Come conservare al naturale i piselli

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I piselli sono dei legumi le cui piante, come noto, non crescono durante tutto l'anno. Ecco perché sempre più viva è l'esigenza di conservarli affinché si possano consumare anche nei periodi meno propizi. Come conservare, dunque, al naturale i piselli? E come mantenere inalterate tutte le loro proprietà nutritive? In questa guida vi illustreremo alcuni procedimenti di conservazione molto semplici, da realizzare in casa, impiegando poco tempo e pochissima spesa. Ecco come fare.

26

Occorrente

  • Pentola, acqua, bustine di plastica per alimenti, canovaccio, barattoli sottovuoto, bicarbonato.
36

Lavate i piselli

Dopo averli acquistati oppure colti direttamente della campagna, prendete i piselli freschi e privateli del loro caratteristico involucro. Questo processo, detto di sgranatura, dovrà essere seguito dalla sistemazione dei baccelli raggruppati su di un tavolo. Ora lavateli accuratamente e conservateli. Come fare? Vi proponiamo due modi differenti, ma entrambi efficaci, di conservare adeguatamente i piselli freschi. Ecco come procedere.

46

Sbollentate

Il primo metodo consiste nel preparare una pentola con dell'acqua messa a bollire a fuoco vivace. Giunto il tutto ad ebollizione, versate dentro i piselli e lasciate sbollentare per 3-4 minuti. Trascorso questo breve lasso di tempo, scolate i piselli e metteteli immediatamente sotto abbondante acqua fredda per arrestare il processo di cottura. Prendete un panno da cucina e posizionate i vostri piselli su questo, lasciandoli freddare completamente. Una volta freddi a asciutti, chiudete i piselli dentro bustine di plastica e congelateli. Saranno pronti e freschi ogni volta che lo desiderate.

Continua la lettura
56

Conservate in barattolo sottovuoto

Un secondo metodo di conservazione consiste nel riporli dentro un barattolo di vetro, seguendo questo semplice procedimento: fate sbollentare i piselli dentro abbondante acqua calda, cuocendo per circa 3-4 minuti. Dopo averli fatti asciugare e raffreddare completamente, versateli dentro a uno o più barattoli di vetro. Aggiungete un po' di acqua (circa mezzo litro) e del bicarbonato (1/4 di cucchiaino). Il bicarbonato farà si che i vostri piselli in barattolo rimangano sempre freschi e con il caratteristico colore verde. Non dimenticate tuttavia di operare la sterilizzazione dei barattoli e di mettere i piselli dentro a questi, seguendo le regole del sottovuoto. Chiudete ermeticamente con un coperchio ed il gioco è fatto. Ecco realizzata, seguendo due metodi diversi, un'ottima conservazione dei piselli freschi, che saranno così pronti per essere aperti e gustati ogni volta che ne avrete voglia.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Aggiungete ai piselli nel barattolo un po' di acqua e 1/4 di cucchiaino di bicarbonato per farli rimanere sempre di colore verde intenso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come conservare l'origano

Le erbe aromatiche custodiscono dei segreti che sembrano capaci di valicare il tempo. Erbe dal profumo intenso, ricche di virtù benefiche conosciute già in epoche antiche. Una cucina sprovvista dei sentori aromatici di queste erbe, perde un prezioso...
Consigli di Cucina

Come conservare i prodotti sottovuoto in barattoli di vetro

Oggi, in questo articolo vi spiegherò come conservare i prodotti sottovuoto (pomodoro, legumi, olive ecc...) in barattoli di vetro. Letto così potrà sembrarvi qualcosa di esorbitante, ma potete stare più che tranquilli, si tratta semplicemente di...
Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Come conservare l'olio di cocco

Negli ultimi tempi, si è scoperto che l'olio di cocco apporta moltissimi benefici al corpo non solo a livello interno, ma anche esterno. L'olio di cocco, è un alleato della pelle, perché grazie alle sue proprietà, è in grado di rendere la pelle liscia,...
Consigli di Cucina

Come conservare e condire le olive nere

Le olive rappresentano un dei pilastri della nostra cultura gastronomica. Un patrimonio nutrizionale insostituibile per il nostro organismo. Dalla loro spremitura possiamo ricavare l'olio, un dorato concentrato di bontà e virtù benefiche. Per assaporare...
Consigli di Cucina

Come conservare il nero di seppia

Il nero di seppia è un liquido di colore molto scuro che viene estratto dalle vesciche o sacche delle seppie. Il colore scuro del nero di seppia è dovuto al contenuto di melanina. Spesso nel passato si utilizzava per scrivere come inchiostro naturale....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.