Come affumicare il formaggio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'amufficatura nasce come una tecnica piuttosto antica per la conservazione del pesce e della carne. Si tratta di chiudere all' interno di un recipiente un alimento posto sulla griglia, dove al di sotto si trova il druciolafo del legno, insieme a delle spezie. Il leggero fuoco acceso al di sotto ha lo scopo di insaporire l'alimento e dargli una speciale cottura, profumo e sapore. Oggi però questa tecnica ha avuto un salto di qualità in termini di cucina e strumentazioni. Infatti a livello industriale sono stati prodotti strumenti più specifici, mentre dal punto di vista degli alimenti, questa cottura si è espansa anche verso altri prodotti. Inoltre si è scoperto che l'uso di druciolati di legno particolare e altri tipi di aromi più specifici, conferiscono all'alimentazione un gusto migliore. Vediamo nella guida come applicare la tecnica per affumicare il formaggio.

26

Occorrente

  • Legni adatti come la betulla, il castagno, il faggio, la quercia, il fieno, la paglia ed erbe aromatiche come rosmarino, l'alloro e il ginepro.
  • Formaggi pasta filata o semidura che in genere sono freschi e umidi come ricotta, scamorza, provola, mozzarella, caciocavallo.
  • Una pentola con coperchio e una griglia.
36

La prima questione da affrontare è relativa al tipo di combustibile da adottare per una corretta e sana affumicatura. Non tutti i legni sono, infatti compatibili con questa metodologia culinaria. I migliori sono ad esempio: la betulla, il castagno, il faggio, la quercia e insieme a questi si può usare anche il fieno, la paglia e diverse erbe aromatiche come il rosmarino, l'alloro e il ginepro. Da evitare categoricamente i legni resinosi, come l'abete, in quanto darebbero ai formaggi, e a tutti gli altri alimenti, un sapore amaro.
Inoltre citiamo solo per conoscenza i metodi dell'affumicatura, che può essere eseguita "a freddo" cioè ad una temperatura che non supera i 45° e che si protrae per diversi giorni; ed un'affumicatura "a caldo" che arriva ad una temperatura di 90° e dura poche ore.

46

Passiamo adesso alla fase pratica dell'affumicatura. Innanzitutto citiamo i formaggi che maggiormente si prestano a questa tecnica, si tratta di tutti quelli a pasta filata o semidura che in genere sono freschi e umidi come ricotta, scamorza, provola, mozzarella, caciocavallo e cosi via.
Dopo esserci muniti dei combustibili adatti per realizzare l'affumicatura, disponiamoli in una pentola di alluminio, o meglio ancora di ghisa, e poniamo sul fuoco coprendo con un coperchio. Quando inizia ad uscire del fumo dal colore chiaro è il momento di passare alla fase successiva.

Continua la lettura
56

Lo scopo dell'affumicatura è quello di disporre il formaggio su una griglia che sia sopra elevata rispetto alla brace che contiene il misto di legno e aromi. Questi, mentre bruceranno, daranno sapore al formaggio. Con un coperchio chiudiamo il tutto, in modo tale che i sapori e gli odori si mantengano all'interno e lasciamo affumicare il formaggio per mezz'ora. Bisogna considerare che ci vuole mezz'ora per un chilo di formaggio. Dopo l'affumicatura i formaggi vanno conservati in frigo per circa una settimana.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il fumo che esce dalla pentola è scuro potrebbe significare che il combustibile sta bruciando ed è quindi meglio ricrearlo ex novo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come scegliere un formaggio magro

Il formaggio rappresenta un alimento molto ricco di sostanze nutritive, poiché in esso sono contenute tante proteine e un'alta percentuale di calcio che derivano dal latte, il quale è l'elemento fondamentale per fare il formaggio. Proprio per questo...
Antipasti

Come fare in casa il formaggio da spalmare

Per uno spuntino veloce o una merenda, il formaggio da spalmare è l'ingrediente giusto. Fresco, leggero e gradevole, è ormai quasi sempre presente all'interno di ogni frigorifero. Si possono preparare svariate ricette a base di formaggio da spalmare....
Antipasti

Come fare il formaggio fresco

Siamo ben pronti a preparare un ottimo prodotto, buono ed anche del tutto salutare, che potremo consumare comodamente in casa nostra, a tavola con i nostri amici e parenti. Stiamo parlando del come poter fare, con le proprie mani, il formaggio fresco,...
Antipasti

Come preparare le cotolette di formaggio

La semplicità è spesso l'anima della raffinatezza. Anche nell'ambito gastronomico sovente le ricette più semplici risultano quelle più gradite. Con il formaggio, ingrediente di eccezionale versatilità, si possono preparare molte pietanze. Ma solitamente...
Antipasti

Come fare la crema di formaggio

Con il termine crema di formaggio, generalmente s'intende una tipologia di formaggio spalmabile leggermente dolce, dal sapore molto delicato. Quest'ultimo, rappresenta il primissimo esperimento nel campo della produzione casearia e, con esso viene introdotto...
Antipasti

Come produrre il formaggio pecorino

La produzione del formaggio in Italia viene considerata a tutti gli effetti un'arte. Come produrre il formaggio si tramanda di generazione in generazione. Però per produrre il formaggio, al giorno d'oggi, non si utilizzano più i metodi di una volta....
Antipasti

Come preparare il formaggio fritto

Una golosa pietanza ottima per grandi e piccini è il formaggio fritto. Si tratta di uno sfizioso antipasto che può essere servito sia a pranzo che a cena. In questa guida vedremo come preparare il formaggio fritto utilizzandolo in tre diverse ricette....
Antipasti

Come fare antipasti di formaggio

Per preparare degli antipasti di formaggio da servire in tavola per le festività natalizie, pasquali o in caso di cene con amici e parenti occorre procurarsi tutti i vari ingredienti necessari e seguire passo dopo passo le semplici e rapide istruzioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.