Cazzilli alla napoletana

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le tradizioni culinarie italiane, sono davvero sorprendenti per le migliaia di ricette golose che riescono a proporre sulle tavole degli italiani. Anche lo street food italiano, è uno dei migliori al mondo perché comprende piccoli cibi golosissimi da gustare in piedi per le strade. Al sud Italia lo street food è sicuramente molto più diffuso rispetto al nord Italia, e tra le varianti di cibo proposte dalla tradizione palermitana e napoletana, esistono i famosi cazzilli. I cazzilli, somigliano a delle patatine fritte, ma in realtà la loro ricetta è leggermente differente. Se volete scoprire qual è il metodo per realizzare queste meraviglie, leggete questa guida.

27

Occorrente

  • patate, prezzemolo, sale, olio.
37

I cazzilli alla palermitana o ancora meglio alla napoletana, sono realizzati sempre con patate molto vecchie e qualche altro piccolo ingrediente semplice da reperire. Questo finger food, viene spesso servito come aperitivo nei locali, alle feste ma anche ai matrimoni ed è davvero irresistibile. Le patate vecchie utilizzate per questa ricetta garantiscono sicuramente un sapore e una croccantezza migliore ai cazzilli. L'utilizzo di patate nuove, potrebbe rendere i cazzilli eccessivamente morbidi e poco gustosi. Per iniziare a preparare questa gustosa ricetta, dovrete innanzitutto acquistare le patate vecchie, sbucciarle e bollirle in acqua leggermente salata.

47

Una volta che avrete bollito le patate, lasciatele riposare per un giorno intero in modo tale da asciugare l'acqua assorbita all'interno delle patate. Quando le patate saranno belle asciutte, prendete uno schiacciapatate, ponetele all'interno di una ciotola e riducetele in poltiglia. Aggiungete un pizzico di sale, il prezzemolo tritato (che dovrà essere freschissimo e profumato) e un pizzico di pepe se di vostro gradimento. Impastate con le mani il tutto e formante delle crocchette di patate leggermente più lunghe rispetto alle classiche crocchette e simili a delle dita di una mano. Se il composto si attacca alle mani, aiutatevi inumidendo le dita con dell'acqua fredda.

Continua la lettura
57

Mettete i cazzilli da parte e lasciate riscaldare l'olio in una friggitrice o in una pentola. Immergete i vostri cazzilli nell'olio bollente e lasciateli cuocere fino a quando non li vedrete galleggiare e non gli vedrete diventare completamente dorati. Una volta cotti, poneteli su un piatto con della carta assorbente per rimuovere l'olio in eccesso. Gustateli ancora caldi accompagnati da una salsa piccante e da dei panini caldi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • provate anche le panelle
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: un antipasto alla napoletana

Se in occasione di una cena tra parenti o amici intendete preparare un antipasto ben assortito e ricco di prelibatezze, potete sicuramente optare per quello della migliore tradizione napoletana. In sostanza si tratta di preparare alcuni ortaggi arricchiti...
Antipasti

Ricetta: crespelle alla napoletana

Nella seguente ricetta: crespelle alla napoletana, vi troviamo tutte le vitamine e l'energia prodotta dal sole, nelle melanzane, nei pomodori nelle le proteine delle uova e nella mozzarella di bufala. Pochi semplici passi per ottenere un piatto che soddisfa...
Antipasti

Ricetta: involtini di scarola ripieni

Durante le festività natalizie, trovare la ricetta giusta che soddisfi i palati di ogni commensale non è sempre un'operazione semplice. La tradizione culinaria italiana è ricca di proposte ottime per ogni occasione: una serie di pietanze facilmente...
Antipasti

Come guarnire i crostini

Diffusosi poi in tutta Italia, il crostino nacque come spuntino per gli agricoltori campani che durante le pause condivano queste fette di pane abbrustolite con i pomodori appena raccolti. Diventato poi un antipasto, conobbe la sua prima versione condita...
Antipasti

Come fare le panelle siciliane

Le panelle fanno parte dello "street food" Palermitano. Un cibo povero ma tanto sfizioso e irresistibile. Le pannelle si preparano con la farina di ceci e vengono servite dentro morbidi panini ricoperti di semi di sesamo. Solitamente le panelle siciliane,...
Antipasti

Come preparare le melanzane al funghetto

La melanzana, ortaggio tipico dell’estate, si presta molto bene a diverse preparazioni in cucina: può essere impiegata per condire un primo piatto, può essere un piatto unico come nel caso delle melanzane ripiene, oppure può essere un ottimo contorno...
Antipasti

Pranzo di Pasqua: 10 idee per gli antipasti

Il pranzo di Pasqua è uno di quegli appuntamenti da trascorrere in compagnia della propria famiglia. Insieme a loro si passa con tranquillità una giornata di festa, accompagnando il tutto con del buonissimo cibo.Se siete in procinto di organizzare la...
Antipasti

Come fare la frittura di verdure

Le verdure spesso non piacciono ai bambini e anche i grandi le mangiano a fatica. Esiste però un modo di cucinarle che senza dubbio metterà tutti d'accordo, la frittura. Certamente con la frittura la maggior parte delle proprietà benefiche di questi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.