Come cucinare il riso rosso selvatico

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come cucinare il riso rosso selvatico
17

Introduzione

Il riso rosso selvatico fa parte della varietà del riso integrale. Questo alimento non lavorato è ricco di fibre e di minerali importanti per l'organismo. I chicchi hanno un colore rosso rubino e sono più lunghi rispetto al riso bianco. Il risso rosso selvatico è anche ricco di antiossidanti ed ha un sapore davvero caratteristico e dolce. Oltre a ciò, possiamo abbinarlo al pesce o ai legumi, ma anche alla carne. I tempi di cottura sono abbastanza lunghi ma, nonostante ciò, il riso rosso resta croccante e non scuoce. Ma come cucinare il riso rosso selvatico? A tal riguardo, nei prossimi passi di questa guida, vi descriverò una gustosa ricetta che prevede l’aggiunta di carciofi e stracchino, per un piatto davvero originale!

27

Occorrente

  • 320 gr di riso rosso selvatico
  • 4 carciofi
  • 30 gr di burro
  • 150 gr di stracchino
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 spicchio di aglio
  • la buccia grattugiata di 1/2 limone
  • 2 rametti di timo fresco
  • 1 lt di brodo vegetale
  • sale e pepe q.b.
37

Cuocere il riso

Per prima cosa, versate il riso in abbondante acqua e lessatelo o, in alternativa, cuocetelo in una casseruola contenente della cipolla e bagnatelo, di tanto in tanto, con del brodo vegetale. Solitamente, il riso rosso viene portato a cottura senza aggiungere altri ingredienti. Dopo aver verificato la cottura, trasferite il riso rosso in una padella ed unite gli altri ingredienti previsti nelle diverse ricette; è possibile consumarlo anche da solo, con la semplice aggiunta di un filo d'olio extravergine d'oliva, oppure freddo in insalata. Il riso rosso selvatico, una volta cotto, può essere conservato per diversi giorni in frigorifero, all'interno di un contenitore sigillato, conservando intatto il suo aroma ed il suo sapore.

47

Aggiungere un mestolo di brodo vegetale

Una ricetta particolarmente gustosa è quella del riso rosso con carciofi e stracchino. Anzitutto, tritate molto finemente uno scalogno e mettetelo in una casseruola assieme ad un paio di cucchiai di olio extravergine d'oliva ed un po' di burro. Successivamente, unite il riso e fatelo tostare per pochi istanti, dopodiché aggiungete un mestolo di brodo vegetale e cuocetelo per 50 minuti, ricorrendo al brodo se necessario.

Continua la lettura
57

Terminare la cottura

Nel frattempo, pulire i carciofi eliminando le foglie esterne più dure e la peluria del fiore, quindi tagliateli a piccoli pezzetti su di un tagliere e riponeteli in una terrina. In un'altra ciotola, grattugiate la scorza di mezzo limone non trattato e tritate le foglie di timo. Dopo circa 15 minuti, versate nella casseruola i carciofi, seguiti dal limone e dal timo, quindi mescolate accuratamente ed ultimate la preparazione. Infine, aggiungete anche lo stracchino, mantecate per pochi istanti e spolverizzate il tutto con del parmigiano grattugiato appena prima di servire in tavola.  

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Tacchino al vino bianco e finocchietto selvatico

Uno dei secondi che spesso viene preferito nei periodi di festa è il tacchino. Questo è un tipo di carne bianca, tenera e delicata. Il tacchino si presta a un'infinità di preparazioni, semplici e raffinate. In questo caso vi suggerisco il tacchino...
Antipasti

Fave bollite con finocchietto selvatico

Le fave fanno parte della famiglia dei legumi e sono degli alimenti nutrienti e gustosi. In passato rappresentavano uno dei piatti poveri, consumati per lo più dagli artigiani e dai contadini. Esistono moltissime ricette per poter preparare le fave,...
Primi Piatti

Ricetta: riso selvatico alle erbe

Una delle ricette sicuramente più gustose ma al tempo stesso salutari che ci sentiamo di proporvi in questa guida riguarda la preparazione di un piatto che risale in effetti a tempi molto noti, precisamente l'antico Egitto: stiamo parlando del riso selvatico...
Primi Piatti

Ricetta: lasagna di pane e finocchietto selvatico

Quando arriva la domenica e devi cucinare per tutta la famiglia, cosa c'è di meglio di una buona lasagna fatta in casa? Non parliamo delle solite riproduzioni che potete trovare al supermercato surgelate, ma di una bella sfoglia fatta in casa appena...
Primi Piatti

Come fare le tagliatelle al finocchietto selvatico

Vuoi preparare un primo piatto estremamente saporito, salutare e, talmente ricco da poterlo considerare unica pietanza da poter portare in tavola? Se la tua risposta è positiva, devi, assolutamente leggere la ricetta, qui delineata che, in maniera semplice...
Primi Piatti

Fagioli con finocchietto selvatico

La nostra amata cucina mediterranea ci regala tanti ingredienti sani, gustosi e aromatici. La ricetta dei fagioli con finocchietto selvatico racchiude in sé tutte queste caratteristiche. I primi sono ricchi di proteine vegetali e ottimi sostituti della...
Primi Piatti

Come preparare le farfalle con piselli e finocchietto selvatico

Ecco una semplicissima guida su come preparare le farfalle con piselli e finocchietto selvatico, voglio svelarvi i segreti di questa ricetta legata al mondo agreste, semplice ma nel contempo gustosa, che vi delizierà la vista per le forme e i colori,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al finocchietto selvatico

Il liquore al finocchietto selvatico è un deliziosa bevanda che si ricava dalla macerazione dei semi e delle parti fibrose dell’omonima pianta. Dalle spiccate proprietà digestive e diuretiche, questa bevanda è ideale per terminare pasti particolarmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.