Come ammorbidire il pane duro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molto spesso ci capita di buttare del pane, perché questo, dopo alcuni giorni se non viene congelato diventa duro è quindi immangiabile. Tuttavia bisognerebbe cercare di evitare di sprecare il pane, come ogni altro tipo di prodotto alimentare. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad ammorbidire il pane duro, in modo da evitare di buttarlo e poterlo consumare anche dopo alcuni giorni dall'acquisto.

26

Avvolgere il pane in uno strofinaccio pulito

Sicuramente, uno dei metodi più efficaci di ammorbidire il pane è quello di avvolgerlo in uno strofinaccio pulito, inumidito precedentemente con un po' di acqua tiepida, lasciandolo così avvolto per circa un'ora. Non appena sarà trascorso il tempo necessario, prendiamo il nostro pane e inforniamolo a circa cento gradi, fino a quando non acquisirà una consistenza friabile ma allo stesso tempo morbida, allo stesso modo di quando era stato acquistato. Un ulteriore metodo per ammorbidire il pane ormai duro è quello di spennellarlo con dell'acqua a temperatura ambiente ed avvolgerlo subito dopo in un foglio di carta stagnola.

36

Utilizzare il pane per cucinare le polpette

Una volta che lo avremo avvolto nella stagnola, potremo decidere se metterlo in forno a 150 gradi per circa venti minuti, oppure se metterlo sulla griglia avendo però l'accortezza di mantenere la fiamma molto bassa per tutto il tempo, in entrambi i casi, il nostro pane tornerà fresco e piuttosto morbido. Se però, ci accorgiamo che il pane è diventato ormai troppo secco da non potere applicare nessuno dei metodi indicati nei precedenti passi, l'unica soluzione per poterlo recuperare senza doverlo necessariamente buttare è quella di utilizzarlo per cucinare ad esempio delle polpette.

Continua la lettura
46

Utilizzare il pane per preparare dei crostini

Potremo, inoltre, utilizzare il pane troppo secco per preparare dei gustosi crostini, da servire con del pomodoro tagliato a pezzetti, per accompagnare diversi tipi di zuppe ecc, dovremo solamente metterlo in forno o in padella, tagliato a cubetti ed arricchito con un po' di sale ed olio. Un'altra soluzione molto utile è quella di utilizzare il nostro pane per ricavare il pangrattato, tale procedimento richiederà davvero pochissimo tempo, in quanto non dovremo fare altro che grattugiarlo, in tal modo ne ricaveremo anche un risparmio economico poiché eviterete di comprare il pangrattato.

56

Seguire le istruzioni

A questo punto, sarà sufficiente seguire le pratiche istruzioni riportate nei passi precedenti, per evitare di buttare il pane che, dopo qualche giorno dall'acquisto, sarà diventato duro. In questo modo recupereremo il pane o lo utilizzeremo in modi alternativi, evitando di sprecarlo inutilmente. È molto importante riuscire ad evitare gli sprechi di qualsiasi tipo di cibo cercando sempre un modo per riuscire a riutilizzare gli avanzi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Pane fatto in casa: gli errori più comuni da evitare

Il pane fatto in casa è molto invitante, ma alcune sviste sono difficili da superare. Conoscere questi errori prima di iniziare a panificare, potrà evitarvi la seccatura di lavorare sodo per ottenere un pane deludente. A questo proposito, vediamo riportati...
Pizze e Focacce

Come fare il pane arabo in padella

Quando si mangia in tavola, un ingrediente che non viene reso disponibile quasi mai è sicuramente il pane. Ne esistono di varie tipologie, le quali riescono ad accontentate qualsiasi palato. Chi non ha problemi a livello dentale può consumare ogni tipo...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane cafone napoletano

Quella del pane cafone è una ricetta proveniente dal territorio napoletano. Esso vanta una lunga tradizione, tanto da essere stato inserito fra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Questo speciale pane napoletano è realizzato con un perfetto...
Pizze e Focacce

Come fare il pane in 5 semplici mosse

Prima lo facevano le nostre nonne in casa, ed era sempre presente a tavola, un alimento che non poteva mai mancare ed era ottimo come spuntino, stiamo parlando del pane. Il pane ha conservato negli anni la sua importanza ed è ancora oggi molto presente...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane giallo

Il pane giallo di Allumiere nasce da un'antica tradizione laziale. Il caratteristico colore viene conferito dallo zafferano e soprattutto dal grano duro, prodotto tipico, nonché materia prima, del paese della provincia di Roma. Attualmente, il pane giallo...
Pizze e Focacce

Come fare del pane di farro

Il pane di farro è decisamente più leggero e digeribile del tradizionale con farina di grano. Si può acquistare nei supermercati, nei panifici che lo producono, oppure lo si può fare in casa utilizzando dei prodotti naturali e biologici. Il pane di...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane alle noci

Il pane alle noci, sin dall'antichità veniva preparato unendo l'acqua e la farina di frumento, senza utilizzare il lievito, cosa che è stata introdotta dagli egiziani. Il pane viene si può preparare in moltissimi modi, utilizzando diversi condimenti....
Pizze e Focacce

5 condimenti per il pane fatto in casa

Realizzare il pane in casa, è un qualcosa di molto bello e di divertente, in particolar modo se utilizziamo nella preparazione del nostro pane unicamente ingredienti freschi e genuini. È anche possibile realizzare più tipi di pane, semplicemente aggiungendo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.