Come capire se il pollo è andato a male

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il consumo di carni bianche, come tacchino, pollo, coniglio, è molto aumentato negli ultimi tempi: il motivo è perché sono considerate molto salutari, digeribili e non contengono colesterolo. Ma se non osserviamo delle norme scrupolose che riguardano la sua conservazione, la carne può andare a male trasmettendo all'uomo dei batteri che provocano dei casi di avvelenamento ogni anno. Le principali malattie trasferibili all'uomo, sono la salmonella e l'Escherichia coli: dato l'incipit, è di fondamentale importanza saper riconoscere la carne avariata, non solo basandosi sul cattivo odore che emana, ma anche su vari metodi. In questa guida, vediamo nel dettaglio come capire se il pollo, in particolar modo, è andato a male.

26

Occorrente

  • Occhio clinico
  • buon olfatto
36

Innanzitutto il pollo è una varietà di carne che va effettivamente consumata subito, inoltre molto spesso va considerato che la data di confezionamento, che si trova nei grandi ipermercati, non corrisponde a quella di macellazione, di conseguenza il pollo si mantiene fresco per poco tempo. La sua carne ha un colore rosato tipico ed è appunto sul colore che si può basare una prima analisi tramite un'attenta osservazione: se non ha più quel tipico colore rosato ma è più scura, andrebbe consumata in fretta, altrimenti se ha già assunto un colore grigiastro andrebbe già buttata.

46

Generalmente tutta la carne fresca ha un buon odore: il pollo andato a male, invece, emana un cattivo odore, quasi aspro o comunque molto sgradevole all'olfatto. L'ultimo step della nostra analisi è difficoltoso, soprattutto agli occhi di una persona poco esperta. Di suo, il pollo è una varietà di carne un po' viscida ma se al tatto dovesse risultare più untuosa del dovuto o addirittura appiccicosa è sicuramente andata a male. Anche in questo caso è consigliabile abbinare il test del colore e dell'olfatto, sebbene talvolta possano fallire a causa dell'uso di conservanti.

Continua la lettura
56

Sembrerà assurdo ma spesso non viene controllata la scadenza: in realtà quest'ultima è appunto solo un'indicazione a specificare una data oltre il quale il prodotto non può essere venduto ma non è un indice che valuta la commestibilità dell'alimento in questione. Dunque per tali motivi, è consigliabile utilizzare la data di scadenza come parametro di certezza della freschezza del prodotto. Per quanto riguarda la sua conservazione, se quando viene comprato è fresco si mantiene tale per uno o due giorni, in frigo; se congelato, la durata aumenta di qualche settimana oltre la data di scadenza, a patto che venga congelato fresco e in ogni caso è consigliabile controllarlo dopo lo scongelamento.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lavare sempre le mani quando si viene in contatto con qualsiasi tipo di carne.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come disossare un petto di pollo

Com'è ben noto, le carni bianche sono le più salutari e leggere. Sono ottime fonti di proteine e si possono cucinare in tanti modi diversi. La carne del pollo è certamente tra le più apprezzate. Possiamo assaporarla tanto in invitanti arrosti quanto...
Consigli di Cucina

Consigli per evitare che il pollo al forno si secchi

Cucinare il pollo al forno come si deve è uno dei traguardi di ogni buon cuoco. Purtroppo uno dei problemi che spesso si riscontra riguarda il fatto che la carne del pollo anziché essere tenera e saporita si secchi, diventando stopposa e poco appetibile....
Consigli di Cucina

Come disossare il pollo con taglio sulla schiena

Alcune ricette, per quanto golose e prelibate, presentano dei gradi di difficoltà che possono scoraggiarci. In realtà, spesso è sufficiente conoscere i passi giusti da compiere per ottenere risultati inaspettati! Per servire in tavola un favoloso pollo...
Consigli di Cucina

Come cucinare le ali di pollo nel microonde

Spesso, le ali di pollo non sono considerate con il loro giusto valore, eppure si tratta di un tipo di carne bianca piuttosto versatile, gustosa, saporita ed anche economica. Infatti, con le ali di pollo, è possibile preparare diverse pietanze, ed il...
Consigli di Cucina

Come preparare un ragù bianco con carne di pollo e tacchino

Il ragù bianco è un'ottima alternativa al classico ragù al pomodoro. Inoltre è l'ideale per tutte quelle persone che soffrono di allergia al nichel alle quali l'uso del pomodoro è inibito. Per preparare questo ragù occorrono solo carni bianche,...
Consigli di Cucina

Come capire i tempi di lievitazione

Per chi ama cucinare ed impastare la lievitazione è sempre stato un taboo. Pasta, pane e tanto altro sono alimenti davvero unico nel loro genere e non riusciamo a fare a meno. Il pane è considerato il lavoro per eccellenza dell'uomo lavoratore ma quando...
Consigli di Cucina

Come servire la paella

La paella è un tipico piatto di origine spagnola, caratteristico della Valencia. Il termine "paella" significa "padella" e prende il nome dal recipiente nel quale si cucina questo delizioso piatto. È una pietanza a base di riso asciutto con pollo, pesce...
Consigli di Cucina

Le migliori spezie da abbinare alla carne

La carne è uno degli alimenti base della nostra dieta mediterranea. Si posiziona in cima alla piramide alimentare e quindi da consumarsi con moderazione. Molto consigliata la carne bianca, es tacchino pollo e coniglio, rispetto alla rossa, vitello maiale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.