Come cucinare un Sarago

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come cucinare un Sarago
16

Introduzione

Il sarago è un pesce del Mediterraneo e dell'Oceano Atlantico orientale che pesa al massimo 2 chili e che ha una classica forma tondeggiante e compressa; una delle caratteristiche peculiari di questo pesce è la macchiolina nera sulla pinna. Rappresenta uno dei pesci più ambiti da pescare poiché la sua carne è indubbiamente molto prelibata, per cui è molto impiegato in cucina e i modi di cucinarlo sono davvero tanti. Vediamo allora come cucinare un sarago.

26

Occorrente

  • 2 saraghi
  • 1 limone
  • 4 spicchi d'aglio
  • Rosmarino e origano
  • Sale e pepe
  • 4 patate medie
  • Olio d'oliva
  • 1/2 bicchiere di vino bianco da tavola
  • Pirofila in porcellana o pirex
36

Pulire il sarago

Prima di tutto dobbiamo pulire minuziosamente il nostro sarago. Come per tutti i pesci, bisogna quindi eliminare le interiora incidendo lungo la parte inferiore e poi sciacquarlo sotto l'acqua corrente per togliere ogni eventuale residuo. A questo punto si deve provvedete all'eliminazione delle squame, e una volta completata l'operazione, saremo pronti per iniziare a cucinare il nostro sarago.

46

Farcitura

A questo punto farciamo la pancia del sarago, introducendo all'interno 1/2 spicchio d'aglio sbucciato e schiacciato un rametto di rosmarino una manciata d'origano, una fetta di limone e lo insaporiamo con sale e pepe bagnando poi il tutto con un po' d'olio. Adesso prepariamo un mix molto fine a base di aglio e rosmarino, e lo cospargiamo su tutta la superficie del pesce, aggiungendo infine del prezzemolo lavato e tritato. A questo punto prepariamo il contorno del nostro sarago, per cui spelliamo e tagliamo le patate che però non devono essere a pezzi troppo piccoli dato che il pesce richiede una cottura di 40 minuti. Premesso ciò le patate le cospargiamo di sale e pepe e le facciamo saltare in una padella con un filo d'olio dopodiché l'aggiungiamo al sarago già precedentemente condito in una pirofila. Quest'ultima la inseriamo adesso nel forno già caldo a 180 gradi e per circa quaranta minuti. A metà cottura irroriamo il sarago e le patate con mezzo bicchiere di vino bianco, così da mantenere le carni morbide. Dopo altri dieci minuti giriamo il pesce, in modo che entrambe le parti si dorino perfettamente e poi mescoliamo di tanto in tanto le patate.

Continua la lettura
56

Cottura

Il sarago sarà pronto quando, toccandolo con una forchetta, la pelle si staccherà facilmente dalla polpa e sentiremo un profumo delizioso. A cottura ultimata togliamo il pesce dal forno e lo serviamo in tavola ancora fumante, e adagiandolo magari su un piatto da portata, accompagnandolo con un buon vinello bianco categoricamente freddo e dal sapore leggermente asprino. Da sottolineare infine che se optiamo per la cottura nel forno a microonde, la pirofila deve ovviamente essere di pirex o di porcellana.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Vi consigliamo di cucinare il pesce senza congelarlo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: tartare di sarago in agrodolce

La cucina italiana come tutti ben sanno ha una vasta gamma da piatti da poter realizzare, essi si differenziano per tante cose, come ad esempio il tempo per prepararli o come le stagioni più adatte per metterli in atto. Tenendo conto di quest'ultimo...
Primi Piatti

Ricetta: crespelle con pescatrice e salsa di pistacchi

La salsa di pistacchi è un condimento originale e sfizioso usato per arricchire i primi piatti con un tocco inaspettato. Combinandola con crespelle e rana pescatrice, dà vita a una ricetta leggera e frizzante, ma allo stesso tempo gustosa per il palato....
Primi Piatti

3 ricette per lasagne vegetariane

Molto tempo fa la lasagna era tagliata grossolanamente in forme rettangolari. Queste forme si chiamavano losanghe, dette anche lasagne. Un piatto completo e gustoso che può essere servito anche come piatto unico secondo la preparazione. Scopriamo oggi...
Antipasti

Come fare carciofi ripieni gratinati

Tra gli alimenti più ricchi di sali minerali, fibre e vitamine, troviamo al primo posto le verdure. Preparare un buon contorno è importante per arricchire un pranzo o una cena, soprattutto se si tratta di golose verdure che si possono farcire. A questa...
Antipasti

Come preparare il gateau di broccoli

Una delle stagioni più adatta per poter gustare i broccoli è l'autunno. Ne esistono di molte varianti e si differenziano per gusto, per colore, per gusto e per tempo di cottura. Se non vogliamo usarli solo per il minestrone ma vogliamo esaltare il gusto...
Primi Piatti

Come fare lo sformato di polenta e carciofi

Gli sformati sono un piatto semplice da preparare; la loro realizzazione è consigliata per quei genitori che hanno difficoltà a far mangiare verdura ai bambini. Negli sformati la presenza di quest'ultima è mascherata dalla loro forma particolare e...
Pesce

Ricetta: gamberoni al sale grosso di Cervia

Eccoci qui, pronti per la preparazione e realizzazione, nella nostra cucina, di una nuova ricetta, questa volta con al suo interno il pesce. Nello specifico vogliamo utilizzare come ingrediente principale un ottimo crostaceo, come lo possono essere i...
Primi Piatti

Come preparare le lasagne al forno con zucchine e fiori

Esistono tante varianti delle lasagne al forno, tutte tipiche di ogni parte d'Italia. Le lasagne hanno origini antichissime e sostanzialmente si tratta di pasta all'uovo tagliata a grossi quadrati e conditi nelle più disparate e gustose maniere. Oggi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.