Come cucinare un sarago

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come cucinare un sarago
17

Introduzione

Il sarago è un pesce dalla caratteristica forma tondeggiante, di colore grigio con riflessi argentei, ha come particolarità una macchiolina nera sulla coda. Della stessa famiglia dell'orata, le sue carni bianche sono molto pregiate, ricche di omega 3 e sali minerali. Viene pescato nel Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico orientale ed in cucina è molto versatile. Può essere utilizzato per dare intensità e sapore alle zuppe di pesce o per i primi piatti, ma le ricette più apprezzate sono quelle che prevedono la cottura al forno, al vapore oppure al cartoccio. Ma vediamo ora come cucinare il sarago.

27

Occorrente

  • 1 sarago
  • 1 limone
  • 2 spicchi d'aglio
  • un rametto di rosmarino
  • Sale e pepe
  • 2 o 3 cucchiai di pangrattato
  • olio extra vergine di oliva
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
37

Preparazione del sarago

Iniziamo la preparazione del sarago pulendo il pesce, prima di tutto incidete con un coltello la pancia ed estraete tutte le interiora. Poi passatelo sotto l'acqua corrente per eliminare i residui di sangue. Ora procedete togliendo le squame utilizzando la parte liscia del coltello oppure l'apposito utensile partendo dalla coda fino alla testa ed una volta finito passatelo di nuovo velocemente sotto l'acqua corrente.

47

Preparazione del ripieno

Passiamo alla preparazione del ripieno del sarago. Prendete l'aglio e tritatelo finemente, fate lo stesso con il rosmarino ed unite le spezie tritate al pangrattato a cui avrete aggiunto un paio di cucchiai di olio, un po' di sale e di pepe. Prendete le fettine di limone ed inseritele nella pancia del pesce, poi finite di riempire con il composto di pangrattato. Mettete il sarago in una pirofila da forno con i bordi alti e condite la superficie del pesce con dell'olio, il mezzo bicchiere di vino bianco, un pizzico di sale e di pepe.

Continua la lettura
57

Cottura del sarago

La cottura, come quella della maggior parte dei pesci, è abbastanza veloce. Mettete la pirofila nel forno già caldo a 180° per circa 20 minuti. Non è necessario girare il pesce durante la cottura ma se vedete che si asciuga troppo bagnatelo con dell'altro vino bianco. Quando sentirete un buon profumo uscire dal forno e la pelle del sarago si staccherà facilmente dalla polpa il pesce sarà pronto. A questo punto toglietelo dal forno e servitelo in tavola ben caldo su di un piatto da portata.

67

Suggerimenti e varianti

Vi suggerisco di servire il sarago con un contorno semplice come ad esempio delle patate arrosto oppure delle verdure grigliate. Potete inoltre provare la cottura al sale, alla griglia oppure al cartoccio. In questo caso potete mettere le spezie che preferite ed aggiungere pomodorini ed olive. I pomodorini serviranno a mantenere l'umidità all'interno del cartoccio ed allo stesso tempo renderanno più saporita e morbida la carne del sarago. Naturalmente dovrete servirlo accompagnato da un buon vino bianco.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete riconoscere un sarago fresco dall'occhio sporgente e brillante, dalla carne soda e compatta e dall'odore tenue
  • Consumatelo il prima possibile togliendo le squame solo poco prima di cucinarlo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come preparare il sarago al forno

Se volete preparare un secondo piatto semplice, gustoso e anche poveri di calorie, ecco a voi il sarago al forno. Con pochi e semplici ingredienti riuscirete a proporre in tavola una specialità tipica mediterranea che sicuramente piacerà a tutti, bambini...
Pesce

Ricetta: tartare di sarago in agrodolce

La cucina italiana come tutti ben sanno ha una vasta gamma da piatti da poter realizzare, essi si differenziano per tante cose, come ad esempio il tempo per prepararli o come le stagioni più adatte per metterli in atto. Tenendo conto di quest'ultimo...
Pesce

5 modi per cucinare il baccalà

Il pesce è uno degli alimenti che fa bene al nostro organismo. Il baccalà, in particolare, è un tipo di pesce sotto sale. Concretamente si tratta di merluzzo proveniente perlopiù dalla Norvegia, dove viene sapientemente trattato ed esportato ovunque....
Pesce

Come cucinare polipetti e fagioli

Molte volte ci chiediamo cosa cucinare per evitare di mangiare sempre le stesse pietanze. Grazie ad internet potremo cercare moltissime ricette, ma se stiamo cercando qualcosa di particolare e gustoso allora questa è la guida che fa al caso nostro....
Pesce

5 modi di cucinare l'orata

L'orata (Sparus Aurata) è un pesce di mare della famiglia degli Sparidi. Questo pesce, estremamente versatile da cucinare, è dotato di carni bianche, magre e saporite. L'orata è dunque in grado di colpire con il suo sapore gradevole anche i palati...
Pesce

5 modi diversi per cucinare lo sgombro

In questa lista vi elencherò 5 modi diversi per cucinare lo sgombro. Proprio così, perché si sa, la cucina italiana è quella che più varia al mondo. Comprende tantissime ricette con tantissime rivisitazioni una più gustosa dell'altra. Lo sgombro,...
Pesce

5 ricette facili per cucinare l'astice

In questo articolo vi illustrerò 5 ricette facili per cucinare l'astice. L'astice rappresenta un'ottima alternativa all'aragosta. L'astice deve essere sempre di buona qualità, che sia fresco oppure surgelato. Nei passi successivi vi fornirò qualche...
Pesce

Come cucinare dei nigiri al salmone

Chi ama il sushi sicuramente avrà assaggiato anche il nigiri. Si tratta di una preparazione a base di riso, su cui si adagia del pesce crudo. Il nigiri è molto in voga nei ristoranti specializzati ma si può cucinare facilmente anche a casa. Esistono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.