Come cucinare gli agnolotti alla piemontese

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Volete preparare un ricetta gustosa e genuina allo stesso tempo? Avete amici e parenti invitati in casa vostra e non avete idea di cosa cucinare? Siete stanchi delle classiche ricette banali? Sicuramente le risposte a tali domande sono sempre sì. Non vi resta che continuare a leggere questa guida e scoprire un piatto buonissimo. Iniziamo col dire che la cucina italiana è davvero insuperabile; perché scovare piatti "stranieri", quando l'Italia è famosissima per le sue delizie gastronomiche? La ricetta che proponeremo è tipica del Piemonte. Si tratta degli agnolotti alla piemontese! Per chi non li ha mai assaggiati, vi basterà sapere che fanno parte del patrimonio italiano e dunque la loro bontà è apprezzata in tutto il mondo. Non è un piatto facilissimo da preparare e realizzare, ma con l'ausilio di queste righe, non avrete alcuna difficoltà. Occorre creare un impasto con carne e verdure. Stupirà senz'ombra di dubbi, i vostri invitati!
Vediamo allora, passo per passo, tutto il procedimento su come cucinare gli agnolotti alla piemontese nel modo più semplice possibile.

27

Occorrente

  • Oltre che agli ingredienti elencati al passo 2, munitevi anche di una rotellina per tagliare l'impasto e di alcune casseruole per la preparazione.
37

La dose indicata in questa guida è per circa 6 persone. Per l'impasto ci serviranno: 800 grammi di farina, un bicchierino d'acqua, sale e 7 uova. Mentre per il ripieno ci serviranno: 600 grammi di carne di vitello e 400 grammi di carne di maiale, 200 grammi di carne di coniglio (senza osso), 400 grammi di spinaci lessi, 3 uova, 400 grammi di parmigiano grattugiato, 1 bicchiere di vino bianco, 1 cipolla, 1 spicchio d'aglio, salvia, rosmarino, alloro e olio. Per il sugo dell'arrosto invece ci serviranno: 500 grammi di vitellone, 1 cucchiaio di vino, 1 di olio, mezzo litro di brodo, sugo di pomodoro e poi aglio, cipolla, sedano e sale.

47

In una pentolina scaldate l'olio ed unite il vitellone tagliato a grandi pezzi con le verdure, l'aglio e il sale. Lasciate cuocere lentamente e aggiungete un po' alla volta vino e brodo (250 ml) e lasciate evaporare, poi aggiungete il sugo di pomodoro e portate a cottura. La cottura deve durare circa 40 minuti, dopodiché tirate lo spezzatino e colate con un colino il fondo pressandolo con un cucchiaio. A questo punto aggiungete rosmarino, salvia e alloro e salate. Fate cuocere per circa 50 minuti. Lasciate insaporire la carne nel suo sugo aggiungendovi gli spinaci lessi e tritate il tutto. Versate il trito in una ciotola aggiungendovi 200 grammi di parmigiano e amalgamate con uova e sale.

Continua la lettura
57

In una casseruola versate dell'olio e aggiungete della cipolla e dell'aglio, poi unite del brodo e cuocete per circa 15 minuti. In un'altra padella rosolate il misto carne e poi trasferitelo nell'altro tegame dove state soffriggendo la cipolla. Disponete poi la farina e versate le uova, versate dell'acqua, un pizzico di sale ed impastate. Tirate la pasta sfoglia sottile e disponete le palline di ripieno in modo che siano poco distanziate tra loro. Ripiegate la sfoglia e con le dita sigillando bene i bordi; con una rotellina date agli agnolotti una forma quadrata.

67

Infine la preparazione finale: lessate gli agnolotti in acqua bollente per 4 minuti, scolateli e disponeteli a strati nel piatto aggiungendo a ciascuno strato, del sugo di arrosto e del parmigiano. Lasciate riposare per un paio di minuti e servite a tavola! Buon appetito!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come cucinare senza olio

L'olio, purché genuino, è un condimento quasi perfetto, non solo per preparare insalate, accompagnare la cottura di carni e verdure, ma anche per friggere. Talvolta, chi è a dieta o ha delle patologie particolari, deve limitarne l'uso nella preparazione...
Primi Piatti

Come cucinare gli spaghetti di soia

Negli ultimi tempi possiamo trovare negli scaffali dei supermercati gli spaghetti di soia. Utilizzati principalmente nei paesi asiatici, sono simili agli spaghetti di riso. Con la cottura crescono di volume e sono molto sazianti. Si cucinano in acqua...
Primi Piatti

Come cucinare la pasta di riso

La pasta di riso è un piatto tipico dell'Oriente, ma è ormai molto amato anche nella nostra cucina. La preparazione è molto semplice, poiché si tratta di una pietanza molto più leggera rispetto alla tradizionale pasta, quindi perfetta per chi è...
Primi Piatti

Vari modi per cucinare le uova

Le uova si prestano ad un numero imprecisabile di preparazioni veramente gustose e costituiscono una risorsa inesauribile per chi ha il difficile compito di cucinarle. Si parla spesso dei mille modi di cucinare le uova ma in definitiva i metodi fondamentali...
Primi Piatti

5 modi per cucinare le fave

Le fave sono legumi dal gusto gradevole e delicato. Ricche di ferro, risultano particolarmente adatte per chi soffre di anemia. Apportano una notevole quantità di fibre all’organismo, favorendo il corretto processo intestinale. Inoltre, sono fonte...
Primi Piatti

Come cucinare riso in bianco

Siamo pronti a proporre una guida culinaria, molto pratica per preparare nella nostra cucina, un primo piatto molto leggero, ma allo stesso tempo, se fatto bene e seguendo questi semplici consigli, anche molto buono da gustare, magari quando si sta poco...
Primi Piatti

Come cucinare le lenticchie secche

In questo articolo vi spiegheremo come cucinare le lenticchie secche. Questo legume potrebbe essere considerato come il più modesto, ed allo stesso tempo, quello maggiormente importante tra i legumi vari.Nel Vecchio Testamento già di parlava delle lenticchie,...
Primi Piatti

Come cucinare i funghi porcini

L'autunno è senza dubbio il periodo ideale per la raccolta e la preparazione dei funghi porcini: infatti, nei boschi, dopo le prime piogge, se ne trovano in abbondanza ed hanno un maggior sapore rispetto ai funghi coltivati nelle serre che è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.