Come cucinare le rane

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: difficile
Come cucinare le rane
16

Introduzione

Nella nostra cultura gastronomica non è usuale trovare delle rane nel piatto. Ma l'eno-gastronomia ha allargato i suoi confini, e, come la cucina italiana si è diffusa in tutto il mondo, anche i piatti tipici di altri paesi hanno conquistato un posto importante nelle nostre abitudini culinarie. Le rane sono un secondo piatto poco conosciuto, ma molto usato nel nord Italia e in Francia. Hanno un gusto molto delicato, simile alla carne di pollo o al pesce, sono molto digeribili e sono versatili in cucina. Questo alimento ha le sue radici nella umile ed antica tradizione, dato che le rane, grazie al contributo proteico della loro carne e alla facilità con cui si possono pescare, venivano usate durante la guerra per preparare numerosi piatti. Da piatto povero, oggi la rana è divenuta un piatto da gourmet: si trova solo nei migliori ristoranti, e per giunta a caro prezzo! La parte commestibile di tutta la rana è la coscia, e le ricette per cucinare questo alimento sopraffino sono molte. In questa guida ne vedremo alcune.

26

Occorrente

  • Rane fritte: rane, aceto di vino bianco, prezzemolo, pepe bianco, uova, farina, vino bianco, olio e sale. Vino rosso aspro e robusto.
  • Rane al limone: rane, farina, sale, pepe, burro, vino bianco, scorza di limone e peperoncino. Vino bianco morbido e fruttato.
  • Rane in umido: rane, aceto di vino bianco, cipolla, prezzemolo, olio extravergine, pomodoro, peperoncino, sale, pepe, acqua calda. Vino rosso ampio e corposo.
36

Cosce di rana fritte. Il fritto è una tecnica di cottura che piace a tutti e rende più sfizioso qualsiasi alimento: se volete avvicinare i vostri commensali al gusto dolce ed insolito delle rane, potete proporle fritte in una pastella al vino. Prendete 1 kg di rane pulite e sciacquate con acqua fresca. Preparate una marinata con 100 ml di aceto di vino bianco, 20 grammi di prezzemolo tritato finemente e pepe bianco macinato fresco. Immergete le rane per 2 ore nella marinata, facendo attenzione che siano tutte ben coperte. Intanto preparate la pastella: in una ciotola e sbattete 1 uovo intero ed un tuorlo, aggiungendo 100 grammi di farina, mezzo bicchiere di vino bianco, un cucchiaio di olio e il sale. Lavorate bene la pastella con una forchetta fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi. Prendete ora le rane, asciugatele con un foglio di carta e immergetele nella pastella. Con un cucchiaio versatele in una padella con abbondante olio di arachide bollente e pronto alla frittura. Se non volete consumare troppo olio, vi consiglio di adoperare una padella di piccolo diametro. Lasciatele cuocere a fuoco per 4-5 minuti e ricordate di mettere uno spargifiamma sotto la padella, per ottenere una diffusione del calore uniforme. Consiglio di servire ben caldo, accompagnato da un vino rosso aspro e robusto.

46

Cosce di rane al limone. Questa ricetta è una rivisitazione delle scaloppine di vitello: si prepara in pochi minuti e il risultato è ottimo e gustoso. Prendete 100 grammi di farina, aggiungete sale e pepe e infarinate 500 grammi di cosce di rana. In una padella fate sciogliere a fuoco lento 40 grammi di burro. Potete ora aggiungere le rane facendole rosolare. Intanto in una tazza mettete un bicchiere di vino bianco, la scorza del limone e peperoncino. Consiglio di non grattare la parte bianca della scorza di limone, onde evitare che la salsina venga amara. Lasciate riposare qualche minuto e versate nella padella con le rane. Fate ora cuocere il tutto per 10 minuti con il coperchio, per poi scoprire per far sfumare la salsa. Consiglio di servire questo prelibato piatto ancora caldo, accompagnato da un vino bianco morbido e leggermente fruttato.

