Come conservare le ciliegie sotto spirito

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le ciliege sono un delizioso frutto che ha la sua massima produzione durante la stagione estiva: ve ne sono di tante qualità, dalle più rosse (che sono quelle più classiche e conosciute) per poi andare a quelle scure, morbide e succulenti. Questo frutto è molto apprezzato in cucina: trova posto nell'impasto dei dolci, nelle decorazioni più elaboriose, se non addirittura passare a creme per accompagnare i secondi piatti, soprattutto quelli a base di pesce. Una delizia che accomuna molti palati e che trova numerose applicazioni in cucina. Oltretutto sono ottime anche per preparare delle deliziose confetture, da conservare per la stagione invernale. La loro dolcezza si mescola bene con numerose pietanze. A questo punto si può considerare il fatto di realizzare delle vere e proprie conserve con questo frutto: in questo modo si potranno ritrovare in un qualsiasi periodo dell'anno delle ottime ciliege da adoperare per la preparazione di tante ricette diverse. Nella guida che segue vedremo la procedura di come conservare le ciliege sotto spirito, veloce e semplice da fare, anche se ve ne sono altre tipologie.

27

Occorrente

  • 2 kg di ciliege
  • 400 gr di zucchero
  • 1/3 l di acqua
  • 2 l di alcool da 90 gradi
37

Le ciliege

Le ciliege sono un frutto molto apprezzato durante la stagione estiva: quindi questa procedura va chiaramente fatta quando i frutti sono di stagione per avere un risultato ottimale. Prendere quindi la variante di ciliege che si predilige e lavarla completamente, eliminando anche la parte superiore. Lasciarla da parte per qualche minuto per farla sgocciolare.

47

Lo spirito

Intanto bisogna preparare in un pentolino lo spirito (si intende chiaramente la miscela a base di zucchero ed alcool) per fare la conserva delle ciliege. Quindi versare al suo interno l'acqua e lo zucchero, mescolare accuratamente e portare a bollore, quindi aggiungere anche l'alcool e mescolare.

Continua la lettura
57

La conserva

Durante questa procedura si possono tagliare le ciliege, sgocciolarle una ad una e disporle all'interno dei vasetti: cosa importante è che non vanno buttate a caso, ma disporle a strati così da ridurre la formazione di aria all'interno. Non appena finito e lo spirito è pronto, versarlo nel recipiente sino a coprirle di un altro centimetro superiormente rispetto all'ultimo strato di frutta. A questo punto tenere i coperchi aperti per un po' per far evaporare il vapore presente, quindi chiuderli successivamente ben stretti e lasciare riposare la conserva in un luogo fresco ed asciutto. Prima del loro utilizzo è importante che riposino per almeno due mesi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per questo tipo di procedura è consigliabile usare le ciliege dalla polpa più dura
  • Si può aggiungere anche un po' di cannella al composto di acqua, zucchero ed alcool
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

Come conservare i principali alimenti

Il cibo è una risorsa importantissima per quanto riguarda la nostra salute, poiché esso è responsabile del buon funzionamento di tutto l'organismo. Per poter dare il giusto apporto nutritivo, ogni alimento deve mantenere le proprie qualità, prima...
Consigli di Cucina

Come conservare i tartufi

L'Italia è uno dei paesi più importanti per la produzione ed esportazione delle varie specie di tartufo. La crescita dei tartufi avviene in modo spontaneo ed è legata a fattori ambientali e stagionali; per questo, essendo piuttosto raro, è molto costoso....
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Come conservare e condire le olive nere

Le olive rappresentano un dei pilastri della nostra cultura gastronomica. Un patrimonio nutrizionale insostituibile per il nostro organismo. Dalla loro spremitura possiamo ricavare l'olio, un dorato concentrato di bontà e virtù benefiche. Per assaporare...
Consigli di Cucina

Come conservare la carne macinata

La carne, che sia bianca o rossa, è senza dubbio un alimento che contiene numerose sostanze dall'apporto necessario per il nostro corpo. Ma la carne è anche un alimento cui bisogna fare una grande attenzione: non solo è importante conoscerne la provenienza,...
Consigli di Cucina

Come conservare le cipolle tagliate

Una delle cose più spiacevoli da fare in cucina è senza dubbio tagliare le cipolle. Oltre al loro sgradevole odore, fanno anche lacrimare gli occhi e lasciano le mani impregnate dell'odore e anche secche e talvolta screpolate. Capita che qualche volta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.