Come conservare il kefir d'acqua

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Come conservare il kefir d'acqua

Il kefir, dalle origini caucasiche, è una bevanda a base di latte, oppure di acqua. Il latte, di mucca o di capra, fermenta in modo naturale, grazie a dei batteri e, forma una sostanza appiccicosa. Sono i granuli, un composto di lattosio e galattosio, gli zuccheri del latte. Da qui si ricava il kefir. Questa bevanda possiamo acquistarla tranquillamente al supermercato, oppure produrcelo in casa. In questo caso basterà acquistare i grani, direttamente in negozio e, farli fermentare nel latte o in un liquido diverso. Per fare il kefir d'acqua si può usare il latte di: soia, riso, l'acqua di cocco, o la semplice acqua in bottiglia. Evitate di farvi spedire i grani. Il viaggio e le variazioni di temperatura possono alterarli, e danneggiarli. Il kefir ha un buon sapore frizzante, e vagamente alcolico. Possiamo berlo sotto forma di succo o aggiungerci della frutta. È ottimo anche come sciroppo.
Il kefir è molto dissetante ed, è perfetto nel periodo estivo. Ha pochissime calorie, sia di latte che di acqua, ed è perfetto per la linea. È ricco di vitamine B, soprattutto B 12. Aiuta a ripristinare la flora batterica intestinale. Aiuta la regolazione intestinale. Se compriamo il kefir al supermercato non ci sono problemi. Se però lo facciamo in casa possono esserci problemi e difficoltà di conservazione. Il kefir infatti tende a deteriorarsi in tempi rapidi. In questa guida ci occuperemo principalmente del kefir d'acqua. Vi spiegheremo come conservarlo al meglio senza problemi.

25

Imbottigliamento

La classica bottiglia è ottima, per conservare il kefir d'acqua. Vanno benissimo anche i barattoli di vetro con coperchio. Lo possiamo imbottigliare anche aggiungendoci della frutta. Se lo conservate con la frutta, il vostro kefir avrà un sapore più frizzante. Una volta imbottigliato, il kefir si conserva in frigo per tre o quattro giorni, non di più. Il freddo rallenta molto l'attività dei granuli. Controllate spesso il kefir in frigo. Le bottiglie con la pressione dell'acqua fermentata, potrebbero esplodere. È un evento raro, però può capitare. Meglio usare quelle di plastica. Se usate i barattoli, i coperchi possono saltare via. Non accade di frequente ma nemmeno raramente. Quando dovrete aprire il vostro kefir, fatelo su un lavandino. In questo modo limiterete eventuali danni.

35

Sostituzione dei granuli

Per conservare bene il vostro kefir, la regola basilare è sostituire l?acqua dei grani ogni due ore. I grani in frigo sopravvivono per un massimo di tre giorni. Quattro giorni se vogliamo esagerare. Dopo questo tempo, i granuli anche se in frigo si deteriorano. Se vi ricorderete di questa sostituzione, il vostro kefir si conserverà perfettamente, e a lungo.
Può succedere di doverci allontanare da casa per qualche giorno. In questo caso bisogna tenere attive le colonie batteriche. La preparazione del kefir non può e non deve condizionarvi l'esistenza. Esistono delle modalità di conservazione delle colonie batteriche, anche a lungo termine. I grani del kefir d'acqua si indeboliscono più facilmente, rispetto a quelli del latte. Manca l'azione di fermentazione degli zuccheri del latte. I granuli modificano le loro caratteristiche fermentative. Per evitare ciò, potete fare una soluzione di acqua e zucchero. Sciogliete 30 40 mg di zucchero in 1 litro d'acqua ed, immergete i granuli. Chiudete tutto con un coperchio e mettete in frigo. In questo modo potrete conservare il kefir per più settimane.

Continua la lettura
45

In freezer

Nel caso in cui il tempo di inattività fosse più lungo, c?è la possibilità di conservare i granuli nel congelatore.
E? necessario disidratare completamente i granuli. Sciacquateli bene. Asciugateli delicatamente con della carta assorbente. Adagiateli sula carta da forno. Lasciateli asciugare per vari giorni, rigorosamente a temperatura ambiente. Una volta asciugati e disidratati del tutto, metteteli in un contenitore. Va benissimo sia di vetro che di plastica. Chiudeteli veramente bene. A questo punto potete mettere i vostri granuli in freezer, dove si conserveranno senza problemi per circa 5-6 mesi.
Trascorso il periodo di assenza, per riattivare il kefir, basterà scongelarlo di nuovo. Passatelo sotto il getto dell?acqua fresca del rubinetto.
In ogni caso, evitate di bere le prime bevande, dopo la ripresa della fermentazione. Attendete che l?attività delle colonie batteriche torni ad essere ottimale. Solo cosi il vostro kefir d?acqua riacquisterà appieno le proprie virtù benefiche, che lo caratterizzano.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare l'acqua aromatizzata alle viole

Ormai la moda delle acquee aromatizzate è spopolata ovunque. Dal gusto unico ed inimitabile sono diventate fondamentali per dissetarci. Oggi vi spiegheremo come andare a creare un gusto molto particolare e raffinato usando le viole. I fiori viola che...
Analcolici

Come preparare l'acqua di avena

L'avena sativa è una pianta annuale della famiglia delle Graminacee. Da essa si ricava una bevanda dalle molteplici proprietà: l'acqua di avena. Ottimo ricostituente, ricchissima di fibre e sostanze proteiche, questa bevanda è semplice da preparare...
Analcolici

5 drink dissetanti a base di acqua e frutta

L'estate è alle porte ed è il momento di stupire gli ospiti, che siano parenti, amici o colleghi di lavoro, con drink dissetanti, coloratissimi e mozzafiato. Ma chi ha detto che i drink debbano essere per forza contenere dell'alcol? In questo articolo...
Analcolici

Come fare il succo di ciliegia

La ciliegia è un frutto delizioso e contiene molti elementi preziosi. In natura ne esistono varie varietà. La più conosciuta è la ciliegia dal colore rosso e dal gusto dolce. Sono piccole e la loro forma e rotonda ed allungata. Essa è ricca di acqua,...
Analcolici

Come preparare lo sciroppo di menta

La menta, piantina con foglie profumate che di solito è presente nei nostri giardini, si presta bene alla preparazione di bevande rinfrescanti utilissime d'estate. A tal proposito, in casa si può preparare lo sciroppo di menta, che può essere diluito...
Analcolici

Come fare lo sciroppo di amarene

Uno dei frutti più amati ed elogiati di tutta la grande varietà che la natura offre, è sicuramente l'amarena. Dolce ma allo stesso tempo intensa ed amara, l'amarena è un frutto unico e dalle molteplici possibilità d'uso. Le amarene sono infatti buonissime...
Analcolici

Come preparare il succo ACE con il Bimby

Anche con l'avvicinarsi dell'autunno, il desiderio di bevande fresche e leggere non viene mai meno. E quale migliore idea di prepararle in casa, in modo assolutamente naturale ma, soprattutto, salutare?! Nella guida che segue scopriremo qualche utile...
Analcolici

Come fare il caffè americano

Il caffè americano si sta diffondendo sempre di più anche in Europa e nella patria dell'espresso, cioè l'Italia. Infatti, molti bar italiani l'hanno già introdotto nei propri menù e non è raro incontrare in negozi di elettrodomestici e grandi magazzini...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.