5 modi per cucinare il grano

tramite: O2O
Difficoltà: media
5 modi per cucinare il grano
16

Introduzione

Per molte persone è difficile cucinare qualcosa di leggero e di sano, soprattutto se si è spesso tentati di mangiare cibi molto grassi e molto conditi. Uno degli elementi principali da considerare se si vuole seguire una dieta abbastanza sana e ricca di vitamine, è sicuramente il grano. Il grano è un ingrediente facile da cucinare e soprattutto è un ingrediente che si presta a svariate composizioni di piatti deliziosi. Se avete comprato del grano e non avete idea di come cucinarlo, eccovi un elenco molto breve che contiene i 5 modi più originali per cucinare il grano.

26

Hamburger di grano

Una delle idee più particolari per poter cucinare questo ingrediente leggero soprattutto privo di grassi, è sicuramente quella di creare dei graziosissimi hamburger. Dovrete infatti bollire il grano e una volta che sarà abbastanza morbido, dovrete mescolarlo con del formaggio grattugiato, del pangrattato, della cipolla sminuzzata e dei pezzetti di pomodoro. Arrostite i vostri hamburger in una piastra in ghisa antiaderente e vedrete che delizia.

36

Polpette di grano

Un'altra fantastica idea per valorizzare questo sfizioso ingrediente, è quella di creare delle simpatiche polpette di grano. Dovrete naturalmente bollire il grano e una volta cotto, dovrete mescolarlo a dell'erba cipollina, a del parmigiano grattugiato, a del caciocavallo e aggiungere anche un uovo. Formate delle piccole polpette con le mani e friggete le in olio bollente.

Continua la lettura
46

Creapes di grano

La terza idea per sfruttare questo ingrediente, è quella di preparare delle crepes di grano. Mescolate la farina di grano in una ciotola con il sale, l'acqua e un po' d'olio. Aggiungete sono alla fine due uova sbattute e lasciate riposare l'impasto per due ore prima di formare le vostre crepe in una padella adatta.

56

Focaccia di grano

Per preparare una fantastica focaccia di grano non dovrete fare altro che lessare una patata, schiacciarla e mescolarla ad un impasto a base di grano, farina di semola rimacinata, lievito e acqua. Aggiungete solo alla fine un pizzico di sale e un filo di olio. Condite la focaccia con dei pomodorini sopra e infornatela per circa 40 minuti a 200°.

66

Piadina di grano

Per finire attraverso l'utilizzo del grano potrete preparare anche delle fantastiche piadine. Iniziate il procedimento e setacciate la farina 00 in una ciotola insieme al lievito, aggiungete anche un pizzico di sale e poco per volta anche la farina di grano e lo strutto, fino a creare un impasto molto morbido. Stendete l'impasto con un mattarello fino a formare delle piadine molto sottili che potrete cuocere in padella e condire come più vi piace.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

5 modi per cucinare le fave

Le fave sono legumi dal gusto gradevole e delicato. Ricche di ferro, risultano particolarmente adatte per chi soffre di anemia. Apportano una notevole quantità di fibre all’organismo, favorendo il corretto processo intestinale. Inoltre, sono fonte...
Primi Piatti

5 modi veloci per cucinare le melanzane

La melanzana è una verdura estremamente versatile, poiché ci permette di realizzare una grande varietà di ricette. Come molte verdure, è ricca di antiossidanti e vitamine, pur avendo un ridotto apporto calorico. Semplici da preparare e dal gusto unico,...
Primi Piatti

10 modi per cucinare i ravioli

I ravioli sono un primo piatto italiano molto semplice da preparare. Solitamente sono ripieni con ingredienti diversi, dalla carne, alla verdura e al formaggio. In questa guida non ci occuperemo di creare ravioli dalla pasta, ma vi saranno illustrati...
Primi Piatti

5 modi di cucinare le lasagne

Le lasagne sono un tipico primo piatto italiano conosciuto in tutto il mondo. Le lasagne possono essere preparate in svariati modi, tutti abbastanza succulenti, saporiti e deliziosi. Gli ingredienti che si prestano a condire una tipologia di pasta come...
Primi Piatti

5 modi per cucinare la pasta con il salmone

Molti pensano che stare tra i fornelli in cucina può essere difficoltoso quando non si ha abbastanza dimestichezza a creare un piatto. Se volete sorprendere i vostri ospiti con qualcosa di diverso, sappiate che esistono diversi modi di cucinare la stessa...
Primi Piatti

5 modi per cucinare gli gnocchi

Molto tempo fa gli gnocchi si producevano con il solo ausilio di acqua e farina. Nel corso del XIX secolo si introdussero poi le patate, dando più sostanza al piatto. Però, ancora oggi gli gnocchi sono tra i piatti più apprezzati nel nostro paese....
Primi Piatti

5 modi di cucinare i fagioli

Il seme della pianta che noi siamo abituati a chiamare semplicemente "fagiolo" in realtà ha centinaia di diverse varietà sparse per tutto il mondo, a cui corrispondono diverse forme, colori e tantissimi modi di cucinarli. Però, indipendentemente dalla...
Primi Piatti

10 modi per cucinare i tortellini

Che siano, come vuole la tradizione, di carne, o anche di verdure o di pesce, i tortellini sono uno dei tipi principali di pasta della tradizione italiana. Queste delizie, che, in origine, servivano per riciclare la carne non mangiata dai nobili, oggi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.