Come conservare il tè sfuso

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Il tè è diventato una vera e propria passione in tutto il mondo ed è ormai molto diffusa anche in Italia. Sono fioriti infatti numerosissimi locali e negozi che propongono non solo la possibilità di poterne apprezzare il gusto, il profumo e le essenze, ma anche di poterlo acquistare in molteplici gusti e tipologie. Naturalmente, si tratta di tè sfuso e non di tè in bustina che si trova al supermercato e quindi della vera natura del tè da assaporare e gustare. Di seguito vi illustreremo come procedere per conservare al meglio il vostro tè sfuso in casa.

28

Occorrente

  • Scatole di latta e vetro.
38

Storia del tè

Il tè rivendica senza alcun dubbio il titolo di bevanda più antica e più consumata al mondo, seconda solo all'acqua. La sua origine misteriosa e leggendaria viene infatti fatta risalire a circa 5000 anni fa in Cina. Nel corso dei secoli questa bevanda è stata esportata nei vari continenti fino ad essere molto apprezzata anche in Europa, dove il suo arrivo viene fatto risalire all'anno 1632.

48

Tipologie di tè

In Italia sono nati negli ultimi anni numerosi negozi specializzati che importano il tè da varie parti del mondo. Tè verde sfuso, tè nero, tè oolong, tè bianco, tè pu erh, tè rosso, tè scented profumato, sono solo alcune delle tipologie migliori di tè utilizzate, diffuse e conosciute.

Continua la lettura
58

Conservazione del tè sfuso

La conservazione del tè è fondamentale per mantenere integri i profumi e gli aromi, e naturalmente, ogni tipologia deve essere separata dall'altra, per evitare di mescolare i sapori dei tè più o meno profumati. Per un'ottimale conservazione del tè sfuso, è sempre consigliato utilizzare contenitori molto ermetici preferibilmente in alluminio o in vetro. Sono invece sconsigliati i contenitori di plastica, stoffa o ferro. Sono sconsigliati Anche quei contenitori di cartone che vengono venduti nei supermercati in quanto potrebbero inumidire il tè e fargli perdere l'odore. La plastica e la stoffa, invece possono spesso far penetrare aria, provocare muffe e rovinare del tutto il sapore e la consistenza del tè sfuso.

68

Perchè il vetro e l'alluminio

Il vetro e l'allumino, sono più resistenti ai cambiamenti d'aria e dunque sono più adatti alla conservazione del tè. Per quanto riguarda il vetro, è preferibile utilizzare barattoli in vetro molto scuro per evitare la trasmissione della luce al tè. Una volta chiusi in appositi barattoli ermetici, è ideale conservare il tè in luoghi bui lontani dalla luce (gli stipetti della vostra cucina andranno più che bene). Con questi utili consigli, potrete mantenere il vostro tè profumato e integro, come appena acquistato.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Conservate il tè in luoghi bui.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come conservare i principali alimenti

Il cibo è una risorsa importantissima per quanto riguarda la nostra salute, poiché esso è responsabile del buon funzionamento di tutto l'organismo. Per poter dare il giusto apporto nutritivo, ogni alimento deve mantenere le proprie qualità, prima...
Consigli di Cucina

Come conservare i tartufi

L'Italia è uno dei paesi più importanti per la produzione ed esportazione delle varie specie di tartufo. La crescita dei tartufi avviene in modo spontaneo ed è legata a fattori ambientali e stagionali; per questo, essendo piuttosto raro, è molto costoso....
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Come conservare e condire le olive nere

Le olive rappresentano un dei pilastri della nostra cultura gastronomica. Un patrimonio nutrizionale insostituibile per il nostro organismo. Dalla loro spremitura possiamo ricavare l'olio, un dorato concentrato di bontà e virtù benefiche. Per assaporare...
Consigli di Cucina

Come conservare la carne macinata

La carne, che sia bianca o rossa, è senza dubbio un alimento che contiene numerose sostanze dall'apporto necessario per il nostro corpo. Ma la carne è anche un alimento cui bisogna fare una grande attenzione: non solo è importante conoscerne la provenienza,...
Consigli di Cucina

Come conservare le cipolle tagliate

Una delle cose più spiacevoli da fare in cucina è senza dubbio tagliare le cipolle. Oltre al loro sgradevole odore, fanno anche lacrimare gli occhi e lasciano le mani impregnate dell'odore e anche secche e talvolta screpolate. Capita che qualche volta...
Consigli di Cucina

3 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea di origine orientale, da cui si estrae la radice che, poi è proprio quella che generalmente viene utilizzata. In ambito culinario lo zenzero è una deliziosa spezia che tende ad arricchire i nostri piatti, ma è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.