Come conservare la polenta cotta

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Molto spesso ci ritroviamo con avanzi di cibo che sarebbe un vero peccato buttare via. In questi casi possiamo ricorrere a qualche piccolo trucco per recuperarli e usarli in altre gustose ricette. Ma come fare se avanza della polenta cotta? Nessun problema, anche in questo caso possiamo conservarla a lungo per creare piatti nuovi e originali. La polenta, come molti sanno, è un piatto molto versatile, ottima cotta al forno, fritta o grigliata. Se avanza possiamo tenerla in frigorifero per qualche giorno, ma solo adottando le giuste accortezze. In questa guida vediamo come conservare la polenta cotta in modo da poterla usare con facilità.

27

Occorrente

  • Pellicola trasparente
  • Panno da cucina
  • Vassoio di carta
37

Innanzitutto bisogna dire che la polenta cotta non si può conservare ancora calda. Il primo consiglio è quindi quello di farla raffreddare per bene. Questo accorgimento è necessario se non vogliamo rovinarla al prossimo utilizzo. Teniamo inoltre conto che mettere un prodotto caldo in frigo, vuol dire anche consumare più energia. Per questo lasciamo raffreddare del tutto la polenta cotta prima di procedere alla sua conservazione. Quando è ben fredda avvolgiamola in un canovaccio in modo da assorbire l'umidità. Non dobbiamo conservare la polenta cotta in un luogo caldo e umido perché non sarà più riutilizzabile.

47

Un altro modo per avvolgere la polenta è quella di usare la pellicola trasparente. Per conservare la polenta cotta prendiamo un piatto piano. Rivestiamo il fondo con della carta da forno e riponiamo sopra la polenta. A questo punto copriamola con la pellicola in modo che non passi aria. L'aria infatti tende ad essiccarla e quindi a farla indurire. Dopo averla coperta, riponiamola in frigorifero per massimo 2-3 giorni. Un'idea molto utile è quella di usare dei sacchetti per il sottovuoto. In questo caso abbiamo bisogno dell'apposito macchinario che tolga l'aria dal sacchetto. La polenta cotta messa sottovuoto si conserva per più tempo.

Continua la lettura
57

Ricordiamo che possiamo conservare la polenta cotta sia intera che tagliata a fettine. Un altro modo per conservarla è quella di congelarla. Come conservare la polenta cotta in congelatore? Il trucco più semplice è quella di tagliarla prima a fette sottili. Non conviene congelarla intera perché, se scongelata, risulterebbe molla e immangiabile. Per congelare la polenta cotta formiamo delle fettine e avvolgiamole in una pellicola trasparente. Facciamo in modo che fuoriesca tutta l'aria. A questo punto riponiamo le singole fettine su un vassoio di carta e mettiamolo in congelatore. Possiamo conservare la polenta cotta per circa 2-3 mesi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando togliamo la polenta dal congelatore, non facciamola scongelare del tutto ma cuociamola direttamente
  • Facciamo attenzione a non conservare la polenta in un luogo caldo e umido
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Polenta: 5 ricette senza carne

La polenta, sopratutto quella a base di carne, è uno degli alimenti più nutrienti e sfortunatamente anche tra i più ricchi di calorie. Esistono tuttavia delle alternative alimentari alla polenta a base di carne, che ci possono permettere di non abbandonare...
Consigli di Cucina

5 segreti per una polenta senza grumi

La polenta è un tipico piatto della nostra tradizione culinaria, proveniente più dai paesi del nord Italia. Questo delizioso e semplice piatto nasce naturalmente con la lavorazione della farina di mais e seguendo un procedimento molto accurato, che...
Consigli di Cucina

3 modi di condire la polenta

Come ben sapiamo, la polenta è un piatto tipico della tradizione contadina (a base di farina di mais), amato soprattutto al Nord Italia in tutte le sue varianti. Originariamente noto come piatto povero, la polenta può essere annoverata al giorno d'oggi...
Consigli di Cucina

Come condire la polenta

La tradizione gastronomica italiana si compone di differenti ricette, tutte tipiche di una particolare zona della nostra nazione. La polenta è uno di questi. In tempi lontani era il pasto di allevatori e contadini, che usavano farine di diversi cereali....
Consigli di Cucina

5 modi di servire la polenta

La polenta è una deliziosa pietanza originaria dell'Italia Settentrionale e attualmente diffusa in numerosi Paesi dell'Europa (come l'Ucraina, l'Austria, la Romania, la Svizzera e la Croazia) e nel Sud America (come l'Uruguay, il Cile, l'Argentina e...
Consigli di Cucina

Consigli per esaltare il gusto della verdura cotta

La verdura è un alimento fondamentale per l'alimentazione. Per questo motivo non deve mai mancare a tavola. Naturalmente, quando si acquista va preferita quella di stagione. È un piatto leggero, fresco e ricco di vitamine. Inoltre, aiuta a mantenersi...
Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

Come conservare i principali alimenti

Il cibo è una risorsa importantissima per quanto riguarda la nostra salute, poiché esso è responsabile del buon funzionamento di tutto l'organismo. Per poter dare il giusto apporto nutritivo, ogni alimento deve mantenere le proprie qualità, prima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.