Come caramellare l'aglio

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'aglio caramellato non è sicuramente tra i prodotti più diffusi e conosciuti, nonostante l'aglio sia impiegato in moltissime ricette, per lo più salate. Di norma viene utilizzato per condire la pasta oppure per insaporire le bruschette di pane abbrustolito ed infine è ottimo come condimento per torte salate di pasta sfoglia e pizze. L'aglio caramellato, tuttavia, riesce a mantenere inalterato il suo odore e le sue proprietà organolettiche. I metodi per caramellare l'aglio sono diversi, dai più semplici, che prevedono di saltarlo in padella con lo zucchero, fino a più complessi che prevedono qualche passaggio in più. Andiamo ad analizzarne qualcuno.

26

Occorrente

  • Una testa di aglio di ottima qualità;
  • 2 cucchiai di zucchero semolato o di canna;
  • Olio extra vergine d'oliva;
  • 200 ml di acqua circa;
  • aceto balsamico (facoltativo)
36

Nozioni preliminari

Innanzitutto, occorreranno i giusti ingredienti. Infatti, l'aglio da caramellare deve essere fresco e di ottima qualità, mentre gli spicchi devono essere integri e compatti. Non si dovrà mai utilizzare, per nessuna regione, aglio vecchio e raggrinzito, poiché il risultato finale sarebbe davvero deludente, sia per l'aspetto che per il sapore. Prima di tutto l'aglio dovrà essere sbollentato, e solo successivamente andrà soffritto. Infine si passerà a caramellarlo con lo zucchero semolato o meglio ancora, di canna, in grado di donare un aspetto più dorato, meglio intonato con questo tipo di preparazione.

46

Cottura dell'aglio

Innanzitutto procediamo col pulire e cuocere l'aglio. Staccare gli spicchi uno alla volta, sbucciarli accuratamente e scegliete solo quelli perfetti ed integri.
Disporli poi in una casseruola e coprirli d'acqua. Faterli bollire per qualche minuto e poi estrarli e metterli in una padella con un filo di olio extra vergine d'oliva. Lasciar soffriggere per qualche minuto a fuoco vivace. Abbassare la fiamma e aggiungere dell'altra acqua, e magari anche dell'aceto balsamico. Continuare la cottura dell'aglio per dieci minuti a fuoco basso.

Continua la lettura
56

Aggiunta dello zucchero

Trascorsi i dieci minuti, aggiungere lo zucchero. Mescolare di continuo, tenendo il fuoco basso, in modo da non far bruciare il caramello. Continuare la cottura finché il liquido non sarà evaporato e non si sarà formato un caramello denso e scuro.
Una volta raggiunto questo risultato, spegnere il fuoco e mettere da parte l'aglio caramellato. Utilizzarlo subito oppure conservarlo in un un luogo fresco e asciutto, magari in un contenitore di vetro e consumare entro per qualche giorno. L'aglio caramellato sarà una vera sorpresa, da utilizzare in tantissime ricette grazie al suo gusto intenso e allo stesso tempo dolce, un ingradiente per veri chef. Non ci resta che augurarvi buon appetito!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

Come utilizzare l'aglio in polvere in cucina

In questo articolo vedremo come utilizzare l'aglio in polvere in cucina. Questo condimento è assolutamente molto usato in cucina, specialmente per dare sapore alle pietanze, come per esempio: pasta, pesce e carne. In diversi Paesi, tale pianta oltre...
Consigli di Cucina

Come fare la salsa yogurt con aglio

Lo yogurt è un alimento molto utilizzato in cucina, non solo per fare dei dolci ma anche per accompagnare carni, pesce o verdure. E’ un prodotto ricco di fermenti lattici, ideale per chi è a dieta in quanto è privo di grassi e al tempo stesso nutriente....
Consigli di Cucina

Come fare l'agliata

Sono moltissime le pietanze che possono essere accompagnate da delle salsine deliziose, per rendere ogni piatto ancora più accattivante e sicuramente ancora più saporito. Tra le varie salse da poter preparare in casa attraverso l'utilizzo di pochissimi...
Consigli di Cucina

Come fare la conserva di melanzane sott'olio

Qualora vi piacciono le melanzane, vi consiglio assolutamente di procedere nell'attenta lettura dei passaggi successivi della seguente pratica e deliziosa guida, nella quale vi spiegherò bene come bisogna fare correttamente la conserva di melanzane sott'olio,...
Consigli di Cucina

Come trifolare i funghi secchi

Con il verbo "trifolare" si indica un preciso procedimento gastronomico. Si tratta infatti di cuocere in padella degli alimenti, riducendoli a fette sottili e condendoli con aglio, olio e prezzemolo. Come ad esempio le melanzane o, più comunemente, i...
Consigli di Cucina

Come servire le bruschette

Le bruschette non hanno bisogno di grandi presentazioni. Si tratta di crostini croccanti e fragranti, piuttosto famosi in italia ed, in generale, nella cucina europea. Di solito sono a forma di barchetta e vengono condite in svariati modi. Il più classico...
Consigli di Cucina

Come preparare il pesto di radicchio

Il pesto è un alimento tipico della cucina tradizionale genovese e l'ingrediente principale della ricetta classica è il basilico. Poi vi vengono aggiunti altri ingredienti, che tuttavia possono essere sostituiti, l'importante è che non manchi il basilico....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.