Come congelare le fave fresche

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Come congelare le fave fresche

Morbide, tenere, saporite e davvero genuine, le fave fresche sono uno dei prodotti più buoni che la terra è in grado di offrire. La loro stagione che va da aprile a luglio è abbastanza breve e se si ha il desiderio di assaporare questa deliziosa verdura anche durante l'inverno, è sempre possibile congelare questo prodotto per poterlo gustare in ogni momento dell'anno. Per congelare le fave, è consigliato seguire dei passaggi specifici per mantenerle sempre fresche come appena raccolte.

27

Occorrente

  • Sacchetti per freezer
  • strofinaccio
  • fave
  • congelatore
37

Fare una buona scorta di fave

Fare una grande scorta di fave per tutto l'inverno è sempre piacevole, per poter mangiare questa verdura tenera anche quando non è la sua stagione inserendola in sfiziose e golose ricette. Per mantenere le fave sempre verdi, fresche e per mantenere il loro sapore particolare e il loro profumo delicato, è necessario ovviamente avere a disposizione un congelatore. La maniera di congelarle per conservarle adeguatamente, può variare a seconda delle preferenze e delle necessità.

47

Pulire, sbucciare e lavare le fave

La prima cosa da fare per conservare adeguatamente le fave, è quella di pulirle, sbucciarle e lavarle nuovamente. Dovrete dunque sgranare le fave e lavarle sotto l'acqua corrente fredda rimuovendo ogni residuo di terra. Per una migliore conservazione, è sempre consigliato e indicato sbollentare le fave per alcuni minuti in acqua bollente e, se è di vostro gradimento, anche leggermente salata. Una volta trascorsi al massimo due o tre minuti, è necessario scolare benissimo le fave con uno scolapasta e immergerle successivamente in acqua ghiacciata: il ghiaccio, servirà a mantenere le fave verdi e perfette. Fatto ciò, ponete le fave su uno strofinaccio da cucina pulito e asciugatele benissimo per ottenere una conservazione perfetta.

Continua la lettura
57

Riporle in sacchetti quando saranno asciutte

Una volta che le fave saranno asciutte, ponetele poco per volta in tanti sacchettini adatti al congelamento: fate fuoriuscire l'aria in eccesso dai sacchetti e chiudeteli ermeticamente con un nodo o con l'apposito fermaglio. Inserite le fave nel freezer e conservatele per massimo dodici mesi. In questa maniera, potrete avere a disposizione le vostre fave ogni volta che ne avrete voglia. Potrete preparare ogni ricetta contenete delle fave fresche perché le avrete per tutto l'anno a portata di mano. Se fuori dal freezer le fave resteranno attaccate l'una all'altra, sbattete leggermente il sacchetto e si staccheranno con facilità l'una dall'altra. Questo metodo, è abbastanza semplice, efficace e pratico per congelare svariate verdure.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come congelare gli asparagi

La cosiddetta "dieta mediterranea" comprende una vasta gamma di cibi che concorrono a mantenerci in forma giorno dopo giorno. Le verdure in particolar modo sono ricche di nutrienti fondamentali per il nostro benessere. Gli asparagi fanno parte di questa...
Consigli di Cucina

Come congelare il tartufo fresco

In questa guida vedremo come sarà facile e alquanto veloce congelare il tartufo fresco, un alimento molto richiesto ed apprezzato dai palati più sopraffini. Inoltre, visto il prezzo non del tutto basso, sarà un'ottima idea per conservarlo al meglio...
Consigli di Cucina

Come congelare il lievito madre

Il lievito madre è una tipologia di lievito creata con l'impasto di acqua e farina, fermentati per un determinato periodo di tempo. Il lievito madre dona molta più digeribilità agli alimenti e può essere utilizzato per svariate tipologie di ricette....
Consigli di Cucina

Come congelare le crepes

Le crepes sono una specialità francese (in Francia vengono consumate a tutte le ore del giorno, dalla prima colazione allo spuntino di mezzanotte) conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo. Le crepes, o come sono chiamate in Italia, crespelle, non...
Consigli di Cucina

10 ricette con gli spaghetti

Si fa presto a dire spaghetti! Infatti, tra fare "un piatto di spaghetti" ed un "buon piatto di spaghetti", c'è un enorme differenza. Quante volte vi sarà capitato di cuocere troppo la pasta o troppo poco o magari, di aver dimenticato il sale o ancora,...
Consigli di Cucina

5 zuppe ideali in inverno

In inverno, con il freddo, è piacevole assaporare una buona e calda zuppa. Sopratutto dopo una giornata di lavoro fuori casa, non c'è niente di meglio. Molte volte però si finisce per preparare sempre gli stessi piatti, che a lungo andare diventano...
Consigli di Cucina

Come conservare una spremuta d'arancia

Bere una squisita spremuta d'arancia, soprattutto appena svegli, riesce a dare la giusta carica per affrontare una lunga giornata di intenso lavoro e di forte stress. Grazie al contenuto di grandissime quantità di vitamina C, l'arancia, è in grado di...
Consigli di Cucina

Come preparare un meal prep

Gustare un buon pasto caldo, soprattutto dopo una giornata intensa, è ciò che ci vuole per ricaricarsi. Questo, però, non sempre è possibile. A causa degli impegni quotidiani, come il lavoro e lo studio, non si ha il tempo di mettersi ai fornelli....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.