16

Come cucinare l'arista di maiale

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Nella tradizione culinaria italiana esistono tantissime ricette, tutte deliziose e ricche di gusto. Alcune sono ideali per chi è alle prime armi, altre sono adatte a degli esperti nel settore. L'arista di maiale, ad esempio, è la protagonista di molti secondi piatti. Non tutti però sono a conoscenza dei numerosi metodi attraverso cui è possibile cucinare l'arista di maiale. Continuate a leggere i passi a seguire per scoprire come fare.

26

Occorrente

  • Ingredienti (1° ricetta): 800 g. d'arista, 2/3 pezzi di carote, alcune foglie di salvia, olio extra vergine d'oliva, uno spicchio d'aglio, metà cipolla, un pezzo di burro e 500 ml di latte, sale e pepe q.b.
  • Ingredienti (2° ricetta): 800 g. d'arista, 2/3 pezzi di carote, alcune foglie di salvia, olio extra vergine d'oliva, uno spicchio d'aglio, un pezzo di cipolla, un pezzo di burro, 500 ml di birra, sale e pepe q.b.
  • Ingredienti (3° ricetta): 800 g. d'arista, trito di aglio e rosmarino, 2 arance bionde, olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b
  • Ingredienti (4° ricetta): 800 g. d'arista, trito di sale, rosmarino e salvia, fette di pancetta tesa, olio extra vergine d'oliva, un pezzo di burro, un bicchiere di vino bianco, alcune fettine di tartufo, pepe q.b
  • Strumenti: tegami, teglia, mixer, spago da cucina, forno ed utensili vari.
36

Aggiungete uno spicchio d'aglio

La prima ricetta è adatta anche ai più piccoli perché cotta nel latte diventerà molto morbida, delicatissima e magari accompagnata da un purè di carote e patate diventerà un piatto completo e bilanciato. Innanzitutto acquistate 800 gr di arista e steccatelo con pezzi di carota e foglie di salvia, legandoli con lo spago. Sistematelo in un tegame dove avrete prima versato l'olio extravergine d'oliva, aggiungendo uno spicchio d'aglio e metà cipolla regolando il sale e pepe. A questo punto aggiungete il burro e il latte, facendo cuocere fino a quando il liquido sarà assorbito completamente. Una volta tiepida tagliatela fette e servite. La seconda versione è per gli intenditori della birra chiara, che prevede lo stesso procedimento della precedente ma sostituendo la birra al latte, accompagnata da patate allo speck.

46

Massaggiate la carne

La lombata alle arance è tipica della Toscana, dove viene preparata in tante macellerie in occasione del Natale o feste particolari. L'agrume conferisce alla carne un gusto agrodolce, molto accattivante e nuovo. Generalmente all'arancia viene preparata l'anatra, ma questa versione entusiasmerà in tanti. Innanzitutto acquistate un pezzo di carne, anche con l'osso, e massaggiatela con un trito di aglio e rosmarino. Tagliate a rondelle due arance e legatele con del filo da cucina alla carne. Sistematela in una pirofila di coccio unta d'olio, insaporendola con sale e pepe secondo il vostro gusto. Infornate in forno già caldo fino a quando sarà diventa morbida e succosa.

Continua la lettura
56

Cospargete l'arista con il sale

L'ultima versione prevede l'impiego della saporita pancetta e tartufo in onore dell'Umbria. Come prima cosa prendete un taglio d'arista e cospargetelo di sale, rosmarino e salvia tritata. Legatela con delle fette di pancetta tesa o affumicata, sistemandola in una teglia da forno unta d'olio e burro. Dopodiché bagnatela con del vino bianco e cospargetela con fettine di tartufo, regolando il pepe. Alla fine infornatela finché sarà dorata e morbida. Tagliatela a fette servendola con spinaci all'agro o patate arrosto. Buon appetito.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.