Come affumicare l'aringa

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'aringa è un pesce azzurro ricco di elementi nutritivi e grassi insaturi ed in particolare di Omega 3. È adatto per chi segue una dieta ipocalorica, e si può mangiare anche tutti i giorni senza creare nessun tipo problema all'organismo. In riferimento a ciò, nei passi successivi vediamo come affumicare l'aringa per poterla consumare anche nei mesi in cui non si pesca.

25

Occorrente

  • Rametti secchi sottili di erbe aromatiche (salvia, rosmarino, timo)
  • Buccia esterna dell'aglio
  • Foglie di alloro secche
  • Tegame in terracotta
  • Alluminio per alimenti
35

Pulire le aringhe

L'aringa è un pesce che vive nelle acque dei mari del Nord, dell'Europa settentrionale e della Groenlandia, ed il periodo migliore per pescarla è tra maggio e giugno dove ve ne sono in abbondanza. Per consumarlo dopo molto tempo, questo tipo di pesce è sottoposto a vari trattamenti quali l'essiccazione, la marinatura e l'affumicatura. L'affumicatura è una tecnica molto antica, per conservare il cibo anche per svariati mesi e soprattutto nei periodi invernali. Dopo aver acquistato le aringhe dal nostro pescivendolo di fiducia, dobbiamo procedere alla pulizia ossia aprirle con un coltello a lama sottile giusto al centro, ed eliminare la lisca centrale senza farla rompere, dopodichè le passiamo sotto l'acqua corrente.

45

Posizionare le aringhe sul barbecure

Fatto ciò, procediamo con la fase della sfilettatura, che ci permetterà di ottenere delle strisce di aringa ben pulite e pronte da mangiare una volta affumicate. Una volta sfilettate le nostre aringhe, le posizioniamo sulla graticola del barbecure, dopodichè prendiamo un tegame di medie dimensioni e lo foderiamo di carta di alluminio, mettendo poi dei pezzetti di legno, delle foglie e le bucce dell'aglio secche perché dovranno bruciare molto lentamente. Con un fiammifero o un accendigas, diamo fuoco alle nostre erbette aromatiche che appena incominciano a bruciare, ci soffiamo sopra con un ventaglio, e poi spegniamo la fiamma lasciando però i rametti ancora bruciare per spegnersi completamente da soli.

Continua la lettura
55

Cuocere le aringhe

A seconda del tipo di legno utilizzato, le pietanze assumono un aroma particolare, per cui la tecnica dell'affumicatura sfrutta le sostanze liberate dal fumo che penetrano lentamente negli alimenti modificandone il sapore e il colore, e rendendo i cibi molti più saporiti. Una volta cotte, lasciamo le aringhe per due o tre ore a seconda dell'intensità di affumicatura desiderata, e vedremo che pian piano il colore del pesce cambierà. Una volta terminata l'affumicatura, possiamo gustare le aringhe con un contorno di insalata verde, delle patate lesse o al forno ed accompagnando il tutto con un buon bicchiere di vino bianco frizzante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: aringa affumicata al cartoccio

L'aringa non è particolarmente diffusa dalle nostre parti ma è un pesce dal sapore deciso e dalle ottime proprietà. Si tratta di un pesce azzurro dell'Atlantico settentrionale ricco di potassio, fosforo, calcio, vitamina A, omega 3, conosciuto in Italia...
Antipasti

Come affumicare il formaggio

L'amufficatura nasce come una tecnica piuttosto antica per la conservazione del pesce e della carne. Si tratta di chiudere all' interno di un recipiente un alimento posto sulla griglia, dove al di sotto si trova il druciolafo del legno, insieme a delle...
Consigli di Cucina

Come affumicare con il barbecue

Le giornate si allungano, il sole splende più vigoroso e i rami degli alberi si imperlano di gemme. Questa è l'affascinante magia della primavera! Con i primi tepori torna anche il desiderio di lasciare gli ambienti chiusi, per respirare a pieni polmoni...
Pesce

Come affumicare il pesce spada

L'affumicatura è una delle migliori tecniche di conservazione del cibo. Essa era molto utilizzata nei tempi antichi quando ancora non erano stati inventati i frigoriferi. Attraverso questo metodo si poteva consumare la carne e il pesce quando non ce...
Carne

Come affumicare la salsiccia

Se avete voglia di preparare qualcosa di sfizioso e particolare per una cena o un pranzo tra amici e ospiti vari, ecco per voi una guida molto utile per raggiugere il vostro scopo. In particolare, in questo articolo ci occuperemo di come realizzare un...
Pesce

Come preparare gli involtini di aringa

L'aringa, come tutti i tipi di pesce azzurro, oltre ad essere relativamente economica, è un ingrediente che possiamo usare per ricette sane ed appetitose. Tra queste, una facile da realizzare ed ottima da gustare è quella che mostra come preparare gli...
Pesce

Come affumicare il merluzzo

L'affumicatura è un particolare processo di conservazione a cui vengono sottoposte svariate tipologie di alimenti che vanno dalla carne ai formaggi, sino ad arrivare al pesce. Negli essiccatori generalmente si predilige l'uso di legnami quali il faggio...
Antipasti

Come preparare il rosti di patate con aringhe affumicate

Il rosti di patate è un piatto tipico della tradizione svizzera. Si tratta di una pietanza a base di patate, preparate in padella in modo tale che si formi una crosticina superficiale. Ed è proprio questo dettaglio che rende golosa la ricetta.Inoltre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.