Come cucinare le seppie al nero

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come cucinare le seppie al nero
16

Introduzione

Se siete stanchi di cucinare sempre le stesse cose e desiderate preparare un menù abbondante, senza però spendere un'elevata somma di denaro, avete trovato la guida che fa per voi. Nei passi che seguono vi sarà infatti spiegato come poter cucinare le seppie al nero, un piatto davvero buonissimo che sarà in grado di conquistare anche i palati più esigenti e che non costa neanche moltissimo. Vediamo quindi insieme come procedere nel dettaglio.

26

Occorrente

  • 400g seppie
  • 1 cipolla
  • 1 bicchiere piccolo di vino bianco secco
  • 3/4 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • olio e sale
36

Acquistate le seppie

Come prima cosa recatevi dal vostro pescivendolo di fiducia ed acquistate tutti gli ingredienti freschi. Una cosa molto importante da non sottovalutare è quella di reperire delle seppie che non siano congelate, perché in tal caso vi risulterà difficile staccare le sacche indurite che contengono il nero. Acquistate delle seppie non troppo piccole, perché di conseguenza anche le sacche che contengono il nero avrebbero dimensioni ridotte e quindi conterrebbero poco prodotto. Se non ve la sentite di preparare il pesce e privarlo da soli delle sacche di nero, potrete tranquillamente acquistare il prodotto già pulito e separatamente il nero.

46

Togliete via la sacca

Lavate successivamente le seppie sotto il getto dell'acqua corrente fredda, una per una. Prendete successivamente delle forbici con lama a zig zag e tagliate delicatamente la seppia lateralmente. Appena avrete tagliato la seppia, potrete aprire la stessa a libro e sarà diventata piatta, consentendovi di rimuovere le interiora e la sacca del nero. Con un coltello dalla lama liscia togliete via la sacca del nero e ponetela all'interno di un bicchiere vuoto. Pulite per bene sotto l'acqua la seppia, privatela delle interiora e mettetela da parte. Ripetete quest'operazione per tutte le altre seppie.

Continua la lettura
56

Mescolate accuratamente il tutto

A questo punto prendete seppia per seppia e tagliatele a strisce più o meno grandi, lasciando però interi i loro ciuffetti. All'interno di una padella di media dimensione fate soffriggere la cipolla tritata con l'aggiunta di quattro cucchiai d'olio, fino a quando non sarà ben rosolata. A quel punto aggiungete le seppie e fatele insaporire con un bicchiere piccolo di vino bianco secco. Dopodiché aggregate il concentrato di pomodoro, circa tre o quattro cucchiai. Mescolate accuratamente il tutto. Dopo circa dieci minuti di cottura unite il nero dell'inchiostro e amalgamate bene. Regolate di sale e lasciate cuocere altri dieci minuti a fuoco dolce. Adesso le vostre seppie al nero saranno pronte e potrete utilizzarle per cucinare un ottimo primo pasto. Buon appetito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ripieni vegetali per le seppie

La seppia è un mollusco molto diffuso nel mar Mediterraneo e per questo motivo è presente in tantissime ricette italiane. La seppia fa parte della dieta mediterranea, è saporita ed è ricca di sostanze nutritive quali proteine, grassi buoni e sono...
Pesce

Come pulire le seppie

La cucina italiana è ricca di ricette squisite, famose ormai in tutto il mondo. Tra i piatti migliori che si possono trovare, probabilmente quelli a base di pesce o frutti di mare sono tra questi. Le seppie sono un ottimo alimento che si presta alle...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare la seppia

La seppia è un mollusco marino molto diffuso nel Mediterraneo. Viene utilizzato nella nostra cucina per la realizzazione di piatti molto gustosi. Vedremo insieme 5 modi per cucinare la seppia. Per prima cosa vediamo velocemente come si preparano le seppie...
Pesce

Ricetta: seppie ripiene

Le seppie ripiene sono uno tra i piatti più conosciuti ed amati della cucina tradizionale italiana presente soprattutto lungo le coste del sud. Semplice, gustoso e veloce da preparare, vi farà fare un ottima figura con amici e parenti. La ricetta che...
Consigli di Cucina

Come conservare il nero di seppia

Il nero di seppia è un liquido di colore molto scuro che viene estratto dalle vesciche o sacche delle seppie. Il colore scuro del nero di seppia è dovuto al contenuto di melanina. Spesso nel passato si utilizzava per scrivere come inchiostro naturale....
Primi Piatti

Come preparare i tagliolini al nero di seppia

Il nero di seppia è una delle prelibatezze maggiormente apprezzate nelle cucine di tutto il mondo e viene utilizzato soprattutto per preparare degli squisiti primi piatti di pasta. I tagliolini al nero di seppia spesso li possiamo trovare già preparati...
Primi Piatti

Primo al nero di seppia: come prepararlo

Il primo al nero di seppia è il tipico piatto che si può realizzare in due modi: con il pesce surgelato, quindi pochissimo sforzo e denaro oppure con il pesce fresco e un po' più di lavoro. È un primo gustoso ed originale, ottimo per fare un figurone...
Pesce

Come preparare le seppie ai peperoni

Il pesce è uno degli alimenti più nobili e utilizzati nella cultura culinaria italiana. Uno dei pesci più versatili e adatto alla realizzazione di tantissimi piatti è la seppia. Infatti in varie regioni italiane le seppie fanno parte di svariati piatti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.