5 modi per conservare il basilico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il basilico è un'importante risorsa per la cucina italiana, dove infatti trova molte applicazioni in svariate ricette. Esso viene coltivato ormai da sempre più persone, infatti non è necessario essere possessori di un terreno, visto che lo si può piantare e crescere nei vasi, anche in un balcone. Spesso ci troviamo a dover fare i conti con una sovrapproduzione di basilico e siamo costretti a conservare le foglie in differenti modi; in questa guida ne vediamo almeno 5, utili per la sua conservazione.

26

In frigorifero

Togliamo le foglie in eccesso dalla pianta di basilico e dopo averle lavate accuratamente e asciughiamole perfettamente, riponiamole nelle buste di plastica idonee, con la chiusura ermetica, onde evitare la penetrazione dell'aria. Dopo averle sigillate mettiamole in frigorifero nell'apposito scomparto, al riparo dalla luce della lampadina del frigo, onde evitare di far alterare il sapore, anche se in minima parte.

36

Congelato

Per mantenere inalterato il suo valore nutrizionale, possiamo congelare il basilico, lavando le foglie e lasciando 3 centimetri del gambo. Asciughiamolo il maniera accurata, servendoci anche di un asciugamano dove adagiarle e mettiamo il tutto nelle buste adatte ai cibi congelati. In alternativa possiamo tritare il basilico e metterlo sminuzzato, all'interno delle buste, questo risulta utile se dobbiamo usare il basilico per guarnire delle ricette.

Continua la lettura
46

Sotto sale

Serviamoci di una ciotola di ceramica e cospargiamo la sua base con del sale; laviamo le foglie e mettiamole sopra il sale, facendo un ripiano senza sovrapporle, continuiamo alternando le foglie al sale, fino a giungere al culmine della ciotola. Premiamo l'ultimo strato di foglie per far compattare il tutto, mettiamo l'ultimo strato di sale, richiudiamo con un coperchio e conserviamo in un posto fresco e asciutto.

56

Sott'olio

Laviamo il basilico con l'acqua, asciughiamolo bene e mettiamo le foglie in un contenitore di vetro; riempiamo il tutto con l'olio extra vergine d'oliva, stando attenti ad annegare completamente le foglie, all'occorrenza capovolgiamo il contenitore precedentemente chiuso, per far bagnare completamente tutti i suoi lati. Conserviamo in frigorifero, alla temperatura di 4 gradi.

66

Sott'aceto

L'aceto è uno dei migliori conservanti naturali; versare dell'aceto agro di vino in un recipiente di vetro, nel frattempo stacchiamo le foglioline in eccesso e versiamole nell'aceto. Conserviamolo in un luogo asciutto, fresco e lontano da fonti di luce e calore. Il vantaggio di questa conservazione, è anche l'ottenimento di un aceto aromatizzato al basilico, ideale per condire con dolcezza insalate e ortaggi di vario genere.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

10 modi per usare le foglie di basilico

Il basilico è una una delle piante aromatiche più diffuse in cucina. Versatile e profumato, il basilico è l'ingrediente principale di molti piatti. Dai primi, alle salse di accompagnamento, fino ad arrivare ai secondi e ai contorni, il basilico si...
Consigli di Cucina

3 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea di origine orientale, da cui si estrae la radice che, poi è proprio quella che generalmente viene utilizzata. In ambito culinario lo zenzero è una deliziosa spezia che tende ad arricchire i nostri piatti, ma è possibile...
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

Come conservare i pomodori freschi

La stagione estiva è il periodo migliore per gustare frutta e ortaggi. Tra questi sicuramente vanno menzionati i pomodori che possono essere gustati in tutte le loro varianti. Essendo un ortaggio tipicamente estivo si pone la necessità di conservarlo...
Consigli di Cucina

Come conservare il nero di seppia

Il nero di seppia è un liquido di colore molto scuro che viene estratto dalle vesciche o sacche delle seppie. Il colore scuro del nero di seppia è dovuto al contenuto di melanina. Spesso nel passato si utilizzava per scrivere come inchiostro naturale....
Consigli di Cucina

Come conservare al meglio le melanzane sott'olio

Nella tradizione della cucina meridionale si usa preparare degli ortaggi in barattolo. Queste conserve sono a base di melanzane, pomodori secchi, funghi, zucchine e altri prodotti vegetali. Si cuociono in vari modi, poi si mettono in barattolo immersi...
Consigli di Cucina

Come conservare una spremuta d'arancia

Bere una squisita spremuta d'arancia, soprattutto appena svegli, riesce a dare la giusta carica per affrontare una lunga giornata di intenso lavoro e di forte stress. Grazie al contenuto di grandissime quantità di vitamina C, l'arancia, è in grado di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.