5 modi per cucinare la manioca

Tramite: O2O 01/07/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

5 modi per cucinare la manioca

Pianta tipica delle regioni tropicali, la manioca possiede una radice a tubero commestibile che è considerata un'importante fonte di carboidrati. Da essa si ricava anche una fecola denominata tapioca. Giunta da poco anche nelle nostre cucine mediterranee, la manioca è un ingrediente che può essere usato in svariate maniere. Scopriamo insieme cinque modi per cucinarla.

26

Al forno

Simile alla nostra patata, la manioca possiede una buccia coriacea che deve essere tolta prima della preparazione. Per chi ama la semplicità è ottima cotta da sola al forno, per quaranta minuti circa, irrorata con olio e cosparsa di aromi (rosmarino, aglio e, per chi ama il piccante, magari qualche spezia). Per chi invece vuole usarla in una cucina più elaborata, la manioca è ottima per i dolci come le torte. Può infatti sostituire la farina ed è spesso scelta da chi ha allergie al glutine.

36

Fritta

Come le patate, la manioca può trasformarsi in uno sfizioso antipasto etnico, se fritta. La si può tagliare a spicchi (dopo averla sbucciata, lavata e aver tolto il cordone centrale) e friggerla in molto olio (mais o girasole) fino a che diventa croccante e dorata. Il suo sapore un po' neutro, vagamente piccante, si accompagna a qualsiasi salsa.

Continua la lettura
46

Bollita

La manioca bollita è abbastanza semplice da preparare. Può essere poi utilizzata come base per ricette più impegnative. Prima di tutto bisogna sbucciarla in modo che rimanga solo la parte bianca, tagliarla a tocchetti e eliminare il filamento centrale. La si immerge poi in acqua fredda e, raggiunto il bollore, si attende circa mezz'ora e si aggiunge il sale. Il fuoco si potrà spegnere quando, tastandola con una forchetta, risulta morbida.

56

Tostata

La farina di manioca tostata compone la "Farofa", un contorno salato tradizionale della cucina brasiliana. Ci sono molte varianti della Farofa e si possono aggiungere all'ingrediente di base, cioè la manioca tostata e passata nel burro o grasso, sia verdure, sia carne e, alle volte, anche frutta (ad esempio la banana). Il piatto è molto fantasioso e talvolta confusionario, ma ha radici antiche che risalgono all'età coloniale.

66

Cotta

Esistono due tipi di tuberi di manioca: quello dolce e quello amaro. La dolce ha una buccia raggrinzita mentre quella amara è liscia. Entrambe contengono una tossina: nella dolce si trova nella buccia e in quell'amara nella polpa. Importante ricordarsi che la manioca non va mai consumata cruda perché contiene acido cianitrico, una sostanza molto velenosa per l'organismo umano. Essendo un prodotto etnico e quindi poco conosciuto qui in Italia, è sempre bene informarsi dal proprio venditore di fiducia come è meglio cucinare gli ingredienti, in modo da poter mangiare sano, intelligente e, soprattutto, in modo sereno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

10 modi per cucinare il cavolfiore

Il cavolfiore è un ortaggio ricco di acido folico e di minerali. Inoltre contiene vitamine e viene apprezzato per le sue pochissime calorie. La parte commestibile si trova nell'infiorescenza e nelle foglie verdi. Quest'ultime vengono utilizzate tantissimo...
Consigli di Cucina

10 modi per cucinare le patate

In cucina esistono alcuni alimenti che possiamo preparare in molti modi. Nonostante provengano da una cultura "povera", sanno adattarsi a più metodi di cottura. Il tutto diventando ogni volta squisiti e invitanti. È il caso delle patate, un tubero che...
Consigli di Cucina

5 modi di cucinare il guanciale

Il guanciale, come dice il nome stesso, è la guancia del maiale. Il guanciale, in cucina, può essere preparato in tantissimi modi. Infatti, essendo un ingrediente versatile, si adatta bene a tantissime ricette. Inoltre, facilmente reperibile, può essere...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le carote

Le carote sono un ortaggio gustoso dal colore arancione. Sono delle radici che si presentano di varie forme e tonalità a seconda della famiglia di origine e del luogo di coltivazione. Ottime per la grande quantità di vitamina E, B, PP e per il beta...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le lumache

Amate le lumache ma credete di non essere in grado di cucinarle? State tranquilli, ci pensiamo noi! Anche se le lumache sono spesso abbinate all'eccellenza della cucina francese e sembrano quindi essere un alimento molto complicato da cucinare, non è...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare i peperoni

C'è chi li ama e chi non li digerisce, chi li metterebbe ovunque e chi li preferisce solo senza la pelle. Di cosa stiamo parlando? Dei peperoni, una delle piante più utilizzate nella cucina italiana ed internazionale. Il peperone appartiene al genere...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le lenticchie

I legumi sono molto consigliati per chi segue una dieta sana, ricca di ferro e di sostanze utili all'organismo. Tra i vari legumi spiccano sicuramente le lenticchie, che possono essere preparate in svariati modi, tutti assolutamente gustosi ed invitanti....
Consigli di Cucina

5 modi di cucinare le uova di quaglia

Le uova di quaglia sono un ingrediente inusuale, che possono dare un tocco di classe ed una marcia in più ai vostri piatti. Le uova di quaglia, rispetto a quelle di una comune gallina, hanno un sapore più delicato, oltre ad avere alcune proprietà benefiche...