Come cucinare le fave fresche

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le fave sono dei legumi che, solitamente, vengono coltivate in zone climatiche temperate; oltre ad essere semplici da trattare, poiché non necessitano di una grande cura, sono molto veloci da cucinare. Il periodo migliore per mangiare le fave è sicuramente tra la primavera e l'estate. In queste stagioni, quindi, possiamo trovare facilmente le fave. Questo legume è oltretutto buonissimo da consumare sia cotto che crudo. Nella seguente guida vedremo insieme come cucinare le fave fresche.

26

Occorrente

  • Fave fresche
36

Le fave possono essere preparate per essere mangiate come antipasto. Sono ottime nei vol-au-vent oppure spalmate sulle tartine. Come prima cosa, prima di utilizzare le fave come ripieno o crema, dovete sgranarle e privarle della pellicina che le ricopre; dopodiché versate in una padella capiente un goccio d'olio e della cipolla tritata finemente. Fate rosolare il tutto e quando sarà pronto, aggiungete le fave e lasciatele cuocere per circa 10 minuti. Una volta che queste saranno cotte, potrete scegliere se frullarle, ed ottenere una purea, oppure se lasciarle intere. Qualora decideste di frullarle, una volta fatto potrete utilizzarle come ripieno. Le fave possono essere accompagnate con la pancetta croccante, con il salame, con il formaggio grattugiato o con delle semplici spezie (come pepe o peperoncino).

46

Con le fave può essere preparata anche una deliziosa frittata di piselli e fave. In una padella dovete mettere un filo d'olio e, quando sarà caldo, aggiungere le fave ed i piselli (i piselli in scatola sono più veloci da preparare); in una terrina sbattete cinque uova ed aggiungete il sale e del formaggio grattugiato. Quando avrete sbattuto il composto, versatelo nella padella assieme alle fave e ai piselli. Basteranno pochi minuti di cottura per ogni lato e la frittata sarà pronta per essere servita. Potete sostituire i piselli anche con i fagiolini, i carciofi, i funghi o gli asparagi.

Continua la lettura
56

Le fave sono perfette da accompagnare alla pasta. La ricetta più classica e conosciuta è senza ombra di dubbio la zuppa con le fave. Dovete cuocere, semplicemente, le fave in una pentola con olio, cipolla, sale e del brodo vegetale. Un altro modo per utilizzare le fave come condimento per la pasta è di farne un pesto: le fave cotte devono essere frullate in un mixer assieme all'olio, una spolverata di pecorino, dell'aglio e della menta; una volta che avrete ottenuto la consistenza desiderata, potrete unire la crema alla pasta e mantecarle con una noce di burro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando sgranate e private della pellicina le fave, queste possono essere consumate subito

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Frittata con fave pecorino e timo: ricetta

La ricetta della frittata con fave pecorino e timo permette di realizzare un piatto completo e delizioso. Se non trovate le fave fresche, acquistatele surgelate. L'importante è che non siano in barattolo. La preparazione è abbastanza semplice ma occorre...
Antipasti

Come preparare una salsa di fave

Le fave sono un alimento tipico dell'Italia centro - meridionale, infatti, fanno parte della tradizione romana che le pone come protagoniste nella ricorrenza del Primo Maggio. In questa giornata tutti i cittadini si muovono verso la campagna romana dove,...
Antipasti

5 ricette con le fave

Le fave sono un alimento antichissimo, ricco di proteine e fibre vegetali ma povero di grassi. È una fonte naturale di nutrienti, vitamine e sali minerali. Questo legume può essere utilizzato per creare tantissimi pianti semplici, gustosi e genuini....
Antipasti

Fave bollite con finocchietto selvatico

Le fave fanno parte della famiglia dei legumi e sono degli alimenti nutrienti e gustosi. In passato rappresentavano uno dei piatti poveri, consumati per lo più dagli artigiani e dai contadini. Esistono moltissime ricette per poter preparare le fave,...
Antipasti

Come fare la vellutata di fave e sedano

Le vellutate sono delle preparazioni a base di verdure o legumi che vengono servite come antipasto o come contorno. Accompagnate con i crostini o insaporite con pancetta o salumi sono veramente deliziose. La parola vellutata sta ad indicare una preparazione...
Antipasti

Come preparare i tortini di riso alle fave

Se volete deliziare i palato dei vostri amici oppure volete stupire i vostri invitati con qualcosa di veramente particolare, provate a realizzare questi gustosi tortini di riso alle fave. È necessario avere a disposizione un po’ di tempo e un pizzico...
Antipasti

Cartocci di fave e formaggio

Scegliere un piatto alternativo, che possa accontentare tutti a tavola non è facile. Quindi, la soluzione è chiaramente quella di trovare un'idea controcorrente. Ignorando per esempio la carne, e utilizzare soltanto dei legumi. Accompagnandoli con altri...
Antipasti

Ricetta: Flan di polenta, fave e gamberi

Per i vostri pranzi speciali, servite in tavola dei morbidi flan di polenta, con un cremoso ripieno di fave e gamberi. Si tratta di un antipasto sfizioso, che coniuga il sapore corposo della polenta a quello dolce delle fave e dei crostacei freschi. La...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.