Come conservare le cipolle tagliate

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Una delle cose più spiacevoli da fare in cucina è senza dubbio tagliare le cipolle. Oltre al loro sgradevole odore, fanno anche lacrimare gli occhi e lasciano le mani impregnate dell'odore e anche secche e talvolta screpolate. Capita che qualche volta ne tagliamo una quantità maggiore di quella che veramente necessitiamo ed è un vero peccato buttare via ciò che non ci serve dopo tanta fatica. Ma è possibile conservare le cipolle tagliate? Ebbene sì, un modo c'è e lo scoprirete leggendo questa guida. Ecco come procedere.

26

Occorrente

  • cipolle già tagliate, pellicola trasparente o di alluminio, contenitore in vetro o in plastica
36

Conservazione in contenitore chiuso

Dato che la cipolla ha un odore molto pesante, conservarla in frigorifero ha i suoi rischi perché potrebbe contaminare anche gli altri cibi. Per evitare che questo accada ecco come dobbiamo fare. Un modo per non contaminare il frigo è quello di riporre le cipolle già tagliate in un contenitore chiuso in vetro o in plastica (il vetro è comunque preferibile).

46

Conservazione in freezer

Un altro modo per prolungare la durata della cipolla già tagliata è quello di riporla nel freezer in modo da poterne prendere una quantità in base a quello che ci serve e lasciare il resto surgelato. Per evitare il problema dell'odore, ponetela all'interno di un sacchetto per la conservazione dei cibi in freezer e se possibile, utilizzatene più di uno in modo da non favorire la diffusione dell'odore. La stessa cosa si può fare per la conservazione della cipolla in frigorifero.

Continua la lettura
56

Conservazione in alluminio

Un altro metodo infallibile per conservare la cipolla già tagliata in frigorifero è quello riservato alle cipolle che sono state tagliate soltanto a metà e hanno ancora la buccia esterna. Prendete la cipolla da conservare e stendete sulla parte interna, ovvero quella senza buccia, e stendere un sottile velo di burro. A questo punto prendete un foglio d'alluminio o di pellicola trasparente e avvolgete bene la cipolla dopodichè riponetela in un sacchetto per alimentari e mettete in frigo. Questi tre metodi permettono di conservare la cipolla tagliata per circa 7 giorni a parte quella surgelata che può essere consumata anche in un mese. Non lasciate la cipolla tagliata scoperta perché vi ritroverete con un frigorifero maleodorante e tutti gli altri cibi avranno un aroma alla cipolla. Questi stessi consigli sono utili per tutti i tipi di cipolla e anche per i porri che hanno lo stesso odore della cipolla e vengono utilizzati in modo analogo. Potete conservare allo stesso modo anche gli spicchi d'aglio senza buccia ma sempre per un limitato numero di giorni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Ricette veloci con le cipolle

Le cipolle, sono davvero semplici da cucinare e in più danno la possibilità di divertirsi a preparare ricette gustose e varie con pochissimi ingredienti gustosi, genuini e salutari. Se avete in casa tante cipolle da consumare, eccovi una lista di alcune...
Consigli di Cucina

Come fare le cipolle disidratate

In questo articolo vuole fungere da guida per la realizzazione di una nuova ricetta, mediante la quale poter imparare e capire, come poter fare le cipolle disidratate, nella maniera più semplice e veloce possibile.Iniziamo subito con il dire che la cipolla...
Consigli di Cucina

Come preparare le cipolle ripiene al forno

La cipolla è un bulbo che appartiene alla famiglia delle Liliacee, largamente coltivato. Ne esistono numerose varietà che spesso prendono il nome dal luogo di produzione, vedi la famosa Cipolla Rossa di Tropea, nota per la particolare dolcezza. La...
Consigli di Cucina

Come conservare l'aglio fresco

L'aglio, a differenza di quanto molti possano pensare, non è una pianta, bensì un bulbo aromatico dal sapore e dal profumo deciso, imparentato con la famiglia delle cipolle. È possibile trovarlo sia nei mercati che decidere di coltivare autonomamente...
Consigli di Cucina

5 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea appartenente alle Zingiberaceae. Ultimamente il suo utilizzo si sta diffondendo sempre più grazie alla scoperta delle sue molteplici proprietà. Normalmente in commercio si trova in polvere, ma quello fresco è sempre...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

Come conservare e condire le olive nere

Le olive rappresentano un dei pilastri della nostra cultura gastronomica. Un patrimonio nutrizionale insostituibile per il nostro organismo. Dalla loro spremitura possiamo ricavare l'olio, un dorato concentrato di bontà e virtù benefiche. Per assaporare...
Consigli di Cucina

Come conservare la carne macinata

La carne, che sia bianca o rossa, è senza dubbio un alimento che contiene numerose sostanze dall'apporto necessario per il nostro corpo. Ma la carne è anche un alimento cui bisogna fare una grande attenzione: non solo è importante conoscerne la provenienza,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.