Come cucinare l'arrosto alla grappa

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Nell'ambito della gastronomia, la delineazione e la scelta delle pietanze di un pranzo, di una cena o di quel che sia, necessita, innanzitutto, dell'analisi e del conseguenziale raggiungimento di un giusto equilibrio dei gusti. Riuscire ad individuare, dunque, quali piatti si sposino bene tra di loro è sempre un'impresa abbastanza difficile, ma non del tutto impossibile. A seconda del contesto in cui ci troviamo, indirizzeremo le nostre scelte verso un menù che risulti consono alla situazione. Un piatto molto originale è senza dubbio l'arrosto di maiale alla grappa. Questo tipo di arrosto presenta una difficoltà media di realizzazione e non richiede grandi tempi di cottura. In questa guida, vi spiegherò come cucinare un arrosto di maiale alla grappa per quattro persone.

26

Occorrente

  • 500 gr di filetto di maiale
  • un cucchiaino di senape
  • un bicchiere di latte
  • 30 gr di verza
  • 50 ml di grappa
  • tre cipollotti
  • due foglie di alloro
  • due rametti di salvia
  • olio, sale e pepe q.b.
36

Rosolare il filetto

Per prima cosa, partiamo dall'abbinamento. Ipotizziamo di essere intenzionati a proporre un menù a base di carne. Tralasciando i vari e sempre benaccetti antipasti, in cui davvero potremo dare libero sfogo alla nostra fantasia, concentriamoci sulla scelta del primo. A precedere il nostro arrosto, ci stanno bene dei paccheri con un condimento di carne. Adesso, iniziamo con la preparazione vera e propria. Versiamo in una casseruola dell'olio, portiamolo ad una temperatura non molto elevata ed adagiamo il nostro filetto, lasciandolo rosolare nell'olio. Per dare un sapore decisamente più speziato alla carne, spezzettiamo l'alloro e la salvia e spargiamoli sul filetto.

46

Sbucciare e tagliare le verdure

Nel frattempo, sbucciamo e tagliamo di lungo, a mò di fette, i cipollotti. Ricordiamoci poi di lavare accuratamente la verza che andrà tagliata a strisce piccole e sottili. In seguito, uniamo tutte le verdure al filetto e lasciamo che la carne si insaporisca, dopodichè versiamo all'interno la grappa, bagnando il filetto. Una volta che la grappa sarà completamente evaporata, aggiungiamo sale e pepe. A questo punto, possiamo prendere il latte nel quale è stato sciolto il cucchiaino di senape e versarlo nella casseruola, facendo cuocere il tutto per un quarto d'ora.

Continua la lettura
56

Servire il filetto

Trascorsi i 15 minuti, togliamo il filetto dal fuoco e facciamo sì che il sugo si restringa. Infine, prima di servire il piatto, frulliamo velocemente il fondo di cottura (rimuovendo la salvia e l'alloro), ottenendo così il sugo con il quale andremo a ricoprire il filetto nel momento dell'impiattamento. Il piatto sarà, dunque, pronto per essere servito. Il vino che consiglio di affiancare è un immancabile Merlot. Buon appetito!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Arrosto di maiale alle mele e birra

Se vogliamo preparare un piatto raffinato ed originale, ecco la ricetta che fa per noi. Parliamo di un piatto molto succulento e sostanzioso: l'arrosto di maiale alle mele e birra. L'accostamento potrà sembrare bizzarro, ma il sapore e l'insieme di questi...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa barricata

Molta gente adora gustare un bicchierino di grappa dopo un bel pranzo o una bella cena abbondante. Il suo consumo avviene soprattutto quando ci si rilassa sopra una poltrona comoda. Le tipologie di grappa presenti in commercio sono numerose. Le differenze...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa al peperoncino

Una delle migliori bevande da gustare a fino pasto è la. Grappa, un prodotto ottenuto dalla distillazione della vinaccia, ovvero le bucce dell'uva ricavate dal processo di spremitura. Una variante di questo distillato molto gustosa e preferita da chi...
Carne

Come preparare il pollo alla grappa

In Italia abbiamo una vasta tradizione culinaria, ci piace la buona cucina e siamo dei buongustai che non sanno dire di no ad un ottimo piatto. Piatti come quello che stiamo per proporvi oggi. Oggi infatti parleremo di pollo alla grappa. Il pollo è una...
Vino e Alcolici

Come produrre la grappa in casa

La grappa, distillato alcolico di origine italiana, risale con molte probabilità al XV secolo. Destinata ai ceti più bassi della popolazione, la grappa veniva prodotta da bucce, semi e raspi d'uva. Ne derivava una bevanda forte e pungente, molto diversa...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla liquirizia

Preparare una grappa aromatizzata può sembrare complesso, ma in pratica è relativamente semplice. Per aromatizzare una grappa si possono utilizzare tanti ingredienti, come la frutta o spezie. Quella che vi presentiamo di seguito è la ricetta per preparare...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa di ginepro

La grappa non è altro che un distillato ricavato dalle vinacce. In pratica una volta spremuta l'uva per fare il vino, le bucce che restano vengono trasformate attraverso appositi macchinari, in grappa. Quella così ottenuta avrà un gusto tutto sommato...
Carne

Ricetta: scaloppine alla grappa e uva

Le scaloppine sono un taglio di carne piuttosto tenero: queste possono essere sia di maiale che di vitello, e hanno diverse modalità di preparazione. La possibilità di cuocere questo tipo di carne è davvero facile e veloce, ideale per chi vuole preparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.