Come conservare lo champagne negli anni

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le bevande sono parte integrante di un buon pasto, che si tratti pranzo o cena. Spesso si preferisce l'acqua, ma non c'è tavola in cui non compaia almeno una bottiglia di buon vino. Questa bevanda a base di uva e alcool etilico si trova in differenti varietà. Dal vino rosso al bianco, passando per lo spumante, si ha davvero l'imbarazzo della scelta. In alcuni casi, il vino viene rimpiazzato dallo champagne. Questo pregiato spumante di origine francese si presta egregiamente alle occasioni speciali come le festività, i compleanni o le cerimonie. Ogni bevanda alcolica che si rispetti, però, va conservata in maniera adeguata, altrimenti il suo inconfondibile sapore viene rovinato dall'eccessivo calore o da altri fattori. Solitamente un buon vino o uno champagne vengono consumati entro pochi giorni. Talvolta si preferisce conservare la bottiglia per un periodo più lungo. Qui di seguito vedremo dunque come conservare lo champagne negli anni. Basterà seguire qualche utile suggerimento e non si potrà di certo sbagliare. L'importante è tenere la bottiglia ben chiusa e scegliere l'ambiente giusto, oltre ad osservare le condizioni di temperatura e umidità. Vediamo come procedere
.

27

Occorrente

  • Cantina buia e umida
  • Cantina elettrica con termostato
  • Sottoscala ombroso ben riparato da correnti e sbalzi di temperatura.
  • Bottiglie di champagne
37

Imbottigliare lo champagne con il tappo di sughero

La storia della cucina permette di conoscere le modalità e le caratteristiche di qualunque alimento o bevanda. Di conseguenza, è possibile comprendere come conservare lo champagne a lungo termine. In questo modo lo si rende maggiormente gustoso e prelibato, grazie appunto alla prolungata fase di invecchiamento. Affinché quest'ultima abbia successo, è necessario prestare molta attenzione riguardo qualche criterio essenziale. Essendo un vino, lo champagne viene conservato meglio in base alle regole della cantina. Innanzitutto bisogna sapere come va imbottigliato lo champagne. In questi casi è preferibile utilizzare un tappo di sughero, il quale lascia respirare correttamente l'interno della bottiglia. Inoltre esso funge da filtro per impedire all'anidride carbonica di fuoriuscire dalla bottiglia. Nella fase di conservazione è fondamentale evitare qualunque urto o movimento ai danni della bottiglia. Agitandola o muovendola, si rischia di alterare il sapore dello champagne.

47

Disporre la bottiglia a testa in giù o in posizione orizzontale

Un secondo accorgimento da seguire per conservare lo champagne negli anni è la modalità "sur pointe". In altre parole, la bottiglia va messa a testa in giù, o anche in posizione orizzontale. In questo modo il prodotto bagnerà il tappo e l'interno della bottiglia respirerà, come detto poc'anzi. Una posizione verticale della bottiglia potrebbe inoltre favorire la formazione della cosiddetta "posa" sul fondo. Stendendo la bottiglia, invece, questo deposito si formerebbe difficilmente. In questo frangente è molto importante tenere conto del grado di umidità presente nell'ambiente di conservazione dello champagne. Il locale ideale dovrebbe difatti avere un'umidità compresa tra il 70 e l'80%. I luoghi secchi e asciutti non sono esattamente il massimo, ma anche un'umidità eccessiva potrebbe rivelarsi deleteria ai fini della conservazione delle bottiglie. Non tutte le cantine sono uguali. Quindi è meglio controllare in quali condizioni si trova il luogo in cui andrà conservato lo champagne.

Continua la lettura
57

Conservare in luogo buio e umido, lontano dal contatto con i cibi

Per conservare lo champagne negli anni sarebbe il caso di evitare la luce diretta del sole. L'ambiente esterno è un vero e proprio nemico per le bevande alcoliche, poiché tende a favorirne l'evaporazione. La luce diretta del sole potrebbe persino alterare l'aroma della bevanda, rovinandone la qualità. Ecco perché si preferisce l'uso di una bottiglia di vetro scuro. Inoltre l'ambiente migliore per la conservazione è la cantina, un luogo fresco e buio, oltre che umido al punto giusto. Qualora non si abbia una cantina, una zona alternativa per conservare lo champagne potrebbe essere il sottoscala. Qui però è meglio tenere d'occhio la temperatura, che non dovrà mai superare i 17°C. Una valida soluzione risiede nell'impiego di cantine elettriche dotate di termostato. Infine, bisognerebbe evitare il contatto con formaggi stagionati o faltri alimenti, poiché subentrerebbe una contaminazione, seppur minima, dello champagne. Controllare questo particolare apparentemente trascurabile è la regola più importante in assoluto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitare di urtare le bottiglie e di spostarle per non alterare il sapore dello champagne.
  • Agitare la bottiglia potrebbe compromettere la qualità dello champagne.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come conservare il vino aperto

Il vino è una bevanda molto amata dagli italiani; il tasso alcolico varia in base alla fermentazione. In commercio esistono vini rosati, vini bianchi, vini frizzanti e vini rossi. Per ogni tipo di vino bisogna abbinare anche il piatto da mangiare, ad...
Vino e Alcolici

I 10 vini più pregiati in Francia

La Francia è tra i maggiori produttori vinicoli in Europa. Insieme all’Italia, vanta il primato dei vini più pregiati al mondo. Si tratta di una tradizione millenaria, coltivata con zelo nell’arco dei secoli. Le zone della Borgogna, di Bordeaux...
Vino e Alcolici

Come posizionare le bottiglie di vino in cantina

Il vino è una particolare bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione dell'uva o del mosto. Esistono moltissimi tipi di vino in funzione della tipologia di uva e dal tipo di fermentazione utilizzato. Ci sono alcuni vini che con il passare degli anni...
Vino e Alcolici

Come fare il cocktail “Rossini”

Preparare un cocktail da servire agli amici prima di una cena potrebbe essere un bel modo per iniziare una piacevole serata in allegria. Quello che vi proponiamo i questo articolo è un cocktail dal sapore fresco e delicato, ideale da servire come aperitivo:...
Vino e Alcolici

10 cocktails d'effetto per una serata speciale

I cocktails si gustano da soli o in compagnia e molti sono i gusti che accontentano i palati anche più esigenti. Ottimi aperitivi con snack sfiziosi, fine pasto o per brindare in occasioni ed eventi speciali sono alcolici o analconici, pensati anche...
Vino e Alcolici

Cocktail alcolici con la frutta

Dovete organizzare una festa in casa con degli amici o volete semplicemente improvvisarvi barman per una sera ma non sapete da dove iniziare? Continuate allora a leggere questa guida dove troverete alcune idee per creare alcuni tra i cocktail alcolici...
Vino e Alcolici

Come scegliere cocktail da abbinare al pasto

I cocktail rappresentano un ottimo modo per intrattenere gli ospiti in attesa che sia pronto in tavola: offrendone uno si crea subito un clima di amichevole goliardia e si socializza meglio con un bicchiere di profumata bevanda in mano ma bisogna fare...
Vino e Alcolici

I 7 cocktail più strani del mondo

Il cocktail è una bevanda composta da molti ingredienti diversi: alcolici, succhi di frutta, verdure e frutta fresca, e chi più ne ha più ne metta. I più famosi barman di ogni tempo hanno creato delle "ricette" uniche che negli anni sono diventate...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.