Come ammorbidire lo zucchero di canna

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lo zucchero di canna rappresenta senza dubbio una delle soluzioni dolcificanti più amate ed apprezzatè al mondo. Rispetto allo zucchero bianco classico infatti esso risulta essere meno calorico e sicuramente più salutare. Per questo motivo esso viene adoperato in particolar modo da chi vuole mantenersi in forma oppure da chi sta seguendo un regime alimentare dietetico. Tuttavia a volte può capitare che lo zucchero di canna si solidifichi e che non risulti più morbido. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per poter ammorbidire efficacemente lo zucchero di canna.

26

Occorrente

  • Burro
  • Sacchetto da congelare
36

Controllare la dispensa

Esistono due diverse tipologie di zucchero: quello bianco e quello di canna. Se avete a disposizione in dispensa dello zucchero di canna e per qualche tempo non lo avete più usato, si sarà probabilmente trasformato in un unico duro 'mattoncino', specialmente se dovesse avere assorbito dell'umidità. La prima azione che verrebbe da fare è ovviamente quella di afferrarlo e gettarlo nell'immondizia, ma non fatevi guidare dalla fretta e dal nervoso nel vedere un buffo blocco marroncino che vi sembrerà totalmente inutilizzabile. A tutto infatti c'è rimedio più o meno semplice.

46

Mettere lo zucchero in un barattolo

Per non far solidificare lo zucchero di canna bisogna partire dalle basi. Per prima cosa, dopo aver acquistato il prodotto, bisogna toglierlo dalla sua confezione di cartone ed inserirlo all'interno di un barattolo di vetro come ad esempio quelli utilizzati per le conserve oppure per le marmellate. Chiudendo attentamente il coperchio lo zucchero si manterrà sempre fresco e ben morbido. Se invece purtroppo esso è già diventato solido c'è comunque un buon rimedio per poterlo ammorbidire. Una soluzione estremamente semplice consiste nel disporre lo zucchero in un sacchetto di plastica per alimenti.

Continua la lettura
56

Aggiungere una fetta di pane

Tagliate una fetta di pane ed inseritela correttamente all'interno del sacchetto, poi chiudetelo e sigillatelo con una striscia di nastro adesivo. Lasciate riposare tutto quanto alcune ore, poi controllate il risultato. Il blocco dovrebbe essersi trasformato in piccoli e morbidi granellini. Se disponete di un forno a microonde mettete il mattoncino in un contenitore di vetro e infornatelo per pochi attimi. Generalmente è un metodo che funziona senza alcun problema. È inoltre possibile sfruttare il normale forno a gas o elettrico, fasciando il pezzo solidificato nella stagnola e passandolo sulla piastra a circa centocinquanta gradi per pochi minuti.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare la marmellata di pomodori e cipolle rosse

La marmellata è una preparazione dolciaria solitamente a base di frutta e zucchero. Dall'aspetto denso e gelatinoso, è spalmabile sul pane o sui biscotti. Ma anche sulle fette biscottate e sui crostini. È un'ottima preparazione pure per farcire o decorare...
Antipasti

Come preparare la mostarda di pomodori verdi

Se volete preparare un particolare condimento per rendere più gustose le carni bollite, o i formaggi, la mostarda di pomodori verdi potrebbe essere la soluzione che cercate. Nella tradizione agricola e rustica veniva realizzata a fine estate, in genere...
Antipasti

Ricetta: carciofi in agrodolce

I carciofi in agrodolce sono un ottimo piatto, di facile realizzazione, molto apprezzato per il suo gusto forte e deciso. L'uvetta e i pinoli lasceranno in bocca un sapore dolce che sicuramente coprirà abbondantemente l'amaro dei carciofi. Un piatto...
Antipasti

Come preparare le crepes di avocado con crema di pistacchi

Le crepes sono una specialità dolciaria francese ma ormai tutto il mondo conosce ed apprezza la bontà di questo dessert delicato. Di questa squisitezza esistono tante diverse versioni, a partire dalle crepes al naturale, semplicemente spolverate di...
Antipasti

Come realizzare le carote in agrodolce

Le carote in agrodolce sono un contorno colorato e semplice da realizzare. La sapidità zuccherina delle carote si unisce gradevolmente al gusto pungente dell’aceto. La giusta quantità di zucchero apporta al piatto un sapore ancora più gradevole....
Antipasti

Ricetta: involtini di pasta fillo con zucca e taleggio

Fillo (dal greco Feelo) è un termine spesso utilizzato per descrivere quei fogli sottilissimi di pasta che vengono utilizzati per realizzare alcuni dei più deliziosi piatti, sia dolci che salati, in tutto il mondo. Tuttavia, la pasta fillo non è facile...
Antipasti

Come preparare i fagiolini sott'aceto

Nel periodo estivo, specialmente nei giorni di afa, è sempre consigliabile mangiare del cibo fresco. Le insalate, soprattutto se bilanciate, sono fortemente consigliate, dato che sono fresche, leggere, contengono molti sali minerali ed acqua, e quindi...
Antipasti

Come preparare la salsa di mele e cannella

Cucinare è la passione di tutti e, nel corso del tempo si sono inventate moltissime ricette divenute poi famose nel mondo. In questa guida spiegheremo come preparare la salsa di mele e cannella, particolarmente adatta con le carni, il pesce e persino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.