Come cucinare i rigoli con i rovinazzi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

I rigoli con i rovinazzi è un piatto tipico della regione del Veneto, un vero e proprio toccasana gastronomico veneziano derivante dalla più antica tradizione contadina, quindi, origini umili ma molto gustose. Questa ricetta arricchisce le nostre tavole sopratutto durante il periodo di natale.
In questa guida vediamo come cucinare questo piatto molto buono, veloce e facile da realizzare.

27

Occorrente

  • 450 gr di rigoli
  • 300 gr di rovinazzi
  • 150 gr di burro
  • salvia q.b.
  • 2 arance
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • 1 cipolla rossa
  • sale qb
  • formaggio grattugiato qb
37

Rigoli e rovinazzi: cosa sono

Innanzitutto dobbiamo sapere che quando parliamo di rigoli ci riferiamo ad una pasta fatta in casa simile agli spaghetti realizzati dalle massaie con un particolare torchietto di rame al quale devono il loro nome, oggigiorno reperibili anche presso pastifici. Invece, nel linguaggio più dialettale della zona, i rovinazzi sono le rigaglie (cuoricini e fegatini) che possono essere di pollo, anatra e coniglio.

47

Pulizia rovinazzi

Per prima cosa prendiamo 300 gr di rovinazzi freschi, meglio rivolgersi al macellaio di fiducia essendo parti già delicate di loro e che, quindi, dovrebbero essere fresche per essere salutari oltre che buone. Ripuliamoli accuratamente da ogni residuo di pelle e di fiele e tagliamoli a pezzettini. Ora laviamoli per bene sotto acqua corrente e lasciamoli colare in un scolapasta.

Continua la lettura
57

Cottura cuoricini

A questo punto puliamo e mondiamo una cipolla intera, con l'aiuto di un tagliere affettiamola a rondelle ed aggiungiamola in una casseruola antiaderente. Aggiungiamo il burro e lasciamo rosolare a fuoco lento per 2 o 3 minuti circa, quando la cipolla sarà dorata aggiungiamo solamente i cuoricini di carne e la salvia. Sfumiamo con mezzo bicchiere di vino bianco secco, saliamo e lasciamo cuocere per 15 minuti a fuoco basso.

67

Cottura fegatini

Ora aggiungiamo anche i fegatini di carne, questi, essendo molto più morbidi basteranno appena 5 minuti di cottura, leviamo tutte le foglie della salvia ed, invece, aggiungiamo il succo di 2 arance precedentemente spremute e già filtrate. Aggiustiamo il tutto di sale, copriamo con un coperchio la casseruola e lasciamo ancora sulla fiamma per qualche altro minuto appena.

77

Cottura rigoli

Nel frattempo mettiamo sul fuoco una pentola di acqua con del sale doppio, appena sarà arrivata a bollore caliamo i rigoli finché non saranno perfettamente al dente (occorerranno dai 4 ai 5 minuti di cottura, essendo una pasta fresca). Scoliamoli e uniamoli direttamente al sugo di rovinazzi, aggiungiamo il formaggio a piacimento, un po' di acqua di cottura ed amalgamiamo il tutto. Servite a tavola ancora ben caldi accostando un vino rosso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come cucinare gli spaghetti di soia

Negli ultimi tempi possiamo trovare negli scaffali dei supermercati gli spaghetti di soia. Utilizzati principalmente nei paesi asiatici, sono simili agli spaghetti di riso. Con la cottura crescono di volume e sono molto sazianti. Si cucinano in acqua...
Primi Piatti

Vari modi per cucinare le uova

Le uova si prestano ad un numero imprecisabile di preparazioni veramente gustose e costituiscono una risorsa inesauribile per chi ha il difficile compito di cucinarle. Si parla spesso dei mille modi di cucinare le uova ma in definitiva i metodi fondamentali...
Primi Piatti

Come cucinare la pasta di riso

La pasta di riso è un piatto tipico dell'Oriente, ma è ormai molto amato anche nella nostra cucina. La preparazione è molto semplice, poiché si tratta di una pietanza molto più leggera rispetto alla tradizionale pasta, quindi perfetta per chi è...
Primi Piatti

5 ricette veloci per cucinare il pollo

Il pollo è un genere di carne bianca che cucinata in modo leggera risulta sano ed equilibrato. Inoltre, preparato in modo semplice può contribuire a rendere un secondo nutriente e ricco di gusto. Quindi, l'ideale per chi vuole mangiare senza appesantirsi....
Primi Piatti

5 modi per cucinare il grano

Per molte persone è difficile cucinare qualcosa di leggero e di sano, soprattutto se si è spesso tentati di mangiare cibi molto grassi e molto conditi. Uno degli elementi principali da considerare se si vuole seguire una dieta abbastanza sana e ricca...
Primi Piatti

5 modi per cucinare le fave

Le fave sono legumi dal gusto gradevole e delicato. Ricche di ferro, risultano particolarmente adatte per chi soffre di anemia. Apportano una notevole quantità di fibre all’organismo, favorendo il corretto processo intestinale. Inoltre, sono fonte...
Primi Piatti

Come cucinare riso in bianco

Siamo pronti a proporre una guida culinaria, molto pratica per preparare nella nostra cucina, un primo piatto molto leggero, ma allo stesso tempo, se fatto bene e seguendo questi semplici consigli, anche molto buono da gustare, magari quando si sta poco...
Primi Piatti

Come cucinare i funghi porcini

L'autunno è senza dubbio il periodo ideale per la raccolta e la preparazione dei funghi porcini: infatti, nei boschi, dopo le prime piogge, se ne trovano in abbondanza ed hanno un maggior sapore rispetto ai funghi coltivati nelle serre che è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.