Barbabietole in agrodolce all'aneto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La barbabietola è un ortaggio che sempre di più sta scomparendo, purtroppo, dalle nostre tavole. Questo tubero, dall'inconfondibile colore rosso, viene coltivato in molte zone del Nord Italia, e raggiunge la piena maturazione sul finire dell'estate: ricco di Vitamina C e acido folico, è un validissimo alleato per il nostro sistema immunitario. Viene spesso ignorato perché sono in pochi a conoscere ricette che ne prevedano l'utilizzo: oggi scopriremo allora un piatto tipo dell'Alto Adige, le barbabietole in agrodolce all'aneto, piatto che ben si presta ad essere utilizzato come contorno per pietanze fritte e saporite.

25

Occorrente

  • 500 grammi di barbabietole
  • 25 grammi di maizena
  • 20 grammi di burro
  • Un bicchierino di aceto di vino bianco
  • 40 grammi di zucchero
  • Semi di Aneto
  • Sale q.b.
35

Prima di passare alla realizzazione vera e propria del piatto, dobbiamo scegliere tra due strade che si aprono dinanzi a noi: potremo scegliere infatti di utilizzare sia delle barbabietole precotte, che si trovano in pratiche confezioni sottovuoto in tutti i supermercati, sia di ricorrere invece al prodotto fresco. Se avete optato per la seconda strada, prima di sbucciare le barbabietole, sciacquatele con cura ed eliminate le foglie, infornandolo successivamente a 180 gradi per un'ora, un'ora e mezza: proseguite poi normalmente, togliendo la buccia e tagliando le barbabietole a tocchetti.

45

Frattanto preparate il sugo che conferirà alla pietanza il tipico sapore agrodolce: in una casseruola, unite la maizena, l'aceto, lo zucchero, i semi di aneto e un pizzico di sale. Lasciate andare il composto a fuoco lento per qualche minuto, girandolo di tanto in tanto con un mestolo in legno, finché tutti gli ingredienti non saranno bene amalgamati tra loro. Continuate a girare, frattanto che la salsa non raggiunga un lieve grado di bollore: se il composto risulta troppo denso, potrete allungarlo con qualche cucchiaio di acqua tiepida.

Continua la lettura
55

A questo punto unite il burro, che conferirà la giusta cremosità alla salsa: è preferibile aggiungerne piccole quantità per volta, incorporandole lentamente, affinché non rimangano residui solidi di burro non piacevoli al palato. Quando la salsa tornerà ad essere uniforme, aggiungete finalmente le barbabietole precedentemente tagliate e lasciate andare il composto a fuoco lento per 20-25 minuti: per una cottura più uniforme, potrete unire la casseruola con un coperchio, ma badate sempre a girare il composto di tanto in tanto. La pietanza può essere servita calda, da gustare quindi quasi come una zuppa, o tiepida: in questo caso si presta ad essere il contorno ideale per molti secondi piatti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: cipolle al forno con salsa all'aneto

In questa guida vi spiegherò come realizzare una ricetta fondamentale per i vostri pranzi o cene. Sto parlando delle cipolle al forno con salsa all'aneto. Questa ricetta può sostituire un contorno qualunque. Potrebbe anche essere piatto unico. Questo...
Antipasti

Come condire le barbabietole

Esistono differenti tipologie di barbabietole, a tutti gli effetti è una pianta molto versatile. Vi è la barbabietola da foraggio, da zucchero, da orto e quella destinata all'allevamento del bestiame. Si tratta di un ortaggio non molto indicato per...
Antipasti

Come preparare i muffin salati al salmone e aneto

I muffin salati sono una preparazione veloce ma estremamente golosa. Possiamo prepararli anche diverse ore prima e conservarli per qualche giorno. In questo modo avremo tutto il tempo di organizzare gli altri piatti se abbiamo una cena particolare. Stuzzicano...
Antipasti

Come fare la vellutata di barbabietole rosse

La vellutata di barbabietole rosse è una portata leggera, saporita e salutare. È perfetta da assaporare fumante nelle fredde sere d'inverno, è ottima se consumata fredda nei periodi più miti e caldi. Questi ortaggi sono ricchi di vitamine, hanno un'azione...
Antipasti

Come preparare l'aspic con salmone e aneto

Quando si decide di invitare ospiti a cena, il dilemma è sempre quelle di scegliere che cosa cucinare. Tantissime sono le ricette che è possibile preparare con l'obiettivo di sorprendere i nostri ospiti e deliziare il loro palato. Una buona soluzione...
Antipasti

Come preparare l'insalata di barbabietole

Le barbabietole sono un piatto molto versatile, perché si prestano ad innumerevoli ricette ed abbinamenti, specie nelle insalate estive. La barbabietola, alla pari di altre verdure, è ricca di fibre e vitamine pertanto vanta un potere antiossidante;...
Antipasti

5 metodi veloci per cucinare le barbabietole

Le barbabietole rappresentano indubbiamente una delle verdure più leggere e dietetiche che ci siano. Per questo esse sono molto consigliate a chi segue un regime alimentare dietetico. Nella seguente guida pertanto verranno elencati, in pochi e semplici...
Antipasti

Ricetta: spuma di barbabietole allo zenzero

La spuma di barbabietole allo zenzero è un antipasto leggero e salutare, adatto anche nelle diete vegane. In particolare, la barbabietola è una radice ricchissima di sali minerali: è dunque leggera, adatta in ogni dieta e molto economica. Il suddetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.