Come cucinare il rognone

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il rognone corrisponde al rene dell'animale. Si tratta quindi di frattaglie, parte del cosiddetto "quinto quarto". Le origini del suo impiego in cucina sono probabilmente da ricercarsi in una cucina povera. Tuttavia, con il tempo, il rognone ha saputo farsi spazio tra le tavole imbandite. Difatti, è diventato uno dei protagonisti della cucina raffinata, conquistando palati gourmet. Cucinare il rognone non è semplice in quanto richiede una lunga preparazione. Ecco dunque alcuni consigli su come cucinare il rognone.

26

Occorrente

  • Rognone, acqua, aceto, sale, prezzemolo, cipolla, sale e pepe, olio evo, brodo
36

Scelta e spurgatura

Tra i vari tipi di rognone disponibili sono da prediligere quelli di vitello o di vitellone. Infatti, rispetto a quelli di manzo o cavallo, hanno un sapore più delicato e leggero e una consistenza più morbida. Odore e forte e sapore deciso sono due caratteristiche peculiari del rognone. Tuttavia, se si scelgono provenienti da animali giovani, sapore e odore risultano attenuato rispetto al solito. Il colore della carne deve essere rosso vivo, dalla consistenza soda. La presenza di grasso non è indice di scarsa qualità. Attenzione però: se presente, il grasso deve essere abbondante e sodo al tatto. Non può essere conservato in frigo per più di 24 ore. Il primo passaggio è la spurgatura, più semplice in rognone di giovani animali. Innanzitutto, il rognone va massaggiato con del sale fino. Lasciate riposare qualche minuto. Sciacquate il rognone sotto acqua corrente. Mettetelo in un contenitore con acqua e aceto di vino bianco. Lasciate riposare per almeno tre ore, cambiando i liquidi un paio di volte.

46

Pulitura

Dopo aver fatto riposare il rognone in acqua e aceto, sciacquatelo nuovamente e asciugatelo. È ora necessario rimuovere la parte interne del rognone. È di colore bianco, si presenta sotto forma di nervatura e può nascondere residui di sangue. Per facilitare questa operazione può essere utile tagliare il rognone in pezzi più piccoli. Eliminare la parte bianca con un coltello. In seguito, sciacquate ancora il rognone sotto acqua corrente. Tenetelo in ammollo per un quarto d'ora e poi asciugatelo.

Continua la lettura
56

Cottura

È necessaria una prima cottura preliminare. Tagliate il rognone in piccoli pezzi o in fettine sottili. Fatelo saltare in padella con un filo di olio extravergine di oliva per qualche minuto. In questo perderà qualsiasi residuo di siero e sangue. Scolatelo e lasciatelo sgocciolare in un colino per circa trenta minuti. Nella tradizione emiliana, il rognone viene tribolato. Preparate un trito di cipolla e prezzemolo e fate soffriggere il tutto con una noce di burro. Aggiungete il rognone e fatelo saltare per una decina di minuti a fuoco vivace. Aggiustare di sale e pepe. Aggiungete poi del brodo caldo e dell' aceto. Completate la cottura per qualche minuto ancora, sempre a fuoco vivace. In questo modo non rischiate che il rognone diventi stopposo. Servite il rognone accompagnato da un vino rosso corposo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'esterno del rognone deve risultare ben cotto, mentre l'interno deve rimanere rosato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come cucinare il maialino sardo

Il maialino sardo è un alimento tipico della regione Sardegna ma che è apprezzato in tantissime altre regioni italiane. Preparare questo piatto è davvero molto semplice e non richiede troppo tempo. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in...
Carne

5 modi di cucinare lo stinco

Lo stinco di maiale lo si può definire come un grande classico della cucina italiana. A livello regionale è forse più diffuso al nord, ma nonostante questo è un piatto molto noto. Solitamente viene preparato per il pranzo domenicale in inverno, oppure...
Carne

Come cucinare il sugo al capriolo

Cucinare dei piatti a base di carne non è sicuramente facilissimo, ma non è neanche così difficoltoso come può sembrare a primo impatto. Le tipologie di carne da cucinare sono numerose e variano anche gli ingredienti da abbinare alla carne. Una delle...
Carne

Come cucinare la salsiccia di maiale

Chi di voi non ha mai assaggiato nella vita una salsiccia di maiale? Sicuramente sarete in pochissimi, perché la salsiccia è uno degli insaccati freschi più buoni e saporiti che esistano. Certo, non è un alimento che può essere consumato tutti i...
Carne

Ricette: come cucinare il bollito

Esistono numerose ricette per cucinare la carne ed altrettante per realizzare un buon bollito. Tanto per cominciare servono gli attrezzi giusti per ottenere la cottura perfetta. La carne deve essere collocata per intero, ricoperta dal liquido di bollitura...
Carne

10 modi per cucinare le salsicce

Le salsicce sono fra gli insaccati più gustosi e saporiti, facili, veloci e versatili da cucinare. Che siano fresche o secche, le possibilità in cucina sono molteplici, ben al di la della classica grigliata o arrosto. Esse sono realizzare in numerose...
Carne

Come cucinare l'arista di maiale

Nella tradizione culinaria italiana esistono tantissime ricette, tutte deliziose e ricche di gusto. Alcune sono ideali per chi è alle prime armi, altre sono adatte a degli esperti nel settore. L'arista di maiale, ad esempio, è la protagonista di molti...
Carne

Come cucinare il prosciutto

Il prosciutto è un alimento classico della tradizione gastronomica mediterranea. Questo salume viene ottenuto da un taglio di carne suina tenera e dal gusto molto delicato. Di conseguenza il prosciutto è ideale per venir mangiato crudo, tagliandolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.