Come cucinare i fagiolini

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come cucinare i fagiolini
17

Introduzione

I fagiolini sono particolarmente adatti per chi vuole mantenersi in forma. Infatti questi legumi, nonostante appartengano alla famiglia delle Leguminose, hanno molte caratteristiche degli ortaggi, sono ricchi di acqua, fibre, sali minerali e Vitamina A. Le loro proprietà benefiche li rendono adatti al consumo di soggetti con problemi gastrointestinali o patologie diabetiche. I fagiolini in cucina possono essere usati come piatto a sè stante, come contorno o come condimento e devono essere consumati previa cottura. Qui di seguito vi spiegherò in pochi passi come cucinare i fagiolini.

27

Occorrente

  • Fagiolini
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale e pepe
  • Acqua bollente
  • Padella
  • Scolapasta
  • Coltello
37

La prima cosa che dovete fare è prendere una padella, riempirla di acqua e porla sul piano cottura. Aggiungete nell'acqua un po' di sale grosso. Mentre aspettate l'ebollizione dell'acqua, provvedete alla pulizia dei fagiolini. Con un coltello eliminate le estremità del baccello, che sono le parti meno digeribili del legume, poi mette il fagiolino in uno scolapasta. Ripetete questa operazione per tutti i fagiolini. Durante la pulizia dei legumi fate molta attenzione a non eliminare i piselli che si trovano all'interno del baccello. Terminata questa operazione, ponete lo scolapasta sotto il rubinetto e sciacquate il suo contenuto con l'acqua corrente. Adesso che avete lavato i fagiolini potete lasciarli ad asciugare.

47

Quando i fagiolini si sono asciugati e l'acqua è arrivata al punto di ebollizione, potete iniziare a cuocerli. Se volete che la cottura sia più veloce, spezzate i legumi in due o più parti, a seconda della lunghezza del baccello, quindi gettateli in padella. Fate in modo che i fagiolini cuociano a fuoco molto lento, per mantenere intatta la loro consistenza croccante. Il momento della cottura dovrà durare al massimo cinque minuti, se li farete stare in padella per un periodo di tempo maggiore, la consistenza dei fagiolini cambierà. Facendoli cuocere per più tempo, i fagiolini diventerebbero morbidi, il vostro obbiettivo invece è quello di far sì che si mantengano croccanti.

Continua la lettura
57

Appena la cottura è terminata, scolate i fagiolini. Poneteli quindi in una zuppiera riempita con acqua e ghiaccio. Questo accorgimento bloccherà il processo di cottura, permettendo ai fagiolini di mantenere il loro colore verde brillante. A questo punto condite i legumi a vostro piacimento. Potete aggiungervi sale, pepe e altre spezie, aceto o olio extravergine di oliva. Dopo averli conditi decidete se presentarli a tavola come piatto singolo, oppure utilizzarli come contorno per qualche altra pietanza.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando comprate i fagiolini, per sapere se sono freschi, controllate che siano sodi e che abbiano un colore verde brillante
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come cucinare i fagiolini

I fagiolini sono particolarmente adatti per chi vuole mantenersi in forma. Infatti questi legumi, nonostante appartengano alla famiglia delle Leguminose, hanno molte caratteristiche degli ortaggi, sono ricchi di acqua, fibre, sali minerali e Vitamina...
Consigli di Cucina

5 segreti per cucinare con il vino

Il vino non accompagna solamente i piatti una volta arrivati a tavola, ma in molte ricette diventa un ingrediente a tutti gli effetti. Per questo motivo bisogna prestare particolare attenzione alla scelta del vino giusto e a come utilizzarlo per cucinare...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le taccole

Sperimentare in cucina è un modo per variare sempre i menù. Per poi, far contenti sempre tutti. Per riuscire a fare questo, bisogna portare in tavola novità. Preparando dei piatti che contengono alimenti sani e nutrienti. Le verdure e il legumi sono...
Consigli di Cucina

Idee per chi non sa cucinare

La cucina ai giorni d'oggi è qualcosa della quale non si può fare a meno. Anche solo per questioni di sopravvivenza, cucinare diventa essenziale e bisogna imparare i piatti base della cucina italiana. Pasta asciutta, carne e pesce ai ferri e insalata...
Consigli di Cucina

10 consigli per imparare a cucinare

Diventare una brava cuoca non è certo semplice. Sicuramente non ci si può improvvisare. Cucinare è davvero un' arte. Per imparare a farlo in maniera corretta occorrono passione, determinazione e tempo. Si avete capito bene occorre del tempo necessario...
Consigli di Cucina

Come cucinare il sedano rapa

Prima di entrare nei mille modi per cucinare il sedano (e ci sono davvero molte scelte), abbiamo bisogno di parlare di peeling e preparazioni varie. Non importa quale metodo di cottura si decida, il sedano deve essere accuratamente rimosso dai pelati....
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le carote

Le carote sono un ortaggio gustoso dal colore arancione. Sono delle radici che si presentano di varie forme e tonalità a seconda della famiglia di origine e del luogo di coltivazione. Ottime per la grande quantità di vitamina E, B, PP e per il beta...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le lumache

Amate le lumache ma credete di non essere in grado di cucinarle? State tranquilli, ci pensiamo noi! Anche se le lumache sono spesso abbinate all'eccellenza della cucina francese e sembrano quindi essere un alimento molto complicato da cucinare, non è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.