Come conservare il nero di seppia

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come conservare il nero di seppia

Il nero di seppia è un liquido di colore molto scuro che viene estratto dalle vesciche o sacche delle seppie. Il colore scuro del nero di seppia è dovuto al contenuto di melanina. Spesso nel passato si utilizzava per scrivere come inchiostro naturale. Oggi il nero di seppia viene impiegato principalmente in cucina per la preparazione di svariati piatti, tra cui il famoso sugo al nero di seppia. Quando però quest'ultimo è presente nel pesce in quantità elevata, e non si ha idea di come sfruttarlo, è possibile inserire tale liquido saporitissimo in moltissime ricette, per conservarlo e nello stesso tempo per mangiarlo in molti modi raffinati. In questa guida vi sarà spiegato a tal proposito come conservare in modo facile ed intuitivo il nero di seppia fresco.

26

Occorrente

  • Impasto per pane, impasto per spaghetti o ravioli, contenitori in plastica, pomodoro.
36

Mettete il liquido in un bicchierino all'interno del frigorifero

Il nero di seppia ricavato da una sacca particolare che si trova all'interno delle seppie è conosciuto ed utilizzato da moltissimi anni. Alcune regioni utilizzano il nero di seppia per preparare squisiti piatti. Viene tuttavia principalmente utilizzato per creare dei sughi fantastici da unire a dei fumanti spaghetti freschi. Per conservare il nero di seppia potete semplicemente mantenere la sacca del pesce chiusa e metterla in un bicchierino all'interno del frigorifero per due giorni al massimo.

46

Congelate la sacca

Se lo desiderate, potete anche congelare la sacca del pesce intera piena di nero di seppia e scongelarla al momento opportuno. La sacca congelata, non appena si scongelerà, avrà nuovamente il suo liquido squisito al suo interno e potrete tranquillamente riutilizzare il tutto. Per sfruttare il nero di seppia potete anche conservarlo in maniere differenti. Avete infatti la possibilità di inserire il liquido all'interno di qualsiasi pasta fresca fatta in casa non solo per tingere la pasta e colorarla, ma anche per mantenere il liquido per più tempo all'interno di un altro ingrediente. La farina e l'impasto classico di spaghetti o di ravioli fatti in casa potranno mantenere il nero di seppia fresco per più tempo.

Continua la lettura
56

Inserite il nero di seppia negli impasti per pane o per pizza

Potete anche inserire il liquido nero all'interno di impasti per pane o per pizza e gustarlo in qualsiasi momento o occasione. Il nero di seppia conservato all'interno degli impasti per il pane potrà conservarsi per più giorni senza andare a male. Tramite questi facili trucchetti avrete sempre un modo utile per sfruttare e conservare al meglio una prelibatezza che deriva da dolcissime e squisite seppie fresche e saporite. Buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

3 ricette con il cavolo nero

Il cavolo nero è una varietà di cavolo molto antica, appartenente alla famiglia delle crucifere, che ha in se molte proprietà, tra le più importanti c'è sicuramente un'alta capacità anti-tumorale. Nota fin dall'antichità per il suo profumo forte...
Consigli di Cucina

5 errori da evitare quando si cucinano le seppie

Le seppie sono uno dei molluschi più utilizzati in cucina, dai primi ai secondi ai contorni esistono migliaia di ricette che le riguardano, sia come elemento principale (come le seppie ripiene), sia come accompagnamento. Le seppie vengono inoltre ampiamente...
Consigli di Cucina

Come conservare l'uva

L'uva è un frutto di stagione che di regola si consuma fra la fine dell'estate e l'autunno. Per far sì che possa essere degustata al meglio, necessita di essere conservata con alcune accortezze. In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni...
Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Come conservare e condire le olive nere

Le olive rappresentano un dei pilastri della nostra cultura gastronomica. Un patrimonio nutrizionale insostituibile per il nostro organismo. Dalla loro spremitura possiamo ricavare l'olio, un dorato concentrato di bontà e virtù benefiche. Per assaporare...
Consigli di Cucina

Come conservare la carne macinata

La carne, che sia bianca o rossa, è senza dubbio un alimento che contiene numerose sostanze dall'apporto necessario per il nostro corpo. Ma la carne è anche un alimento cui bisogna fare una grande attenzione: non solo è importante conoscerne la provenienza,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.