchi

Il finocchio è una pianta erbacea mediterranea della famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere). Conosciuto fin dall'antichità per le sue proprietà aromatiche, la sua coltivazione orticola sembra che risalga al 1500. Si distinguono le varietà di finocchio...
Antipasti

10 modi veloci per cucinare le patate

Le patate sono senza dubbio uno degli alimenti più utilizzati in cucina: proprio per tale ragione, esistono numerosi metodi per prepararle, questo perché sono incredibilmente versatili. Hanno un sapore ed una consistenza deliziosa che le rende amate...
Antipasti

5 modi veloci per cucinare le zucchine

Le zucchine sono sicuramente un ortaggio ricco di acqua e di vitamine. Con il loro utilizzo è possibile preparare tantissime ricette gustose ed al tempo stesso leggere; inoltre, questa verdura si cuoce abbastanza velocemente. Leggendo questo tutorial...
Antipasti

5 metodi economici per cucinare i peperoni

I peperoni  vengono utilizzati in cucina sia per la preparazione di semplici contorni che come ingredienti principali di piatti maggiormente elaborati e complessi. A tal proposito, nei prossimi passi di questa guida, descriverò 5 metodi economici per...
Antipasti

5 metodi economici per cucinare i pomodori

Qualora si voglia rimanere in una forma fisica quasi perfetta, è necessario fare attenzione riguardo la propria alimentazione. A tal proposito non devono assolutamente mancare la frutta e la verdura, quindi perché non seguire il regime dietetico mediterraneo?...
Antipasti

5 metodi economici per cucinare le melanzane

Le melanzane, ortaggi comuni facilmente reperibili durante la stagione estiva, sono il frutto della Solanum melongena, una pianta che appartiene alla famiglia delle Solanacee originaria dell'India. Venne introdotta dagli Arabi nelle zone mediterranee...
Antipasti

5 metodi gustosi per cucinare il cavolfiore

Il cavolfiore è da sempre considerato uno degli alimenti più importanti per la salute e per la longevità. Si tratta infatti di un vegetale ricco di vitamina A e C, particolarmente indicato per anemici, convalescenti e soprattutto per le diete perché...
Antipasti

5 metodi per cucinare gli spinaci

Gli spinaci sono un ortaggio molto diffuso nella cultura gastronomica italiana. Essi crescono a caratteristici ciuffetti in territori a composizione sabbiosa. Le foglie di colore verde e dalla consistenza carnosa contengono un consistente quantitativo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.