Come cucinare le ostriche

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come cucinare le ostriche

Le ostriche sono da sempre considerate i molluschi più nobili del mare e per questo motivo si consumano in grande quantità soprattutto in occasione di sontuosi banchetti. Per cuocerle non è difficile, ma per prepararle in modo gustoso, è necessario attenersi ad alcune ricette. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni consigli su come cucinare le ostriche.

26

Occorrente

  • Ostriche
  • Sale
  • Peperoncino
  • Insalata e pomodori per decorare
  • Pangrattato
  • Olio extravergine d'oliva q.b.
36

Procurare le ostriche

La prima operazione da compiere per cucinare le ostriche, è ovviamente quella di procurarvele fresche presso il vostro rivenditore di fiducia. Questi molluschi infatti potrebbero provocare problemi di salute se non sono controllati, e quindi provenienti da colture protette o da mari puliti. Calcolate le ostriche a pezzi, in base a quanti idealmente ne consumeranno i vostri invitati. In commercio, esistono anche delle ostriche ad apertura facilitata cioè leggermente aperte e cosparse di una resina (non tossica) che aiuta le cuoche meno esperte.

46

Condirle con aglio olio e peperoncino

Per iniziare munitevi di un coltellino, e fatelo scivolare lungo la conchiglia facendo pressione verso l'alto (nella parte bassa dell'ostrica) per promuovere l'apertura. Se siete alle prime armi, tenete in mano un canovaccio intorno al mollusco per evitare di farvi male. Una volta aperte tutte le ostriche buttate via l'acqua interna e lasciatele riposare per una mezz'ora, ovvero il tempo giusto per farle spurgare completamente. Togliete inoltre tutti i filamenti di muscolo che ci saranno intorno al corpo centrale che si mangia. Date poi una sciacquata rapida sotto l'acqua corrente fredda per assicurarvi che tutte siano pulite. A questo punto escludendo la possibilità di mangiarle crude e con una semplice spruzzata di pepe e limone, ecco due modi semplici per cucinarle e renderle ugualmente appetitose. Il primo consiste nel lasciarle nel loro metà guscio e condirle con aglio olio prezzemolo e peperoncino, per poi farle rosolare in padella con dell'altro olio, categoricamente di tipo extravergine d'oliva.

Continua la lettura
56

Gratinare le ostriche

Una volta pronte decorate il piatto da portata con delle fettine di limone e guarnite poi il tutto con delle foglioline d'insalata e alcune fettine di pomodori. Il secondo modo per cucinare le ostriche e che le rende davvero gustose, consiste nel farle gratinare. Nello specifico si tratta di condirle con aglio, olio e peperoncino e poi riempire la cavità con del pangrattato. A questo punto le potete inserire nel forno a microonde, e lasciarle cuocere per circa 4 minuti. Una volta pronte, servitele fredde come antipasto e accompagnate da un bel prosecco.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come riconoscere le ostriche fresche

L’ostrica è un mollusco vivente nei fondali della costa, il quale si trova all'interno di una conchiglia grigia con sfumature grigio/viola. Essa ha una forma tondeggiante e presenta due valve unite fra loro da una sorta di cerniera. La superficie esterna...
Pesce

5 modi per cucinare il baccalà

Il pesce è uno degli alimenti che fa bene al nostro organismo. Il baccalà, in particolare, è un tipo di pesce sotto sale. Concretamente si tratta di merluzzo proveniente perlopiù dalla Norvegia, dove viene sapientemente trattato ed esportato ovunque....
Pesce

5 modi di cucinare l'orata

L'orata (Sparus Aurata) è un pesce di mare della famiglia degli Sparidi. Questo pesce, estremamente versatile da cucinare, è dotato di carni bianche, magre e saporite. L'orata è dunque in grado di colpire con il suo sapore gradevole anche i palati...
Pesce

5 modi diversi per cucinare lo sgombro

In questa lista vi elencherò 5 modi diversi per cucinare lo sgombro. Proprio così, perché si sa, la cucina italiana è quella che più varia al mondo. Comprende tantissime ricette con tantissime rivisitazioni una più gustosa dell'altra. Lo sgombro,...
Pesce

5 ricette facili per cucinare l'astice

In questo articolo vi illustrerò 5 ricette facili per cucinare l'astice. L'astice rappresenta un'ottima alternativa all'aragosta. L'astice deve essere sempre di buona qualità, che sia fresco oppure surgelato. Nei passi successivi vi fornirò qualche...
Pesce

Come pulire e cucinare il grongo

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo cercare di proporre il modo per imparare come pulire e cucinare il grongo, nella maniera più semplice, pulita ed efficace possibile, affinché possiamo cucinarlo e proporlo come ricetta ai nostri ospiti, che...
Pesce

Come cucinare i calamari ripieni di carciofi

In questo articolo vi spiegherò come cucinare i calamari ripieni di carciofi. I calamari ripieni sono una delle ricette più amate e più gustose tra i secondi piatti di pesce. I calamari ripieni possono essere preparati in anticipo e poi riscaldati...
Pesce

5 modi di cucinare la sogliola

Per chi ama cucinare e mangiare il pesce, la sogliola, è uno di quei pesci che si adatta alla preparazione di diverse e squisite ricette adatte a grandi e piccini. La sogliola ha meno lische di molti altri pesci, ha un sapore delicato e sfizioso al palato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.