Come cucinare polpi e seppie

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le seppie e i polpi, così come i calamari, sono membri della famiglia delle cefalopode di mare e sono molluschi commestibili. Sono facili da preparare a casa e possono essere cucinati in molti modi, oppure consumati crudi. I polpi hanno 8 o 10 tentacoli e la carne è senza osso, cartilagine o strati di grasso; le seppie, invece, hanno un corpo sagomato simile al calamaro, ma sono generalmente più piccole e quindi non sono adatte per l'imbottitura. Hanno un becco a forma di disco all'interno del quale, quando essiccato, viene dato agli uccelli in gabbia come fonte di calcio. Questi due molluschi possono essere più o meno intercambiabili tra le diverse ricette. Vediamo allora come cucinare polpi e seppie.

26

Occorrente

  • Aglio, olio e peperoncino
  • Pomodorini di collina 200 gr.
  • Piselli piccoli 200 gr.
  • Polpi e seppie 500 gr.
36

Polpi o seppie al sugo

I polpi o le seppie possono essere cucinati con un sughetto, realizzato con dei pomodorini a pezzettoni: prendiamo un tegame, uniamo un filo d'olio d'oliva e facciamo soffriggere la cipolla tagliata finemente. Dopo che abbiamo pulito i polipi o le seppie, li facciamo soffriggere nell'olio, uniamo i pomodori a pezzettoni e giriamo con un mestolo di legno. Facciamo insaporire il pesce e aggiungiamo un bicchiere d'acqua, copriamo e lasciamo cuocere per circa un'oretta; ogni tanto giriamo con un mestolo, in modo tale che il pesce non si attacca alla padella. Una volta pronto chiudiamo il gas e lo poniamo in una pirofila, aggiungendo una ma insalata di prezzemolo tritato.

46

Polipo in bianco

Un metodo per preparare i polpi consiste nel mettere i polpi in una pentola con dell'acqua e farla bollire, assicurandoci che alla fine risulti morbido, facendo di continuo la prova della forchetta, che deve affondare nei vari pezzi in modo facile. Una volta lessato, il polpo lo possiamo preparare con una salsa, arricchita di aglio, olio e con l'aggiunta di abbondante peperoncino. Adesso i polpi si inseriscono nella padella con la salsa, e si lasciano cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti.

Continua la lettura
56

Seppie in padella

Per quanto riguarda invece le seppie essendo piccole, sono molto gustose se fritte, ma dovendo preparare una ricetta un tantino più elaborata, possiamo sceglierne tra tante, e in questa guida ne proponiamo una tra le più semplici e conosciute, ovvero le seppie con i piselli. La preparazione, consiste nel lessare le seppie, farle poi saltare in padella con aglio, olio e peperoncino, dopodiché le mettiamo in un tegame basso e le cuociamo a fuoco lento, insieme a due o tre pomodorini di collina, per circa una mezz'ora, aggiungendo di volta in volta dell'acqua calda, con all'interno un mezzo dado vegetale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

5 modi per cucinare la seppia

La seppia è un mollusco marino molto diffuso nel Mediterraneo. Viene utilizzato nella nostra cucina per la realizzazione di piatti molto gustosi. Vedremo insieme 5 modi per cucinare la seppia. Per prima cosa vediamo velocemente come si preparano le seppie...
Consigli di Cucina

Idee per chi non sa cucinare

La cucina ai giorni d'oggi è qualcosa della quale non si può fare a meno. Anche solo per questioni di sopravvivenza, cucinare diventa essenziale e bisogna imparare i piatti base della cucina italiana. Pasta asciutta, carne e pesce ai ferri e insalata...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare i fagiolini

I fagiolini sono degli ortaggi che si possono cucinare in vari modi. Questi legumi hanno un basso contenuto calorico spetto agli altri. Ma nel contempo contengono molta acqua e fanno bene all'organismo. Essi sono dei baccelli di colore verde dalla forma...
Consigli di Cucina

Come cucinare con la vaporiera

Di questi tempi in cui DIETA sembra essere la parola d'ordine per tutti, a farla da padrona in cucina è la VAPORIERA, indispensabile per cucinare verdure, e non solo, nella maniera più sana e dietetica possibile. Si, perché anche se non si segue un...
Consigli di Cucina

Come cucinare il sedano rapa

Prima di entrare nei mille modi per cucinare il sedano (e ci sono davvero molte scelte), abbiamo bisogno di parlare di peeling e preparazioni varie. Non importa quale metodo di cottura si decida, il sedano deve essere accuratamente rimosso dai pelati....
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le carote

Le carote sono un ortaggio gustoso dal colore arancione. Sono delle radici che si presentano di varie forme e tonalità a seconda della famiglia di origine e del luogo di coltivazione. Ottime per la grande quantità di vitamina E, B, PP e per il beta...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare le lumache

Amate le lumache ma credete di non essere in grado di cucinarle? State tranquilli, ci pensiamo noi! Anche se le lumache sono spesso abbinate all'eccellenza della cucina francese e sembrano quindi essere un alimento molto complicato da cucinare, non è...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare i peperoni

C'è chi li ama e chi non li digerisce, chi li metterebbe ovunque e chi li preferisce solo senza la pelle. Di cosa stiamo parlando? Dei peperoni, una delle piante più utilizzate nella cucina italiana ed internazionale. Il peperone appartiene al genere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.