Come cristallizzare il miele

Tramite: O2O 30/03/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Prima di iniziare con la descrizione delle tecniche utilizzate per cristallizzare il miele, è bene ricordare che tutti i tipi sono destinati a cristallizzare nell'arco di un medio-lungo periodo di tempo, quindi non esiste miele da poter creare nell'immediato. Il processo di cristallizzazione è dovuto principalmente alla natura instabile della sua composizione: essa, infatti, diventa stabile solamente quando il glucosio, componente fondamentale, si trasforma in cristalli, grossi o fini. Il consumatore vede come un difetto la cristallizzazione che, invece, è un processo del tutto naturale. Vediamo quali sono le differenze ed i fattori che generano la cristallizzazione del miele.

26

Occorrente

  • Miele
  • Contenitori
36

Possibili fattori ambientali.

Anzitutto, quando ci si trova in presenza di un'alta umidità ed una ridotta quantità di glucosio, in un ambiente con una temperatura superiore ai 14 gradi ed in un lungo lasso di tempo, il miele si trasformerà in dei grossi cristalli. Diversamente, con parametri contrari a quelli appena espressi, ovvero in una situazione in cui c'è poca umidità, molto glucosio ed una temperatura molto vicina ai 14 gradi ed un processo rapido, si otterrà una cristallizzazione detta "fine". In entrambi i casi, si otterrà dell'ottimo miele utilizzabile e degustabile in qualsiasi occasione. Un'altra cosa da non dimenticare è l'agitazione del miele durante il processo di estrazione: ciò influirà totalmente sulla sua consistenza finale.

46

Creazione del miele cristallizzato.

Se l'estrazione avviene agitandolo, si otterrà un tipo di cristallizzazione che creerà un miele cremoso. In sua assenza, invece, si otterrà un miele molto compatto, che i consumatori non apprezzeranno molto, ritenendolo di cattiva qualità. Questo accade se si lascia che la natura faccia il suo corso ed il miele reagisca spontaneamente a determinati fattori, come quelli citati in precedenza. Ancora oggi, esiste una tecnica dalla quale si ottiene un miele dall'aspetto invitante ed adatto ad essere messo in commercio: in pratica, non serve altro che mescolare un miele liquido con uno già cristallizzato, anche in piccole quantità.

Continua la lettura
56

Conservazione del prodotto finale.

Il miele liquido, raccolto da poco oppure reso liquido da un processo di riscaldamento a temperature controllate tra i 25 gradi e 30 gradi, viene mescolato con un miele a cristallizzazione fine nella misura del 5 o 10%. La miscelatura delle due parti di miele è praticata in appositi contenitori e mescolando con una spatola di legno oppure con l'uso di macchinari, questo procedimento ha una durata che cambia da 6 ore a svariati giorni. A questo punto, si può procedere con la decantazione, per poi mettere il prodotto finale negli appositi vasetti e riporlo a riposare in magazzino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come scegliere il miele di buona qualità

Fin dai tempi antichi, quando ancora non esistevano tutti i farmaci che oggi sono a nostra completa disposizione, il miele veniva comunemente utilizzato per curare piccoli disturbi di salute. Tale alimento è ricco di numerose proprietà benefiche, a...
Dolci

Come preparare la torta di datteri e miele

Per fare una ricetta originale potete preparare una torta di datteri e miele. Questo dolce esotico ha un sapore gradito ai più grandi e ai più piccini. La preparazione di questa torta non richiede nulla di particolarmente complicato. Gli ingredienti...
Dolci

Come preparare la torta con miele e ricotta

Chi ama le cose semplici e genuine, ma vuole gustare qualcosa di veramente sfizioso a colazione o al pomeriggio accompagnandolo con una tazza di tè o con un caffè, non può non provare la torta con miele e ricotta. Naturalmente, questa torta è un ottimo...
Dolci

Come fare la macedonia al miele

La macedonia è un'ottima proposta per servire la frutta. Si può fare utilizzando ogni specie di frutti, secondo le stagioni. Con una pallina di gelato, della panna o delle creme, può anche diventare un perfetto dessert. Da consumare a fine pasto o...
Dolci

Come fare la torta yogurt e miele

La torta allo yogurt e miele è un dolce semplicissimo da preparare; inoltre, è goloso, soffice ed invitante, e risulta essere il docle ideale da consumare per la prima colazione.È una torta molto leggera che non appesantisce lo stomaco, consigliata...
Dolci

Come preparare la torta al miele

La torta al miele è un dolce goloso, facilissimo da preparare e, soprattutto, genuino. È perfetta per la merenda dei più piccoli e degli adulti. Questa torta, dorata e soffice, potete decorarla in mille modi diversi, oppure potete semplicemente spolverarla...
Dolci

Come fare i biscotti al miele e noci

Avete del tempo libero e non sapete come impiegarlo? Vorreste cucinare qualche dolce per i vostri bambini ma non sapete da dove iniziare? Se cercate le risposte a questa domanda, il presente articolo contiene qualcosa che farà al caso vostro: la ricetta...
Dolci

Come riconoscere i tipi di miele

Il miele è un fantastico alimento dalle innumerevoli proprietà benefiche. In commercio è possibile reperirne diversi tipi e dal costo variabile. La provenienza del nettare, elaborato dalle api, conferisce al prodotto particolari caratteristiche. Pertanto,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.