Come aromatizzare l'olio al tartufo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Cucinare è da sempre la passione di noi italiani. Ogni giorno sappiamo preparare piatti davvero squisiti e molto saporiti, invidiati e imitati da quasi tutto il mondo. Tra le specialità della nostra cucina possiamo annoverare l'olio, preparato ancora come si faceva una volta. L'olio aromatizzato al tartufo è molto facile da preparare e dona un sapore unico a carni, insalate e bruschette. Immaginate di avere davanti a voi una bella tagliata... Un po' d'olio al tartufo non guasterebbe, oppure una bella fetta di pane di campagna abbrustolita, condita ben bene con un filo di olio. Il tartufo ha un sapore unico e indescrivibile. Dopo questa breve introduzione sull'olio al tartufo, possiamo iniziare con questa guida dove spiegherò passo dopo passo proprio come aromatizzare al meglio l'olio al tartufo. Attraverso pochi e semplici passaggi vi daremo utili suggerimenti per facilitarvi il compito.

27

Occorrente

  • Mezzo litro di olio extra vergine d'oliva
  • 1 tartufo bianco
  • Bottiglia di vetro con chiusura ermetica
37

Scegliere il tartufo

Per prima cosa dobbiamo procurarci un buon tartufo, io preferisco i bianchi ma anche i neri vanno benissimo, e pulirlo accuratamente strofinando un panno su di esso per togliere la terra in eccesso. Dopo, prendiamo uno spazzolino da denti e continuiamo il trattamento affinché il tartufo sarà pulito del tutto. Una volta liberato il fungo dalla terra, sciacquare con abbondante acqua e asciugarlo con un panno di cotone tamponandolo.
Se all'occhio non risulta ben pulito, consiglio di ripetere l'operazione con lo spazzolino da denti, perché le setole grattino delicatamente sulla superficie senza sciuparlo.

47

Scegliere l'olio

È molto importante anche la scelta dell'olio, io consiglierei un buon biologico extra vergine di oliva, però, anche se l'olio non è biologico l'importante è che sia di buona qualità.
Possono andare bene anche oli extravergine che vendono nei supermercati, ce ne sono molti a buon prezzo e con sapori abbastanza buoni.

Continua la lettura
57

Scegliere la bottiglia

Procuriamoci una bottiglia di vetro da mezzo litro con chiusura ermetica, filtriamoci l'olio nella quantità desiderata e inseriamoci le fettine di tartufo mondato in precedenza, chiudere la bottiglia e lasciare il tartufo macerare, possibilmente in un ripostiglio per minimo una settimana e l'olio aromatizzato è pronto per essere gustato.
Molte persone mettono anche del peperoncino, ma io ho sempre evitato perché avessi voluto un olio piccante, l'avrei fatto solo con peperoncino. Se non avete ben capito questo passo, vi consiglio di leggerlo nuovamente prestando più attenzione.

67

Aspettare i tempi giusti

Preparare un Olio aromatizzato è molto semplice, basta avere la pazienza di aspettare un certo lasso di tempo che serve per la macerazione e il gioco è fatto. Le dosi del tartufo, variano dal sapore più o meno forte che vogliamo dare all'olio e, nel caso in cui si voglia un sapore un po' più deciso e corposo, basta usare più tartufo e prolungare la macerazione. Siamo giunti oramai a questo quarto ed ultimo passo della guida su come aromatizzare al meglio l'olio al tartufo. Come avete potuto vedere aromatizzare l'olio con il tartufo è un'operazione piuttosto semplice, che vi richiederà davvero poco tempo. Lo potrete quindi utilizzare per condire tutto ciò che volete, esaltando così i sapori. Vi auguro quindi buon appetito.
A presto.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • lavare bene i tartufi e curare, dando i tempi giusti alla macerazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come aromatizzare l'acqua

Tutti noi oggi abbiamo un account sui social e possiamo vedere come star internazionali sponsorizzino degli infusi fai-da-te disintossicanti utilizzando semplicemente frutta e verdura. Ormai i tipi di bevande diffuse in commercio sono veramente una quantità...
Analcolici

Come preparare l'olio d'oliva aromatizzato

L'olio d'oliva è senza dubbio uno degli elementi fondamentali presenti nella dieta mediterranea. Questo elemento è particolarmente indicato per la buona salute, in quanto contrasta i fastidiosi radicali liberi. In seguito, in questa guida vi verrà...
Analcolici

Come fare un espresso con il latte

Non c'è dubbio che il caffè sia la bevanda preferita dagli italiani. Tra le tante varianti, che possiamo preparare anche in casa c'è il famoso cappuccino, molto richiesto al bar. Si tratta di una bevanda che unisce il gusto del caffè espresso con...
Analcolici

Come preparare il succo di mela

Il succo di mela casalingo, da non confondere con il succo di frutta, non contiene conservanti né zuccheri aggiunti. È utilissimo in pasticceria, come bagna per il pan di Spagna oppure per aromatizzare le creme. Se piace, puoi servirlo tranquillamente...
Analcolici

Come preparare un ice tea

In questa guida vedremo come preparare un ice tea da sorseggiare tranquillamente in un caldo pomeriggio estivo per rinfrescarsi ed allietare il nostro palato. Ovviamente il gusto del nostro the ghiacciato potrà essere scelto in base alle nostre preferenze,...
Analcolici

Come fare il succo di uva

Quando la frutta abbonda non c'è cosa migliore che conservarla creando delle prelibatezze come marmellate, confetture o succhi. Quello che stiamo per mostrarvi oggi è come ottenere il succo di uva. Il succo di uva, anche se non molto conosciuto e utilizzato,...
Analcolici

Come fare un succo ai frutti rossi

Per mantenere in ottima salute il nostro organismo, bere è uno step fondamentale! Anche se spesso tendiamo a sottovalutare l'importanza di una corretta idratazione, in realtà è un aspetto che gioca un ruolo fondamentale all'interno del nostro organismo....
Analcolici

Come preparare il the in foglie

Al di là della tradizione inglese in materia di the, a tutti fa piacere gustarne una buona tazza calda nei periodi più freddi. D'altra parte si tratta di una bevanda non nociva, che se presa con moderazione, fa bene anche all'organismo. Rispetto al...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.