Come barricare il vino

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Un aspetto affascinante del vino è il percorso che compie prima di arrivare sulla nostre tavole. In estate e all'inizio dell'autunno l'uva viene raccolta e sottoposta alla prima trasformazione, la pigiatura. Una macchina in continuo moto stacca gli acini dal grappolo e spreme bucce, polpa e semini trasformando il tutto in mosto. Questo composto, costituito in prevalenza di zuccheri (glucosio e fruttosio), acidi (tartarico, malico, citrico) e, in minima parte, sostanze azotate, minerali e coloranti passa nei tini dove ha inizio la fermentazione. Subito e spontaneamente dei lieviti, chiamati saccaromiceti, cominciano a trasformare lo zucchero del mosto in alcool etilico, anidride carbonica e altri prodotti secondari. Fuori dalle vasche di fermentazione il vino non è ancora pronto per le nostre tavole. Il liquido grezzo dal forte profumo e dall'aspetto poco limpido deve attendere un bel po' di tempo in cantina, conservato con curo in grosse botti o in barrique. La scelta, se utilizzare vecchie botti di una volta o barricare il vino, dipende dall'esperienza dei produttori, dagli spazi a disposizione, dai costi e da che vino che si vuole fare. Vediamo, quindi, come barricare il vino in maniera dettagliata e semplice.

27

Occorrente

  • Botte di legno
37

La maturazione del vino

Dal momento della raccolta fino alla fermentazione, il futuro buon vino viene passato attraverso contenitori di varia forma, genere e materiale. Ha conosciuto l'acciaio e il cemento, ma la maturazione la deve assolutamente compiere in botti di legno. Perché solo il legno è in grado di cedere sostanze aromatiche che, ben amalgamate, arricchiscono il vino di note intense e complesse. Esistono botti capaci di contenere molte decine di ettolitri o barriques, piccole botti francesi.

47

I vantaggi della botte

Tradizionalmente i produttori di vino italiano preferiscono le grandi botti fatte con legno di rovere. Sembrerebbero diversi i vantaggi offerti dalla grande botte. Lo spessore delle doghe è di oltre 5 centimetri e quindi il ricambio di aria interna è lento. Garantendo una trasformazione del prodotto più lenta e quindi più naturale.

Continua la lettura
57

Quando imbottigliare il vino

In grossi botti o in barrique, il vino che riposa in cantina continua a subire modifiche. L'ossigeno lavora e il cantiniere deve controllare che tutto proceda nel migliore dei modi. Quando il vino verrà stabilizzato, ossia non più soggetto a variazioni biologiche e avrà raggiunto alcune determinate caratteristiche, lo si potrà imbottigliare. Infine, perché no, potrà anche venire venduto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lo spessore delle doghe della botte dovrà essere di oltre 5 centimetri e quindi il ricambio di aria interna è lento. Per garantire una trasformazione del prodotto più lenta e quindi più naturale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare il vino con l'uva spina

Oggi vogliamo parlare del vino di uva spina, un vino molto particolare e dal sapore dolce e delicato. La preparazione di questo vino richiede un procedimento diverso da quello seguito comunemente per la produzione del vino comune. Il vino di uva spina...
Vino e Alcolici

Come decantare il vino

Quando si parla di decantazione del vino generalmente si intende un processo particolare che permette di dividere il vino da possibili sedimenti che si generano soprattutto nelle bottiglie di vino rosso. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come scegliere un buon vino rosso

In questa guida, vogliamo cercare di proporre a tutti voi, cari lettori, un metodo per capire come poter scegliere un buon vino rosso, per gustarlo in compagnia di amici e parenti, magari davanti ad un bel piatto di pasta con il sugo o anche con una bella...
Vino e Alcolici

Come scegliere un buon vino bianco

Il vino è la bevanda preferita da noi italiani, ma anche dal resto del mondo. Non è solo il nostro paese ad essere un gran produttore di vino, ma anche paesi come la Francia ne producono di ottimi. Questo fa sì che il mercato ormai sia pieno di diverse...
Vino e Alcolici

Come scegliere il vino rosso per il pesce

Cari lettori, quante volte è capitato di dover andare ad una cena e non sapere cosa portare? La scelta consigliata è sempre quella del vino, ma quando si tratta di pesce? Solitamente abbinato al vino bianco, in questa guida scopriremo che è possibile...
Vino e Alcolici

Come invecchiare il vino in botte

I vini che traggono benefici dall'invecchiamento risultano essere esattamente i vini rossi che però devono essere conservati solamente per un certo periodo di tempo, il quale risulta essere precisamente diverso da vino a vino. Il modo per riconoscere...
Vino e Alcolici

Come scegliere il vino giusto per ogni occasione

Durante ogni tipo di pasto, un bicchiere di buon vino è l'accompagnamento ideale. Non stiamo certo parlando del "vino in cartone" del supermercato. Il vino è un piacere e come tale deve essere scelto con molta cura ed attenzione. Ogni sorso deve essere...
Vino e Alcolici

Come scegliere il giusto vino in base al menù

Una cena perfetta consiste in un buon primo, un ottimo secondo e in un bel dolce, ma se il vino non è quello giusto, rischiamo veramente di alterare i sapori e rovinare tutto. L'esperienza di un bravo sommelier potrebbe esserci utile, ma a volte serve...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.