Come congelare il lievito madre

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il lievito madre è una tipologia di lievito creata con l'impasto di acqua e farina, fermentati per un determinato periodo di tempo. Il lievito madre dona molta più digeribilità agli alimenti e può essere utilizzato per svariate tipologie di ricette. Pane, pasta e rosticcerie sono solo alcune delle delizie da preparare con il lievito madre o pasta madre. Nel momento della loro preparazione si utilizza un gran quantitativo di lievito madre e generalmente ne avanza una parte. Invece di buttarlo via, è possibile congelarlo per poterlo riutilizzare al momento del bisogno. Nella guida che segue vi sarà spiegato proprio come congelare correttamente il lievito madre.

26

Occorrente

  • Sacchetti per surgelare, barattoli in vetro, farina.
36

Il lievito madre, comunemente chiamato anche pasta acida o pasta madre, è la tipologia di lievito migliore per poter creare gli impasti per pizze, calzoni, eccetera. Con il lievito madre tutte le tipologie di pane e di pizza diventano molto più digeribili e molto più leggere, questo grazie alla fermentazione del lievito. Preparare un gran quantitativo di lievito madre e congelarlo è molto più utile per poter cucinare ogni volta che si vuole una buona pizza o del delizioso pane fatto in casa. La conservazione del lievito madre può essere lunga o breve. Per una conservazione breve è meglio utilizzare il frigorifero, mentre per una lunga conservazione è opportuno optare per il freezer.

46

Per poter congelare il lievito madre appena fatto, potete procedere mettendo una buona quantità di farina utilizzata per l'impasto all'interno di un sacchetto adatto alla conservazione in congelatore. Una volta aggiunta la farina al suo interno, con le mani prendete un'abbondante quantità di lievito e ponetelo prima in frigorifero per ventiquattro ore e successivamente in freezer. Conservare il lievito direttamente in freezer, non permetterà una conservazione ottimale e non aiuterà il lievito pieno di batteri a mantenersi integro.

Continua la lettura
56

Trascorso il tempo necessario, il lievito potrà essere rinchiuso in freezer e utilizzato quando si ha la necessità. Il lievito può anche essere inserito all'interno di un barattolo di vetro con chiusura ermetica e con un pizzico di farina prima di essere conservato in freezer. Una volta che avrete necessità del lievito, uscitelo dal congelatore, ponetelo nuovamente in frigo per ventiquattro ore per evitare lo shock termico dei batteri e poi avrete la possibilità di utilizzarlo. Potrete procedere così con l'utilizzo del lievito per le vostre meravigliose ricette da preparare in casa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come congelare le fave fresche

Morbide, tenere, saporite e davvero genuine, le fave fresche sono uno dei prodotti più buoni che la terra è in grado di offrire. La loro stagione che va da aprile a luglio è abbastanza breve e se si ha il desiderio di assaporare questa deliziosa verdura...
Consigli di Cucina

Come congelare gli asparagi

La cosiddetta "dieta mediterranea" comprende una vasta gamma di cibi che concorrono a mantenerci in forma giorno dopo giorno. Le verdure in particolar modo sono ricche di nutrienti fondamentali per il nostro benessere. Gli asparagi fanno parte di questa...
Consigli di Cucina

Come congelare il tartufo fresco

In questa guida vedremo come sarà facile e alquanto veloce congelare il tartufo fresco, un alimento molto richiesto ed apprezzato dai palati più sopraffini. Inoltre, visto il prezzo non del tutto basso, sarà un'ottima idea per conservarlo al meglio...
Consigli di Cucina

Come sostituire il lievito in polvere nelle ricette

Il lievito è un ingrediente presente frequentemente nella maggior parte delle ricette. Tuttavia ci sono tantissime persone che al giorno d'oggi ne sono intolleranti e non possono quindi farne uso. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi...
Consigli di Cucina

Lievito di birra: vantaggi e svantaggi dell'utilizzo

L'utilizzo del lievito di birra in cucina trova molti impieghi, non solo nei panificati e nelle pizze, ma anche in alcuni dolci che, per avere una consistenza dolce e soffice, lo prediligono come ingrediente base. Il lievito è in realtà formato da un...
Consigli di Cucina

Come preparare i taralli con la pasta madre

I taralli sono pietanza tipica di una regione del sud Italia, ovvero la Puglia. Le versioni più canoniche dei taralli sono salate e sono condite con del peperoncino o dei semi di finocchio. In questa guida vedremo proprio come poter preparare i taralli...
Consigli di Cucina

Ricette senza lievito: 5 ricette dolci

I dolci, una tentazione continua per i golosi. Molti di essi contengono, tuttavia, il lievito e non sono proprio adatti a tutti. Di seguito conoscerete ben 5 ricette dolci senza lievito, selezionate con cura tra una vasta scelta e sviluppate per chi è...
Consigli di Cucina

Come fare il lievito istantaneo per dolci in casa

Per chi ama la cucina naturale è molto importante evitare gli ingredienti più chimici e affidarsi a cose più semplici. Molti di noi hanno sostituito diversi ingredienti che ci permettono di avvicinarci di più alla natura e alla cucina genuina. C'è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.