5 regole per fare un buon vino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il vino è una bevanda molto gradita in tutto il mondo. Si ottiene dalla fermentazione lunga o breve del mosto che si ricava dalla spremitura degli acini di uva. Molti vorrebbero conoscere il segreto per ottenere un buon vino fatto in casa. Qui di seguito vi elenchiamo 5 regole molto semplici per fare un buon vino corposo e non, amabile e colorito, a seconda dei gusti. Chiaramente queste regole non si possono applicare a tutti i tipi di vini perché esistono varie tipologie di vitigni e caratteristiche di uve da tenere presente.

26

Recipienti e attrezzi perfettamente puliti

Tutti i recipienti e gli attrezzi (serbatoi in acciaio, damigiane, bottiglie, torchio, diraspatrice, etc.) rimasti inutilizzati per un certo periodo di tempo devono essere perfettamente rilavati e disacidificati. Nei recipienti vuoti facilmente possono annidarsi batteri e possono incamerarsi odori o tanfi che potrebbero rovinare il buon vino fatto in casa. Quindi una scrupolosa pulizia di tutti i recipienti è d'obbligo. A tale scopo nei negozi specializzati sono disponibili appositi prodotti assolutamente non profumati.

36

Ubicazione della vinificazione

Il processo di vinificazione va svolto in una cantina fresca poiché le temperature elevate potrebbero compromettere la buona riuscita del vino. Aerare abbondantemente la cantina per evitare la saturazione da anidride carbonica, un gas più pesante dell'aria molto dannoso per la salute dell'uomo in quanto asfissiante che si sviluppa durante la fermentazione.

Continua la lettura
46

Pigiatura e diraspatura

Per fare un buon vino l'uva deve essere di prima qualità, matura al punto giusto, ben asciutta e non deve avere chicchi ammuffiti. Una delle 5 regole per fare un buon vino è quello di portare l'uva appena vendemmiata alla pigiatura. Questa accortezza serve ad evitare inacidimenti o altri inconvenienti dovuti alla scarsa traspirazione dei grappoli ammucchiati. Quindi la pigiatura e la diraspatura sono le prime fasi di trasformazione dell'uva in vino. Si comprimono i grappoli con una pigiadiraspatrice per separare i raspi dagli acini e raccogliere il succo. Per piccole quantità di uva si può usare il metodo antico tramite la pigiatura con i piedi o con le mani in un capiente recipiente. Il processo della diraspatura, cioè l'eliminazione dei raspi, è piuttosto importante perché la loro presenza nel mosto fa aumentare l'acidità del vino e rilascia sostanze dannose come quelle tanniche.

56

Fermentazione alcolica, solfitura e follatura

La fase della fermentazione è molto delicata e bisogna tenere presente alcune regole basilari. Non bisogna coprire mai il contenitore in cui avviene la fermentazione. Il vino non deve prendere aria e si deve mantenere all'interno della cantina una temperatura costante. Aggiungere il metabisolfito di potassio (attenersi scrupolosamente alle dosi consigliate dai negozi specializzati). Controllare la produzione di anidride carbonica e intervenire in caso di straripamento della massa fermentante.


Un'altra regola molto importante per fare un buon vino è quella di praticare la follatura per far arieggiare il mosto. Eseguire la follatura almeno due volte al giorno. Questa operazione consiste nel rompere il cappello di bucce che galleggia con un bastone triforcato. Ciò eviterà la formazione di acidità e limiterà lo sviluppo di anidride carbonica. Al tempo stesso favorirà la crescita degli zuccheri "buoni" e faciliterà il passaggio delle sostanze coloranti contenute nelle bucce direttamente al vino.

66

Travaso

Travasare il buon vino ottenuto in grandi damigiane di vetro da non riempire fino all'orlo. Questo impedirà all'aria di entrare all'interno delle damigiane e allo stesso tempo l'anidride carbonica avrà modo di fuoriuscire. Lentamente i sedimenti (feccia) si depositeranno sul fondo delle damigiane e quindi sarà opportuno effettuare 2 o 3 travasi. Questa delicata operazione va eseguita con cura. A rigor di logica se si vinifica in autunno si può travasare la prima volta a cavallo tra novembre e dicembre. Una seconda volta a gennaio e una terza a marzo-aprile. L'importante è travasare in giornate asciutte e serene in modo tale da non provocare movimenti dei sedimenti. L'estate è il periodo più critico per la conservazione del vino pertanto è necessario tenerlo in una cantina fresca, asciutta e ben arieggiata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come scegliere un buon vino bianco

Il vino è la bevanda preferita da noi italiani, ma anche dal resto del mondo. Non è solo il nostro paese ad essere un gran produttore di vino, ma anche paesi come la Francia ne producono di ottimi. Questo fa sì che il mercato ormai sia pieno di diverse...
Vino e Alcolici

Come scegliere il vino rosso per il pesce

Cari lettori, quante volte è capitato di dover andare ad una cena e non sapere cosa portare? La scelta consigliata è sempre quella del vino, ma quando si tratta di pesce? Solitamente abbinato al vino bianco, in questa guida scopriremo che è possibile...
Vino e Alcolici

Come conservare il vino in cantina

Per conservare correttamente il vino bisogna avere alcune accortezze che permettono di preservarne lo stato, la sua qualità, il suo sapore, tutte le sue proprietà organolettiche ed il suo valore nel corso degli anni. Le cantine devono, quindi, essere...
Vino e Alcolici

Come Scegliere Il Bicchiere Più Adatto Per Ogni Vino

Ogni enologo che si rispetta, saprà senza alcun ombra di dubbio, che per poter assaporare un vino appieno bisogna berlo da un bicchiere particolare. Per ogni tipologia di vino, esistono una quantità enorme di bicchieri, che servono per gustarsi in maniera...
Vino e Alcolici

Come produrre il vino in casa

Avete un piccolo vigneto nel vostro giardino e vorreste realizzare del vino in maniera autonoma? In questo manuale vi spiegheremo come produrre il vino in casa. Conoscerete tutto i segreti della lavorazione dell'uva subito dopo il raccolto in maniera...
Vino e Alcolici

Come leggere l'etichetta di un vino

La Comunità Europea ha introdotto numerose leggi in campo alimentare che tutelano il consumatore finale da prodotti contraffatti, pericolosi per la propria salute e di scarsa qualità inserendo rigide regole. Fra le più importanti si ricordano quelle...
Vino e Alcolici

Come fare il vino cotto

Al giorno d'oggi avere il vino a tavola durante i pranzi o le cene viene riconosciuta come una tradizione. C'è chi ama il vino rosso, chi il vino bianco o chi ancora il vino frizzante. Esistono varie tipologie di vino. E si sa, più fermenta e invecchia...
Vino e Alcolici

Come fare il vino con l'uva spina

Oggi vogliamo parlare del vino di uva spina, un vino molto particolare e dal sapore dolce e delicato. La preparazione di questo vino richiede un procedimento diverso da quello seguito comunemente per la produzione del vino comune. Il vino di uva spina...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.