Come conservare i peperoncini

Tramite: O2O 21/08/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Come conservare i peperoncini

Il peperoncino rappresenta senza dubbio uno dei condimenti più amati ed apprezzati di sempre. Si tratta infatti di una spezie piuttosto comune che conferisce ad ogni alimento un sapore unico ed intenso. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per poter conservare correttamente i peperoncini a casa propria.

26

Occorrente

  • Peperoncini
  • Barattoli
  • Contenitori
  • Filo
  • Olio
  • Aceto
36

Essiccare

Innanzitutto, il primo metodo per conservare i peperoncini è quello di essiccarli. Ciò renderà possibile conservarli da soli senza l'aggiunta di ulteriori ingredienti. Per farli essiccare completamente occorrono una ventina di giorni ed è importante tenerli all'ombra e all'asciutto. Uno dei metodi più diffusi e più antichi consiste nel legarli con un filo e tenerli appesi in casa, preferibilmente nei mesi più caldi dell'anno. Una volta essiccati, i peperoncini vanno sciacquati con abbondante acqua, asciugati e in seguito conservati in un contenitore chiuso ermeticamente (come un barattolo di vetro). In base alla propria preferenza si possono preservare interi, a pezzetti oppure macinati.

46

Conservare sott'olio

Il modo più popolare è senz'altro quello della conservazione dei peperoncini sott'olio. In questo caso si adottano procedure diverse a seconda che i peperoncini siano secchi o freschi. Nel primo caso basta semplicemente lavarli e tagliarli (stando attenti ad asciugarli bene) per poi metterli in un barattolo e aggiungere dell'olio fino a coprirli completamente. Se invece sono freschi vanno prima privati del loro liquido tagliandoli a metà (o in quarti) e lasciandoli sotto sale per qualche ora, un po' come si fa con le melanzane. Successivamente vanno puliti dal sale in eccesso con un pennellino da cucina, messi in un contenitore e coperti d'olio. In entrambi i casi la copertura dei peperoncini deve essere totale.

Continua la lettura
56

Conservare sottaceto

Un altro procedimento estremamente diffuso ma leggermente più complicato è quello della conservazione sottaceto. In questo caso dopo averli lavati e asciugati i peperoncini vanno riposti in contenitori piccoli (per lasciarli il più possibile sodi) e poi ricoperti del tutto con dell'aceto, preventivamente bollito e fatto raffreddare. In alternativa si possono ricoprire con dell'aceto freddo e fatti bollire con tutto il vasetto (chiuso ermeticamente) per circa dieci minuti. Dopodiché vanno lasciati nell'acqua fino a raffreddamento completo. I peperoncini conservati sottaceto sono pronti per essere consumati dopo un paio di mesi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come conservare il brodo vegetale

Molto spesso si ha la necessità di conservare il brodo vegetale, che si è soliti preparare per se stessi o anche per i propri bambini. Questa necessità capita un po' a tutti ed è molto importante, essere in grado di capire come poterla eseguire, nella...
Primi Piatti

Come conservare la menta

La menta è un erba dalle forte potenzialità, perché è antisettica, antinevralgica, favorisce la digestione e ottime proprietà disinfettanti e cicatrizzanti. È un erba aromatica che cresce nel giardino o in un eventuale vaso, ed è molto usata come...
Primi Piatti

Come conservare i pomodori secchi

Se pensate e volete preparare dei pomodori gustosissimi secchi, magari usando quelli di pieno agosto che sono rossi ed anche maggiormente succosi, è molto importante seguire diverse linee guida ben specifiche, facendo in modo da ottimizzare il risultato...
Primi Piatti

Come conservare il tartufo nero

Tra i numerosi alimenti utilizzati in campo culinario, il tartufo nero rappresenta uno tra i più pregiati ed amati. La causa dell'ottima fama di cui giustamente gode tale particolare fungo, è sicuramente da ricercare nella sua speciale caratteristica...
Primi Piatti

Come conservare i ravioli freschi

I ravioli freschi rappresentano una delle paste fresche più buone e complesse, per ragioni legate non solo alla loro preparazione, ma anche alla loro conservazione. A differenza di altri tipi di pasta fresca, come le tagliatelle, i tagliolini, i maltagliati...
Primi Piatti

Ricetta: risotto affumicato alla paprica e datterini

Saper cucinare un ottimo primo piatto per deliziare il palato dei propri familiari e dei propri amici è molto importante, ancor più se a una ricetta classica si riesce ad aggiungere un proprio tocco personale o di inventiva e raffinatezza. Se si parla...
Primi Piatti

Ricetta: pasta al sedano

Il sedano è noto per le sue doti di anti-infiammatorio. Viene usato fin dall'antichità per schermare tutto il tratto digestivo. Il sedano è un ortaggio ricco di vitamina C e flavonoidi. Ma non è tutto, infatti contiene anche un gran numero di antiossidanti....
Primi Piatti

Come preparare la pasta con i fagioli neri

I legumi, in questi ultimi anni, hanno ripreso il loro posto nella piramide alimentare. La loro varietà è ormai di casa nelle nostre tavole. La pasta con i fagioli neri rappresenta un'ode alla bontà e alla ricchezza di principi nutritivi. Questo piatto,...