Come cucinare i blinis

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Con le nuove tecnologie è possibile non solo conoscere gente appartenente a etnie diverse, con una propria cultura e tradizione, ma è soprattutto possibile assaporare i piatti tipici di ogni popolo. Non a caso, nella propria nazione è possibile trovare numerosi locali che trattano la cucina tradizionale di un determinato paese, diverso dal proprio. Sicuramente avrete sentito parlare di blinis, ma forse non tutti sanno cosa sono. I blinis sono delle piccole focaccine originarie della Russia, cucinate soprattutto nel periodo natalizio, come festeggiamento per il nuovo anno che verrà. Dalla Russia sono poi stati esportati in tutto il mondo, riscuotendo un grande successo come antipasto sfizioso da servire a tavola. L'impasto dei blinis può essere realizzato con molteplici varianti, ma quella che oggi vi proponiamo di cucinare è la versione dei blinis classici, insaporiti da salmone affumicato e caviale. Vediamo come cucinare i blinis.

25

Occorrente

  • 80 gr di farina
  • 100 ml di latte
  • 8 gr di lievito in polvere
  • 50 ml di panna fresca
  • sale q.b.
  • 1 tuorlo
  • 1 albume
  • aneto o anice (2 ciuffi)
  • 100 gr di panna acida (reperibile nei grandi supermercati)
  • 200 gr salmone affumicato
  • 1 confezione di ikrà (o uova di lompo)
35

Sbattere il tuorlo d'uovo in una terrina

Per preparare l'impasto, sbattete il tuorlo d'uovo in una terrina, e aggiungete latte e panna fino ad ottenere un impasto omogeneo e privo di grumi. Aggiungere poi farina e lievito setacciati, continuando a mescolare. A questo punto, lasciate riposare l'impasto per circa un'ora e aggiungete l'albume montato a neve con un pizzico di sale. Dovete amalgamarlo lentamente all'impasto, in modo tale che resti soffice e spumoso. Il segreto per avere dei blinis soffici e leggermente gonfi è la lievitazione, che dovrà prolungarsi per circa un'ora. A intervalli regolari, impastate la pasta ottenuta così da eliminare l'aria in eccesso e lasciate riposare.

45

Ungere una padella riscaldata con un pò di burro

Scaldate una padella antiaderente o di ghisa e ungetela con un pezzetto di burro. Quando la padella sarà ben calda, versate un mestolino di impasto, fino a formare una crespella, nè molto piccola nè molto grande, e fate attenzione che non ci siano fori; in caso contrario aggiungete un altro po' di impasto. Quando il fondo della crespella risulterà essere ben sodo e dorato, girate il blinis per farlo cuocere anche sull'altro lato, e continuate con questa operazione fino a che tutta la pastella non sarà esaurita.

Continua la lettura
55

Preparare la guarnizione

Per quanto riguarda la guarnizione, potete realizzarla a vostro piacimento, se invece volete servire ai vostri ospiti dei blinis preparati con la ricetta tradizionale, ecco come preparare la guarnizione: in una terrina mescolate la panna acida, aggiungetevi due ciuffi di aneto tritato e mescolate fino a che la panna non sarà cremosa. Spalmate la crema ottenuta sui blinis, aggiungete una fettina di salmone affumicato e guarnite il tutto con un ciuffetto di panna acida con sopra del caviale. I vostri blinis sono pronti per essere serviti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Come cucinare le lumache

In moltissimi paesi del mondo ma anche in Italia, si usa moltissimo mangiare le lumache. Anche se a molti potrebbe fare impressione avere una lumaca un po' viscida in bocca, in realtà, le lumache possono essere davvero gustose si cucinate nel modo giusto...
Cucina Etnica

Come cucinare il riso pilaf con pollo al curry

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di cucina. Nello specifico, proveremo a cucinare del riso. Come avrete potuto già comprendere attraverso la lettura del titolo stesso della nostra guida, ora andremo a spiegarvi Come cucinare il riso...
Cucina Etnica

Come cucinare il pollo alle spezie

La carne di pollo, meno grassa delle carni rosse, è consigliata per un consumo settimanale moderato ma necessario per la buona salute dell'organismo. Purtroppo però non tutti amano la carne di pollo, perché può risultare un po' insapore e anche stoppacciosa,...
Cucina Etnica

Come cucinare con il wok

Avere una buona batteria in cucina agevola notevolmente il nostro lavoro. Tra i tanti pezzi riposti in bella vista sugli scaffali possiamo notare il wok, una pentola/padella che è entrata prepotentemente tra gli oggetti indispensabili nella cottura dei...
Cucina Etnica

Come cucinare la quinoa e grano con spinaci e funghi

In questa nuova ricetta, vogliamo cercare di proporre il modo per utilizzare in cucina degli alimenti che siano sani ed anche molto utili, per il benessere del nostro organismo. Nello specifico cercheremo di imparare insieme, come poter cucinare la quinoa...
Cucina Etnica

Come cucinare la quinoa

La Quinoa è un vegetale proveniente dall'America meridionale. Viene erroneamente considerata un cereale, a causa del suo elevato contenuto di amido, mentre in realtà essa è indicata per i celiaci, poiché non contenente glutine. Oltre a ciò, presenta...
Cucina Etnica

Come cucinare il Pane Arabo

Il pane è uno degli alimenti più apprezzati in tutto il mondo, non solo è un ottimo accompagno per ogni tipo di pasto, ma anche per creare deliziosi panini con cui fare sfamarsi nei momenti di fame. Ogni paese ha il suo tipo di pane, tipico del proprio...
Cucina Etnica

Come cucinare il cous cous

Anche se la nostra cucina è ricca di ricette e piatti davvero gustosi, con il tempo abbiamo imparato anche a conoscere e portare sulle nostre tavole molte ricette provenienti da altri paesi, soprattutto dall'oriente e dall'africa, rendendo così di fatto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.