Come cucinare la paella

Tramite: O2O 27/09/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

La paella è un piatto tradizionale della cucina valenciana in Spagna, diffusosi in tutto il Mar Mediterraneo e nell'America Latina. Il piatto, a base di riso, zafferano e carne, è simile al risotto italiano, al pilaf turco o al biryani indo-pakistano e viene preparato nella tipica padella da cui prende il nome, la paella o paellera. In occasioni particolari, per esempio per sagre paesane o feste di beneficenza, si possono vedere all'opera paelles di dimensioni gigantesche, che superano i 2 metri di diametro. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come cucinare la paella.

26

Occorrente

  • Riso
  • Cozze
  • Scampi
  • Calamari
  • Passata
  • Aglio
  • Pollo
  • Prosciutto
  • Coniglio
  • Peperoni
  • Melanzane
  • Fagioli
  • Fagiolini
  • Spezie
36

La prima ricetta

La prima ricetta si riferisce alla realizzazione di una paella a base di carne. Per prima cosa, iniziate a tagliate a cubetti 300 grammi di pollo, 300 grammi di coniglio e 150 grammi di prosciutto. Scaldate poi l'olio in una padella, nella quale aggiungerete poi uno spicchio d'aglio, il peperoncino ed infine la carne. Successivamente tagliate a pezzi un peperone giallo ed uno rosso e, dopo aver sfumato la carne con del vino bianco, aggiungeteli, insieme a 200 grammi di fagioli bianchi, nella padella. Aggiungete infine 250 grammi di passata di pomodoro e 400 grammi di riso, assicurandovi che sia completamente coperto dal liquido formatosi nella padella.

46

La seconda ricetta

La seconda ricetta illustra il procedimento finalizzato a realizzare la paella di verdure. Iniziate tagliando a pezzetti una melanzana ed un peperone rosso, e spuntando, inoltre, 300 grammi di fagiolini. Successivamente, fate soffriggere il porro e l'aglio in una padella, dove poi aggiungerete le verdure preparate in precedenza. Una volta terminata la cottura delle verdure, aggiungete 400 grammi di riso, una bustina di zafferano in fili ed un cucchiaino di curry, lasciando cuocere per 20 minuti circa.

Continua la lettura
56

La terza ricetta

La terza ricetta si riferisce alla preparazione della paella a base di pesce (è detta "de marisco"). Per prima cosa fate schiudere 500 grammi di cozze in una padella, contemporaneamente pulite gli scampi e versateli successivamente in una seconda padella con dell'olio già scaldato a fuoco medio. Una volta dorati, mettete gli scampi su un piatto e manteneteli al caldo. Successivamente, tritate una cipolla e due spicchi d'aglio nel mixer, e versate il composto ottenuto in una padella insieme a 500 grammi di calamari. Dopo qualche minuto aggiungete 200 grammi di passata di pomodoro e mescolate il tutto per alcuni minuti. A questo punto aggiungete 400 grammi di riso e spargete quest'ultimo fino a riempire l'intera padella. Dopo aver aspettato all'incirca 20 minuti, aggiungete gli scampi e le cozze, disponendoli a vostro piacimento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: paella con carne e verdure

Ecco una guida, che mette a disposizione di tutti i nostri lettori e lettrici, la preparazione di una nuova ed interessante ricetta, tipica della Spagna. Stiamo parlando della paella, ed in particolar modo vogliamo cercare di realizzare, con le nostre...
Primi Piatti

Preparare una perfetta paella valenciana

La paella alla valenciana è probabilmente la più tipica ricetta spagnola ed è adatta a qualsiasi stagione, sia in estate che in inverno. Tantissime sono le sue variazioni ma la vera "valenciana" è cucinata esclusivamente con pollo, verdure e coniglio....
Primi Piatti

Come preparare la vera Paella

Il piatto Spagnolo da gustare per eccellenza, mentre si sorseggia un bicchiere fantastico di sangria è la paella. Esso è un termine spagnolo che in italiano vuol dire "padella". La storia della paella, in realtà, risale all'epoca delle massaie, che...
Primi Piatti

Come preparare la paella di pesce fresco

Se avete un po’ di tempo a disposizione da dedicare alla cucina e volete stupire parenti e amici con un goloso piatto unico, ecco a voi la ricetta che vi spiega punto dopo punto come preparare una golosa paella di pesce fresco. Acquistate presso il...
Primi Piatti

Ricetta: paella mista

Tra i piatti della cucina europea ci sono tante delizie da provare. Soddisfare il palato non è un'impresa facile ma esistono ricette davvero squisite che rendono grazia all'arte culinaria. Una di queste arriva direttamente dalla Spagna e si tratta della...
Primi Piatti

Come cucinare senza olio

L'olio, purché genuino, è un condimento quasi perfetto, non solo per preparare insalate, accompagnare la cottura di carni e verdure, ma anche per friggere. Talvolta, chi è a dieta o ha delle patologie particolari, deve limitarne l'uso nella preparazione...
Primi Piatti

Come cucinare gli spaghetti di soia

Negli ultimi tempi possiamo trovare negli scaffali dei supermercati gli spaghetti di soia. Utilizzati principalmente nei paesi asiatici, sono simili agli spaghetti di riso. Con la cottura crescono di volume e sono molto sazianti. Si cucinano in acqua...
Primi Piatti

Come cucinare la pasta di riso

La pasta di riso è un piatto tipico dell'Oriente, ma è ormai molto amato anche nella nostra cucina. La preparazione è molto semplice, poiché si tratta di una pietanza molto più leggera rispetto alla tradizionale pasta, quindi perfetta per chi è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.