Continua la lettura
56

Cosce di rana in umido. Questo piatto è molto apprezzato nella cucina popolare, ma ultimamente molti ristoranti stanno inserendo questa ricetta nei loro menu: basta un piccolo assaggio per esserne conquistati. Sciacquate le rane in acqua e aceto di vino bianco, per poi asciugarle con carta da cucina e farle riposare in frigo fino al momento in cui bisognerà cuocerle. Tritate ora la cipolla e il prezzemolo e fate soffriggere il mix con olio extravergine di oliva, che darà un sapore corposo alle vostre coscette di rana. Aggiungete pomodoro, peperoncino, sale, pepe, aceto di vino bianco e acqua, che avrete appositamente fatto scaldare prima di mettere a soffriggere il trito di cipolla e prezzemolo. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere a fuoco dolce per circa mezz'ora, mescolando di tanto in tanto. Aggiungete le cosce di rana e lasciatele cuocere, senza smuoverle troppo e con coperchio, per quindici minuti. Spegnete ora la fiamma e fate riposare il tutto per circa dieci minuti. Servite le vostre gustosissime coscette di rana accompagnate da crostini di pane o polenta grigliata. Accompagnate il tutto con un vino rosso ampio e corposo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non fate cuocere troppo le rane, altrimenti la carne risulterà stoppacciosa e poco gradevole.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Ricetta: come fare le rane in guazzetto

Le rane in guazzetto sono un tipico piatto, molto apprezzato e saporito della cucina lombarda, particolarmente nella zona di Pavia. Si tratta infatti, di un piatto completo, ricco di ferro, ma soprattutto dietetico. La preparazione del piatto è abbastanza...
Carne

Come preparare la zuppa di rane

Sebbene molti considerino le rane non commestibili e difficilmente riuscirebbero a dare un morso a queste creature, le rane sono invece molto utilizzate nelle ricette di tutto il mondo. Anche l'Italia non è da meno e utilizza le rane in tantissimi modi...
Primi Piatti

Come preparare un risotto afrodisiaco

Il termine afrodisiaco deriva dal nome dato alla dea dell'Amore, Afrodite; con tale termine si indicano quelle sostanze che hanno la capacità di eccitare lo stimolo sessuale. Per quanto riguarda il cibo, sono diversi gli alimenti dotati di questa proprietà,...
Pesce

Primi piatti con la rana pescatrice

Cucinare il pesce, non sempre si rivela facilissimo. La delicatezza di queste carni infatti, rivela delle insidie durante la cottura. Proprio per questo motivo, si finisce per ripiegare su ricette testate! Il rischio però è quello di diventare ripetitivi...
Pesce

Ricetta: spiedini di rana pescatrice e patate

In questa guida vado a spiegarvi passo dopo passo come realizzare una ricetta alquanto ricercata. Sto parlando degli spiedini di rana pescatrice e patate. Non tutti sanno che questa ricetta ha origini antichissime. Si narra che in passato i vecchi lupi...
Antipasti

Come preparare le polpette di rana pescatrice grigliate

A volte iniziare una dieta sana fa pensare a cibi che nessuno vuole mangiare mai, alla tristezza di dover anche assaggiare nuove cose, perché sono scritti nella dieta.In particolare, quando parliamo di bambini, viene sempre difficile far mangiare loro...
Pesce

Ricetta: filetto di rana pescatrice al cartoccio

Spesso si ha la voglia di sorprendere i propri ospiti invitandoli a cena e preparando qualcosa di davvero speciale, che nessuno può aspettarsi. Tra le varie pietanze più pregiate e più gustose da poter servire in tavola, è possibile scegliere di preparare...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare la rana pescatrice

La rana pescatrice è un pesce molto diffuso nel Mare del Nord, presente anche nel Mediterraneo. Le sue carni magre sono molto buone. Vedremo insieme 5 modi per cucinare la rana pescatrice. Per prima cosa impariamo a pulire una rana pescatrice. Tagliamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.