Come conservare le castagne bollite

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molto spesso ci ritroviamo sicuramente a cucinare un dolce o un piatto particolarmente buono e a non saperci regolare con le dosi: quante volte siete andati incontro a questo spiacevole problema? Ma non preoccupatevi più: intendiamo darvi qualche idea per non dover rinunciare a buttare la dose in più che avete cucinato.
Non soltanto potrebbe essere capitato un incidente con le dosi: pensate all'ipotesi in cui, invece, abbiate voglia di conservare in frigorifero o in frizzer qualcosa che sapete già, preliminarmente, che si tratta di un frutto di stagione o di qualcosa che non troverete a distanza di qualche mese. Per questo motivo potreste optare per la scelta di congelarli, poiché altrimenti andrebbero incontro a una repentina consumazione che invece non avevate messo in conto.
Non perdiamo ulteriore tempo e concentriamoci direttamente sullo scopo di questo articolo, cioè darvi qualche idea su come conservare le castagne bollite. Ecco a voi come fare tramite tre semplici passi, in modo facile e pratico!

26

Conservarle nel frigorifero

Una prima idea che vogliamo darvi riguarda il frigorifero. In effetti risulta possibile conservare qualsiasi tipo di castagna, che sia stata cucinata, in padella o bollita, o anche che sia cruda con ancora il guscio, direttamente in un contenitore ermetico da riporre in un piano del vostro frigorifero, a patto che le temperature siano inferiori ai quattro gradi.

36

Congelarle nel frizzer

Non soltanto nel frigorifero potrete trovare un ottimo compromesso per le vostre castagne bollite: sarà possibile infatti utilizzare anche il frizzer, qualora vogliate, e in questo caso potrete stare tranquilli poiché il tempo durante il quale le castagne potranno rimanere nel frizzer è molto più lungo rispetto a quello impiegato all'interno del frigorifero normale, che si aggira intorno a un mese circa.

Continua la lettura
46

Sotterrarle sotto la sabbia

Un ultimo metodo di cui vogliamo parlarvi consiste invece nella conservazione delle castagne direttamente sotto la sabbia. Prendete una manciata di sabbia e iniziate a ricoprire queste castagne fino all'orlo. Qualora non abbiate della sabbia a portata di mano, andrà bene anche della segatura.
Il luogo in cui dovranno essere tenute deve essere un posto lontano sia da fonti di calore - quindi evitate di metterle in giardino o in balcone, specialmente se dovessero arrivare i raggi del sole - sia dall'acqua e dall'umidità. Scegliete un posto abbastanza ermetico, richiudeteci dentro le castagne e sotterratelo sotto la sabbia per tutto il tempo che preferite.

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le castagne

La stagione autunnale ci regala splendidi frutti e tra essi ci sono le castagne, che costituiscono un alimento sano, nutriente, completo e bilanciato. In passato venivano chiamate " il pane dei poveri " perché saziavano ed erano facilmente reperibili...
Consigli di Cucina

Castagne: come ottenere una perfetta cottura

Le castagne sono un frutto che molti di noi amiamo consumare in questo periodo dell'anno, possono essere cotte in maniere diverse anche rispetto a come dovremo consumarle, se così semplici o se dovremmo usarle in qualche ricetta. Se vi state chiedendo...
Consigli di Cucina

Ricetta: scialatielli ai funghi,castagne e spek

Non è novità che in ogni regione d'Italia esistono delle ricette, che vengono tramandate da anni. Ognuna di esse ha la sua storia e origine. Spesso vengono fatte con particolari alimenti, che richiedono una certa attenzione. Una delle ricette tipiche...
Consigli di Cucina

Castagne: 5 ricette semplici

La stagione autunnale è alle porte e forse si tratta di quella che più amano gli appassionati di cucina. L'autunno infatti porta con sè una quantità di materie prima di eccezionale fattura, che quasi da sole ci invogliano a produrre piatti davvero...
Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Come conservare la carne macinata

La carne, che sia bianca o rossa, è senza dubbio un alimento che contiene numerose sostanze dall'apporto necessario per il nostro corpo. Ma la carne è anche un alimento cui bisogna fare una grande attenzione: non solo è importante conoscerne la provenienza,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.