Come conservare i fichi d'India sbucciati

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I fichi d'India sono un particolare frutto dalle straordinarie proprietà. Questi frutti nascono da piante altre anche 3 metri, che somigliano a cactus, foglie verdi e larghe, con spine. Nella fioritura è possibile notare fiori dai colori vivacissimi da cui poi prende origine il frutto in questione: i fichi d'India. Questi frutti oltre ad essere colorati, sono tondeggianti o in forma allungata e hanno delle piccole ed insidiose spine, molto sottili. Bisogna porre attenzione, sia quando vengono raccolti, sia quando a casa si sbucciano per essere mangiati o conservati. Utili dei guanti adatti. In Italia questa pianta cresce bene soprattutto nell'estremo sud, quindi Sicilia e Calabria, proprio perché necessita delle temperature ideali, molto calde.
I fichi d'India sono ricchi di proprietà nutritive, sono ricchi di fibre, sono ricchi di acqua, favorendo la diuresi, inoltre sono ricchi di antiossidanti, ragione in più per essere consumati. Sono un alimento povero di calorie (55 calorie ogni 100 grammi) e carboidrati, ricchi di potassio, fosforo e calcio.
Un frutto consigliato e assolutamente da inserire nella propria alimentazione quando è disponibile. Considerando quanto sia ostico pulire questi frutti, per via delle spine, spesso la cosa migliore è sbucciarli tutti e conservarli per consumarli. Ma come si fa a conservare i fichi d'India sbucciati? Ecco delle indicazioni che aiuteranno a conservare bene una volta che questi frutti sono stati privati della buccia.

24

Coprire con un canovaccio umido

Una volta che i fichi d'India sono stati ben puliti e sbucciati, si possono mettere in un contenitore di plastica o meglio se in acciaio inox e coperti con un canovaccio prima bagnato con acqua fredda e poi ben strizzato. Si ricoprono i frutti con il canovaccio e si ripongono nel frigo. Durano almeno 3-4 giorni. I fichi d'India così conservati possono essere disposti interamente, a fette o a pezzi.

34

In un sacchetto applicando il sottovuoto

Una volta puliti tutti i frutti, si possono disporre in quantità a piacere, secondo l'utilizzo che se ne vorrà fare, all'interno di sacchetti di plastica adatti per applicare il sottovuoto. Molte persone hanno questa abitudine, ma ci sono molti metodi casalinghi per poterlo fare. Sono un ottimo metodo per la conservazione dei fichi d'India sbucciati.

Continua la lettura
44

Avvolgere ogni frutto nella pellicola trasparente

Per impedire che un frutto possa andare a male subito, si può semplicemente avvolgere ogni fico d'India, separatamente dagli altri, in un classico pezzo di pellicola trasparente per alimenti. Il frutto si può asciugare bene con della carta assorbente da cucina e poi avvolgere ognuno nel cellophane. Riporre in frigo i frutti. In questo modo possono conservarsi anche per 1 settimana.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

10 modi per usare i fichi in cucina

I fichi sono uno dei frutti più dolci che possiamo mangiare, e proprio per questo sono amati oppure odiati. Non sono certo facili da utilizzare in cucina per le nostre ricette, ma una volta conosciute le loro caratteristiche e le loro proprietà saranno...
Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

Come conservare i principali alimenti

Il cibo è una risorsa importantissima per quanto riguarda la nostra salute, poiché esso è responsabile del buon funzionamento di tutto l'organismo. Per poter dare il giusto apporto nutritivo, ogni alimento deve mantenere le proprie qualità, prima...
Consigli di Cucina

Come conservare i tartufi

L'Italia è uno dei paesi più importanti per la produzione ed esportazione delle varie specie di tartufo. La crescita dei tartufi avviene in modo spontaneo ed è legata a fattori ambientali e stagionali; per questo, essendo piuttosto raro, è molto costoso....
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Come conservare e condire le olive nere

Le olive rappresentano un dei pilastri della nostra cultura gastronomica. Un patrimonio nutrizionale insostituibile per il nostro organismo. Dalla loro spremitura possiamo ricavare l'olio, un dorato concentrato di bontà e virtù benefiche. Per assaporare...
Consigli di Cucina

3 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea di origine orientale, da cui si estrae la radice che, poi è proprio quella che generalmente viene utilizzata. In ambito culinario lo zenzero è una deliziosa spezia che tende ad arricchire i nostri piatti, ma è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.